image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 8 Agosto 2020

Ogni anno, dall’inizio di giugno alla fine di agosto, la Surface Mass Balance (SMB) della Groenlandia va in negativo, ovvero la calotta glaciale è nella sua stagione di fusione estiva e perde massa. Quest’anno, tuttavia, le cose sono andate in modo molto diverso …

Fondamentale per la sopravvivenza di un ghiacciaio è il suo Bilancio di Massa Superficiale, (BMS) la differenza tra accumulo e ablazione (sublimazione e fusione). I cambiamenti nelle PMI controllano il comportamento a lungo termine di un ghiacciaio e sono i suoi indicatori climatici più sensibili (wikipedia.org).

Pubblicità

Finora in questa stagione, questi indicatori climatici hanno raccontato una storia piuttosto diversa da quella rappresentata dai nostri media occidentali di propaganda. La Groenlandia non ha effettivamente iniziato a “sciogliersi” fino a metà/fine giugno, e all’inizio di giugno, quando la stagione dello scioglimento avrebbe dovuto iniziare, la calotta glaciale stava invece registrando guadagni mai visti prima:

https://electroverse.net/astonishing-record-breaking-gains-continue-across-the-greenland-ice-sheet/

Nel complesso, il resto di giugno e tutto luglio hanno continuato il trend di perdite inferiori alla media sulla calotta glaciale. E oggi, mentre entriamo nella seconda settimana di agosto, la PMI della Groenlandia ha effettivamente toccato lo “0” e sembra destinata a diventare positiva quasi un mese intero prima del previsto:

Linea blu (Gt/giorno): contributo giornaliero totale alla SMB dell’intera calotta glaciale. Linea grigia: valore medio 1981-2010 (DMI).
[polarportal.dk]

Nonostante questa “buona notizia”, ​​gli scienziati-attivisti e i loro cagnolini di MSM hanno aumentato il loro gioco di offuscamento negli ultimi tempi, dipingendo il crollo di una piccola piattaforma di ghiaccio di 190 chilometri quadrati nel Canada settentrionale (Milne) come una catastrofe per tutta l’umanità. Tuttavia, ciò che queste frodi non menzionano è lo scioglimento estivo anormalmente basso che si verifica nell’isola più grande del mondo. La calotta glaciale della Groenlandia copre 1,7 milioni di chilometri quadrati, quindi il bilancio tra guadagni/perdite inferiori alla media qui compensano FACILMENTE le perdite relativamente irrisorie di Milne.

“Il Milne Ice Shelf in Canada ha perso quasi il 40 per cento del suo ghiaccio in un periodo di due giorni a fine luglio”, urla un articolo offuscato da Yale Environment.

L’MSM non offre mai alcun contesto, quindi le masse non sanno mai di meglio.

Un contesto del tipo, indipendentemente da ciò che accade all’interno o intorno all’Artico, un enorme 90% del ghiaccio terrestre è rinchiuso in Antartide, e il ghiaccio dentro e intorno a questa regione polare meridionale è effettivamente IN AUMENTO, da quando sono iniziate le registrazioni satellitari 41 anni fa:

Tutto questo è in parte il motivo per cui esiste Electroverse, per smascherare gli attivisti dell’AGW e il loro carico di fake, quindi, offrire alle persone la possibilità di prepararsi a quella che è un’eventualità molto più probabile: il ritorno di TEMPI FREDDI, provocato dalla storica bassa attività solare, raggi cosmici nucleanti e un flusso a getto più meridionale.

La NASA ci ha riferito che questo prossimo ciclo solare (25) sarà “il più debole degli ultimi 200 anni” e l’agenzia ha a lungo correlato i precedenti minimi solari a periodi prolungati di raffreddamento globale.

Preparati al FREDDO: impara i fatti, trasferisciti se necessario e fai crescere il tuo sapere.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità