image_pdfimage_print

Di Sanjeev Sabhlok – 9 Maggio 2019

Ci sono due pilastri chiave nella scienza. Innanzitutto, non importa quanti “scienziati” credono in qualcosa. Tutti potrebbero essere smentiti da una singola nuova teoria scientifica o esperimento. La scienza è sempre provvisoriamente provata, ed è incombente per chiunque si definisca uno scienziato per fare domande anche su cose che sono “sistemate”. Il grande fisico Richard Feynman ha giustamente detto, “La scienza è la credenza nell’ignoranza degli esperti”. Gli scienziati devono continuamente mettere in discussione tutto e tutti senza condizionamento alcuno.

Secondo, la scienza deve necessariamente fare previsioni accurate. Il sistema di posizionamento globale (GPS) nei nostri telefoni cellulari funziona solo perché le teorie della relatività di Einstein sono accurate all’ultimo decimale possibile. La scienza non deve solo prevedere il futuro: ma deve guardare anche indietro. La nostra comprensione scientifica della radiazione di fondo delle microonde cosmiche ci consente di vedere letteralmente l’universo come esisteva poche migliaia di anni dopo il Big Bang.

Pubblicità

Con il cambiamento climatico, le cose sono drammaticamente poco chiare e instabili. Anche la conversione della logica di base dell’effetto serra in stime effettive per il pianeta Terra non è risolta. Il terzo rapporto di valutazione dell’IPCC rileva che “se la quantità di anidride carbonica venisse raddoppiata istantaneamente … la temperatura del sistema superficie-troposfera dovrebbe aumentare di 1,2 gradi, in assenza di altri cambiamenti”. Tuttavia, alcuni scienziati calcolano che il suo impatto sarebbe molto più basso.

Anche se accettiamo questa cifra di 1,2 gradi, la domanda chiave riguarda questi “altri cambiamenti” o i feedback. Gli IPCC ci dicono che i feedback positivi (ad es. dal vapore acqueo) dal raddoppio della CO2 supereranno i feedback negativi (ad es. dalle nuvole) portando a una temperatura generale molto più elevata in cento anni. Ma i modelli approvati dall’IPCC hanno troppa varianza e le temperature effettive e misurate negli ultimi quarant’anni sono state molto inferiori alla media prevista dai modelli climatici approvati dall’IPCC. In effetti, l’elenco delle previsioni fallite degli “scienziati” climatici negli ultimi 100 anni potrebbe costituire un grande libro in sé.

La scienza del clima è più simile alla “dieta alimentare”, in cui ogni secondo medico ha le sue idee su una buona dieta. È una scienza molto immatura nella migliore delle ipotesi e la maggior parte delle sue attuali conclusioni saranno totalmente respinte nel tempo.

Qual è comunque la temperatura globale? Come viene misurata? Perché stiamo guardando gli ultimi cinquant’anni e non gli ultimi cinquanta milioni di anni? Anche le cose semplici come le misurazioni della temperatura sono soggette a enormi disaccordi a causa di complessità come l’effetto isola di calore urbano. E il fatto è che il mondo ha visto livelli molto più alti di CO2 in passato, anche durante le ere glaciali. Fino a quando la scienza del clima non sarà in grado di fare previsioni accurate sulle glaciazioni e le temperature del passato, non sarà pronta per essere chiamata scienza.

Tra i libri che mi hanno aiutato a rispondere ad alcune delle mie domande su questo argomento c’erano Ian Plimer’s Heaven and Earth and Donna Laframboise’s The Delinquent Teenager , che è stato scambiato per il migliore esperto mondiale sul clima. Ian Plimer è professore emerito di scienze della terra all’Università di Melbourne. Scienziati come Judith Curry (l’ex presidente della Scuola di Scienze della Terra e dell’Atmosfera presso il Georgia Institute of Technology) hanno sollevato importanti preoccupazioni in merito alla scienza del clima, comprese le preoccupazioni sulla manipolazione fraudolenta dei dati di temperatura. Ivar Giaever, il vincitore del premio Nobel per la fisica, ha studiato i metodi della scienza del clima e ritiene che sia una pseudo-scienza. Vernon Smith, un ingegnere elettrico che in seguito si è trasferito all’economia e ha vinto un premio Nobel, nutre forti preoccupazioni per la metodologia della scienza del clima.

Il fatto che ci sia un tentativo da parte di alcune persone di radere al suolo gli altri per “credere” alle proprie opinioni conferma che questa non è una scienza. Inoltre, vi sono forti ragioni per ritenere che questo campo sia stato pienamente colto da interessi commerciali. Il grande economista George Stigler ha sollevato la questione della cattura normativa negli anni ’70 per descrivere la situazione in cui un regolatore non è più indipendente e imparziale a causa di conflitti d’interesse commerciali. Come ha sottolineato Mark Lynas, “l’industria delle rinnovabili è il principale beneficiario di qualsiasi cambiamento nelle politiche governative basato sulle conclusioni del rapporto dell’IPCC”. Credo che un conflitto di interessi ancora maggiore derivi dal pensiero di gruppo ispirato politicamente al governo, il che significa che quegli “scienziati” che riescono a creare più panico ricevono più denaro aiutandoli a espandere il loro impero. Scienziati veri, che vogliono esplorare questioni che potrebbero confutare le “scoperte” della scienza del clima, gli vengono rifiutati finanziamenti, la ricerca e persino estromessi dalle università.

Scienziati presunti come Tim Flannery che hanno ripetutamente fatto false previsioni godono di status di culto nei media che amano le loro previsioni audaci (e dettate dal panico). I buoni scienziati e prudenti non sono amati dal momento che sono noiosi. E questa “scienza” è estremamente corrotta. Le e-mail di Climategate sono solo la punta dell’iceberg. Studi fraudolenti hanno fatto parte dei rapporti dell’IPCC (come quello sulla fusione nel 2035 di tutti i ghiacciai dell’Himalaya). E i rapporti non provati da gruppi di difesa della fauna selvatica sono stati ampiamente usati come “prove” dall’IPCC. Chiamare questo progetto commercialmente e politicamente scienza estende enormemente il significato della parola.

Sappiamo che le piante si sono sviluppate prosperando quando la terra aveva livelli di CO2 molto più alti. Gli agricoltori avanzati persino oggi pompano CO2 per le piante in condizioni controllate per ottenere rese più elevate. La CO2 è immensamente benefica per la vita e un leggero aumento dei suoi livelli negli ultimi cinquant’anni ha reso il nostro pianeta più verde.

Se la CO2 fosse un inquinante, lo scambio di emissioni di carbonio sarebbe una soluzione utile. Ma la mia conclusione personale è che la scienza del clima è troppo primitiva per essere di qualche utilità nel fare politica. Lascia che prima prenda le sue previsioni e diventi un’autentica scienza. Nel frattempo sappiamo con certezza che il modesto aumento di CO2 negli ultimi cinquant’anni ha avuto enormi benefici.

Fonte: The Time Of India

Pubblicità