24 dicembre 2017 - 12:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Joshua Nevett – Published 23rd December 2017

Un raffreddamento GLOBALE della durata di 120 anni innescherà inverni “più intensi” che minacciano mesi di temperature gelide e neve “nel giro di pochi anni”, avvertono gli scienziati del clima.

L’inverno più freddo degli ultimi cinque anni è stato previsto per la Gran Bretagna, con “neve diffusa” e temperature minime brutali di -17° C per tutto il periodo natalizio che si prevede siano “uno shock per il sistema”.

Durante le prime due settimane invernali, il Regno Unito è stato paralizzato da un’ondata di freddo che ha portato forti nevicate, ghiaccio e temperature sotto zero praticamente ovunque.

Parlando con il Daily Star Online, gli esperti di clima e meteo prevedono un periodo di freddo che si protrarrà fino alla fine dell’inverno nel Regno Unito, avvertendo “che se è stato freddo fino adesso lo diventerà ancora di più”.

Nei prossimi anni, David Dilley, del CEO di Global Weather Oscillations, crede che gli inverni diventeranno “più intensi” nel Regno Unito a causa di una combinazione di fattori climatici “pericolosi”.

La sua ricerca mostra che entro il 2019, la Terra entrerà in un ciclo di raffreddamento naturale di 120 anni che si verifica all’incirca ogni 230 anni, in controtendenza rispetto la tendenza al riscaldamento.

Si prevede inoltre che le previsioni di bassa attività solare per i prossimi 33 anni tra il 2020 e il 2053 faranno scendere i termometri, secondo le sue ricerche.

RAFFREDDAMENTO GLOBALE: Gli esperti di clima ritengono che la Terra stia per entrare in una fase di raffreddamento di 120 anni

La stragrande maggioranza degli scienziati ritiene che le temperature medie globali siano aumentate vertiginosamente nel secolo scorso, con prove che dimostrano che l’influenza umana è la causa principale.

Al fine di prevenire il riscaldamento globale catastrofico, quasi tutti i paesi hanno aderito a un patto climatico delle Nazioni Unite, il cui obiettivo è mantenere le temperature globali al di sotto dei 2° C.

Ma Dilley, un ex meteorologo del NOAA, sostiene che la Terra sta “uscendo” da un ciclo di riscaldamento globale di 230 anni e sta passando ad un periodo di raffreddamento di 120 anni.

Questi cicli di riscaldamento e raffreddamento globale sono determinati dalle forze gravitazionali della Terra, della luna e del sole, ha detto, citando prove “ben documentate dalla scienza”.

In altre parole, mentre la Terra si avvicina al sole, si osserva un riscaldamento globale, al contrario si osserva un raffreddamento mentre la Terra si allontana.

TIMELINE: David Dilley ha detto che i cicli di raffreddamento sono determinati dalle forze gravitazionali

“Se è stato freddo lo diventerà ancora di più.” David Dilley, CEO di Global Weather Oscillations

“La Terra sta attualmente uscendo da un ciclo di riscaldamento globale di 230 anni entrando in un ciclo di raffreddamento globale di 120 anni”, ha affermato.

“Arrivano all’incirca ogni 230 anni e ne abbiamo avuti cinque negli ultimi 1.000 anni.

“L’ultimo si è concluso nel 1800 ed è stato seguito da un drammatico raffreddamento che ha compreso l’anno senza estate nel 1816.”

Se la sua ricerca si rivela esatta, gli effetti del freddo durante gli inverni potrebbero avere conseguenze devastanti per l’economia globale, la vita umana e la società così come la conosciamo.

Dilley ha avvertito che “i fallimenti delle colture in tutto il mondo, la carestia e la malattia” potrebbero colpire “durante le prime fasi di ogni ciclo di raffreddamento globale”.

CICLI: David Dilley afferma che la Terra entra in un periodo di raffreddamento ogni 230 anni

John Hammond, fondatore del servizio meteorologico digitale, ha affermato che esiste un consenso scientifico sul fatto che il riscaldamento globale continuerà per il prossimo futuro.

Ma parlando al Daily Star Online, l’ex Met Office e il meteorologo della BBC hanno riferito che “i cicli naturali” avranno un effetto sulle temperature in alcune regioni.

“Non c’è dubbio che la tendenza a lungo termine del riscaldamento globale è destinata a continuare, a causa delle influenze prodotte dall’uomo”, ha detto.

“Tuttavia, ci sono cicli naturali, sia negli oceani che nell’atmosfera, che influenzeranno il grado di riscaldamento in varie parti del mondo nei prossimi decenni.

“C’è un’enorme quantità di ricerche in questo senso, e la verità onestamente è che non abbiamo ancora tutte le risposte”.

Un’area di ricerca che sta “riscuotendo molto interesse” è l’effetto dell’attività solare sul clima del pianeta, ha detto John.

La ricerca della professoressa di matematica Valentina Zharkova mostra che una bassa attività solare potrebbe far calare le temperature globali ai livelli più bassi da oltre 350 anni.

Entro tre anni drastiche riduzioni dei rilasci di calore dal sole potrebbero causare un raffreddamento sostanziale in Europa, Nord America e Asia.

Dal 1650 al 1710, le temperature di gran parte dell’Europa, inclusa la Gran Bretagna, crollarono quando il sole entrò in una fase tranquilla nota come Minimo di Maunder.

BRRR-ITAIN: I meteorologi ritengono che la Gran Bretagna affronterà il suo inverno più freddo degli ultimi cinque anni

Se la sua ricerca si rivela accurata, John ha riferito che c’è una “possibilità” di temperature più fredde, specialmente durante l’inverno.

“Ogni ciclo di macchie solari sta diventando più debole dell’ultimo”.

“In effetti, stiamo entrando in un periodo in cui l’attività solare diventerà più debole di quanto lo sia stata per molti secoli.

“Gli scienziati ritengono che ciò possa causare il blocco di alcune parti dell’emisfero settentrionale, inclusa l’Europa, piuttosto che il contrario, soprattutto in inverno.

“Ciò aumenterebbe le possibilità di tempo più freddo.”

Ma “nonostante il dibattito”, John ha detto che la tendenza globale di fondo è “ancora per un aumento le temperature”.

Fonte: Daily Star

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(29 voti, media: 4,31 su 5)
Loading...