image_pdfimage_print

DI JOHN HINDERAKER – 30 Novembre 2022

L’Unione Europea si è impegnata a diventare “verde”. Ciò significa che stanno chiudendo impianti nucleari e a combustibili fossili affidabili e scommettendo su eolico e solare per soddisfare il loro fabbisogno energetico. I liberali ci assicurano che l’eolico e il solare rappresenteranno un risparmio sui costi. (Che, ovviamente, è il motivo per cui devono essere sovvenzionati.) Sempre come parte della sua agenda “verde”, gli europei si stanno muovendo per sostituire i veicoli a combustione interna con veicoli elettrici, con l’elettricità proveniente da eolico e solare.

Ma c’è un problema! L’intera essenza di un veicolo elettrico è la sua batteria, ma si scopre che non è possibile produrre batterie delle dimensioni di un’auto in Europa, perché la produzione di batterie richiede molta energia:

Pubblicità

Volkswagen, la casa automobilistica tedesca che si è impegnata a produrre nient’altro che veicoli elettrici in Europa entro il 2035, ora afferma che è “praticamente impraticabile” costruire le batterie di cui hanno bisogno a livello nazionale.

Questo è secondo il CEO di Volkswagen Thomas Schafer, che ha scritto su LinkedIn questa settimana che “A meno che non riusciamo a ridurre i prezzi dell’energia in Germania e in Europa in modo rapido e affidabile, gli investimenti nella produzione ad alta intensità energetica o in nuove fabbriche di celle per batterie in Germania e nell’UE saranno praticamente impraticabili”.

Perché l’energia è così costosa in Europa? Perché stanno chiudendo centrali elettriche affidabili e spendendo grandi quantità di denaro in impianti eolici e solari che producono poca elettricità. Che è una sorta di reductio che mette a nudo la follia di tutta l’impresa “verde”. Se l’eolico e il solare fossero davvero fonti di energia a basso costo, come insistono i liberali, allora non sarebbe proibitivo produrre batterie per auto “verdi”.

Oggi, abbiamo fatto di questo post di Francis Menton una “scelta”. Francesco ha un libro in uscita sull’accumulo di energia, che è il difetto fatale che inevitabilmente farà crollare l’intero progetto “verde”. Il suo post include questo, sulla totale futilità dell’energia solare, che è fondamentalmente un giocattolo, non una fonte di energia seria:

Il consumo tipico di elettricità nel Regno Unito in questo periodo dell’anno è dato da Homewood come 840 GWh, che sarebbe 35 GWh per ogni ora del giorno. La capacità degli impianti di generazione solare nel Regno Unito è data come 14 GW. Ciò significherebbe che, se gli impianti solari fossero stati prodotti a piena capacità per le 24 ore, avrebbero prodotto circa 336 GWh, ovvero un 40% dell’utilizzo giornaliero del Regno Unito. Ma hey, è fine novembre. Le giornate sono brevi e il Regno Unito ha molte nuvole. Quindi, quanto hanno effettivamente prodotto oggi gli impianti solari? Ecco il grafico:

Intorno a mezzogiorno, i pannelli solari hanno raggiunto il loro picco di generazione per il giorno a 1,33 GW – meno del 4% dell’utilizzo medio. Per l’intera giornata, la produzione dai pannelli solari è stata tutta di 5,46 GWh, ovvero lo 0,65% dell’utilizzo. I momenti di picco della domanda di energia elettrica sono la mattina presto e la sera. A quei tempi i pannelli solari del Regno Unito non producevano assolutamente nulla. In realtà, non hanno prodotto nulla da mezzanotte alle 8 del mattino, e poi dalle 16 in poi.

Quindi, come farà il Regno Unito (o altrove) a ottenere una quantità significativa della sua elettricità in inverno dai pannelli solari?

Non lo è, ovviamente. I fatti sono brutali: il Regno Unito consuma circa 840 GWh di elettricità al giorno. Di quel totale, i pannelli solari hanno prodotto un patetico 5,46 GWh, anche se la loro “capacità nominale” è di 336 GWh. Quando promuovono l’eolico e il solare, i liberali parlano sempre di capacità nominale, quando la produttività effettiva di qualsiasi impianto eolico o solare è solo una frazione – in questo caso una frazione minuscola – della sua presunta capacità.

L’edificio “verde” si sta rapidamente sgretolando. Possiamo solo sperare che si sgretoli abbastanza velocemente da salvare l’Occidente liberale dalla catastrofe economica e sociale.

Fonte : Powerline

Pubblicità