image_pdfimage_print

Per coloro che vogliono davvero essere guidati dalla scienza, mettete da parte l’isteria della crisi climatica. Possiamo spiegare la dinamica naturale di tutte le ondate semplicemente sapendo 1) come il calore viene trasportato lungo la superficie terrestre; 2) come il calore viene trasportato verticalmente; 3) come cambia il riscaldamento solare; e 4) come varia l’effetto serra.

Di seguito è riportata una mappa delle anomalie della temperatura per l’anno 2014 che illustra le dinamiche climatiche naturali. Non c’è un riscaldamento uniforme che ci si potrebbe aspettare da una coltre globale di gas serra. In tutto il mondo, le temperature superficiali si alternano tra regioni con calore superiore alla media (rosso) e regioni al di sotto della media (blu). (Le regioni grigie mancano di dati sufficienti). In effetti, gli Stati Uniti orientali più osservati sono più freddi, un “buco nel riscaldamento” un raffreddamento che contraddice il clima verso la tendenza al riscaldamento globale.  Questo richiede una spiegazione della dinamica climatica naturale.

L’andamento della temperatura è associato alle regioni in cui l’aria più calda da sud si è spinta più frequentemente verso nord, mentre contemporaneamente l’aria fredda da nord si è spinta verso sud. Questo modello è dovuto a una corrente a getto naturalmente ondulata e ai sistemi di pressione associati. Le regioni rosse, quindi più calde, indicano le regioni in cui dominano i sistemi ad alta pressione. Nell’emisfero settentrionale, i sistemi ad alta pressione provocano una circolazione atmosferica in senso orario che attira l’aria calda verso nord sul lato occidentale e l’aria fredda verso sud sul lato orientale. I sistemi a bassa pressione circolano in senso antiorario, tirando al contrario l’aria fredda verso sud sul suo lato occidentale. Questi schemi di circolazione combinati spiegano in parte sia il freddo estremo che ha abbassato le temperature del Texas fino a 50 °F al di sotto della media nel febbraio 2021, così come il riscaldamento estremo che ha innalzato le temperature del nord-ovest degli Stati Uniti di 30°- 40 °F sopra la norma nel giugno successivo. Allo stesso modo, nel 2019, il trasporto verso nord di aria calda dal deserto del Sahara ha causato ondate di calore in Europa e Groenlandia. Tale trasporto naturale di calore può anche far sì che l’Alaska costiera sia più calda della Florida.

Pubblicità

Di seguito è riportato un’illustrazione di come i sistemi ad alta e bassa pressione causano anche schemi opposti di circolazione dell’aria verticale, come nella naturale oscillazione di Madden Julian. I sistemi a bassa pressione sono regioni di aria che salgono verso l’alto. Quando l’aria sale, il vapore acqueo si condensa per formare nuvole. attraverso le nuvole aumentano l’effetto serra, le nuvole riducono il riscaldamento solare in misura maggiore. L’effetto netto provocato dalla temperatura superficiale più fredda. Per bilanciare il peso dell’aria che sale, l’aria deve affondare altrove, causando un sistema ad alta pressione. Tuttavia, quell’aria che affonda ora è quasi priva di vapore acqueo. I cieli sereni che ne derivano danno come risultato l’effetto serra, la fuoriuscita di più calore infrarosso, ma aumenta anche il riscaldamento solare. Poiché l’aumento del riscaldamento solare è maggiore, l’effetto netto è una temperatura superficiale più calda.

I sistemi ad alta pressione spesso causano ondate di calore nel modo in cui il calore viene trasportato, ai cieli sereni associati e all’aumento del riscaldamento solare. L’oscillazione della Madden Julian verso est, così come gli eventi di El Nino e così come gli eventi di El Nino e così La Nina insieme ad altre oscillazioni, possono interagire inaspettatamente per le regioni di affondamento dell’aria e quindi la posizione di un sistema ad alta pressione e di un’ondata di caldo.

Infine, il movimento verticale dell’aria aggiunge un’altra dinamica di riscaldamento. Le leggi del gas sono fisiche inequivocabilmente provate e affermano che semplicemente aumentando la pressione, la temperatura dell’aria aumenterà senza alcuna energia aggiunta (ovvero riscaldamento adiabatico). Pertanto, il peso crescente dell’atmosfera sull’affondamento dell’aria secca riscalda quell’aria di 5,4 °F per ogni 1000 piedi (305 metri) discendenti. Oltre al trasporto eolico di superficie, questa dinamica ha contribuito a registrare il calore sulla punta settentrionale della penisola antartica, dove l’aria scende dalle montagne. Lungo la costa occidentale degli Stati Uniti, Diablo winds) fa sì che la California sperimenti temperatura insolitamente calde (e incendi più grandi) durante l’inverno. Un flusso d’aria discendente simile dalle montagne Cascade ha contribuito all’ondata del giugno 2021 a Washington e nell’Oregon.

Anche quando l’aria discendente non raggiunge la superficie, riscalda anche la superficie sopprimendo la convezione. L’aria che entra in contatto con la superficie solare riscaldata dal sole si riscalda e sale (nota anche come convezione). Tuttavia, l’aria sale solo se è più calda dell’atmosfera circostante. L’aria discendente da diverse migliaia di piedi di altitudine si riscalda mentre cade. Eppure, nonostante il riscaldamento dell’aria raggiunga solo 100 piedi (305 metri) dal suolo, sopprime la convezione che normalmente trasporta il calore dalla superficie alla troposfera superiore. L’effetto è come il riscaldamento estremo dell’abitacolo di un’auto quando i finestrini arrotolati impediscono all’aria riscaldata di uscire.

L’esperto mondiale del clima degli Stati Uniti nordoccidentali, Cliff Mass, ha presentato prove che dimostrano che l’ondata di caldo del 2021 è stata un “evento del cigno nero” in cui tutte le dinamiche naturali discusse sopra convergono. Come illustrato dalle anomalie del caldo e del freddo globali di seguito, l’ondata di caldo da nord-ovest è stata un evento esclusivamente locale. Eppure, per la sua agenda, il Presidente Biden ha fatto paura l’ondata di caldo da nord-ovest come di crisi climatica globale. Biden non conosce la scienza e sembrerebbe sciocco in un dibattito sul clima. In modo inquietante, alcuni scienziati che dipendono dai finanziamenti per il riscaldamento globale suggeriscono anche che solo il riscaldamento globale spiega quell’ondata di caldo. Tuttavia, ignorano il fatto che i cieli sereni dell’ondata di caldo riducono l’effetto serra locale causato dal vapore acqueo. Inoltre, il riscaldamento globale non può spiegare eventi freddi come il freddo record in Europa appena 2 mesi prima. Quindi, attenzione! I media promuovono la disinformazione. Solo le dinamiche climatiche naturali spiegano scientificamente i recenti eventi meteorologici estremi.

Un pensiero in più aggiunto dalla prima pubblicazione. In contrasto con la paura dei media per le ondate di calore sempre crescenti dovute alla cosiddetta crisi climatica, ecco la tendenza dell’ondata di caldo dell’EPA:

link : perhapsallnatural

Pubblicità