image_pdfimage_print

Di Associated Press – Pubblicato il 13 dicembre 2021

L’ambasciatore russo Vassily Nebenzia si è lamentato che la proposta di risoluzione di lunedì trasformerebbe “una questione scientifica ed economica in una questione politicizzata”, distoglierebbe l’attenzione del consiglio da quelle che definiva “vere” fonti di conflitto in vari luoghi e darebbe al consiglio un pretesto per intervenire praticamente in qualsiasi paese del pianeta.

NEW YORK (AP) – Lunedì la Russia ha posto il veto a una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la prima nel suo genere, che considera il cambiamento climatico una minaccia per la pace e la sicurezza internazionali, un voto che ha vanificato uno sforzo durato anni per rendere il riscaldamento globale un problema prioritario considerato dall’organismo più potente, le Nazioni Unite.

Pubblicità

Guidata da Irlanda e Niger, la proposta chiedeva di “incorporare informazioni sulle implicazioni per la sicurezza dei cambiamenti climatici” nelle strategie del consiglio per la gestione dei conflitti e nelle operazioni di mantenimento della pace e nelle missioni politiche, almeno a volte. La misura ha anche chiesto al segretario generale delle Nazioni Unite di rendere i rischi per la sicurezza legati al clima “una componente prioritaria” degli sforzi di prevenzione dei conflitti e di riferire su come affrontare tali rischi in specifici punti critici.

“È atteso da tempo” che il principale organo delle Nazioni Unite legato alla sicurezza si occupi della questione, ha affermato l’ambasciatore irlandese Geraldine Byrne Nason.

Il consiglio ha discusso occasionalmente delle implicazioni per la sicurezza dei cambiamenti climatici dal 2007 e l’Assemblea generale più ampia si è dichiarata “profondamente preoccupata” per la questione nel 2009. Anche il segretario generale Antonio Guterres ha lanciato l’allarme, dicendo al Consiglio di sicurezza la scorsa settimana che gli effetti del cambiamento climatico “combina i conflitti ed esacerba la fragilità”.

Il consiglio ha approvato risoluzioni che menzionano gli effetti destabilizzanti del riscaldamento in luoghi specifici, come vari paesi africani e l’Iraq. Ma la risoluzione di lunedì sarebbe stata la prima dedicata al pericolo per la sicurezza legato al clima come una questione a sé stante.

Tempeste più forti, aumento dei livelli dei mari, inondazioni e siccità più frequenti e altri effetti del riscaldamento potrebbero infiammare le tensioni sociali e i conflitti, potenzialmente “rappresentando un rischio chiave per la pace, la sicurezza e la stabilità globali”, afferma la risoluzione proposta. Circa 113 dei 193 paesi membri delle Nazioni Unite lo hanno sostenuto, inclusi 12 dei 15 membri del consiglio.

In questa foto fornita dalle Nazioni Unite, l'ambasciatore russo Vassily Nebenzia, in alto a sinistra, alza la mano per porre il veto a una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la prima nel suo genere, che considera il cambiamento climatico una minaccia per la pace e la sicurezza internazionali, affondando un anno sforzo per rendere il riscaldamento globale più centrale per il processo decisionale nell'organismo più potente delle Nazioni Unite, lunedì 13 dicembre 2021. (Foto delle Nazioni Unite/Loey Felipe via AP)

In questa foto fornita dalle Nazioni Unite, l’ambasciatore russo Vassily Nebenzia, in alto a sinistra, alza la mano per porre il veto a una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la prima nel suo genere, che considera il cambiamento climatico una minaccia per la pace e la sicurezza internazionali, affondando un anno sforzo per rendere il riscaldamento globale più centrale per il processo decisionale nell’organismo più potente delle Nazioni Unite, lunedì 13 dicembre 2021. (Foto delle Nazioni Unite/Loey Felipe via AP)

Ma l’India e la Russia che esercitano il veto hanno votato no, mentre la Cina si è astenuta.

I loro inviati hanno affermato che la questione dovrebbe rimanere con i gruppi delle Nazioni Unite più ampi, come la Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Aggiungere il cambiamento climatico alla competenza del Consiglio di sicurezza non farebbe altro che approfondire le divisioni globali che sono state evidenziate dai colloqui sul clima del mese scorso a Glasgow, in Scozia, hanno affermato gli oppositori. I colloqui si sono conclusi con un accordo che ha riconfermato un obiettivo chiave per limitare il riscaldamento e ha aperto nuove strade, ma non ha raggiunto i tre grandi obiettivi delle Nazioni Unite per la conferenza.

L’ambasciatore russo Vassily Nebenzia si è lamentato che la proposta di risoluzione di lunedì trasformerebbe “una questione scientifica ed economica in una questione politicizzata”, distoglierebbe l’attenzione del consiglio da quelle che definiva “vere” fonti di conflitto in vari luoghi e darebbe al consiglio un pretesto per intervenire praticamente in qualsiasi paese del pianeta.

“Questo approccio sarebbe una bomba ad orologeria”, ha detto.

India e Cina hanno messo in dubbio l’idea di legare il conflitto al clima e hanno previsto problemi per gli impegni di Glasgow se il Consiglio di sicurezza – un organo che può imporre sanzioni e inviare truppe di pace – iniziasse a pesare di più.

“Ciò che il Consiglio di sicurezza deve fare non è uno spettacolo politico”, ha detto l’ambasciatore cinese Zhang Jun.

I sostenitori del provvedimento hanno affermato che si tratta di un passo modesto e ragionevole per affrontare una questione di importanza esistenziale.

“Oggi è stata un’opportunità per il Consiglio di riconoscere, per la prima volta, la realtà del mondo in cui viviamo e che il cambiamento climatico sta aumentando l’insicurezza e l’instabilità”, ha affermato Byrne Nason. “Invece, abbiamo perso l’opportunità di agire e distogliamo lo sguardo dalle realtà del mondo in cui viviamo”.

I sostenitori hanno promesso di tenere d’occhio il consiglio sui rischi climatici.

“La forza del veto può bloccare l’approvazione di un testo”, ha affermato l’ambasciatore del Niger, Abdou Abarry, “ma non può nascondere la nostra realtà”.

Fonte: Daily Mail

Pubblicità