image_pdfimage_print

Di Craig Rucker – CFACT – 27 Gennaio 2022

Alla fine di ogni anno gli attivisti del riscaldamento globale escogitano disperatamente di proclamare l’anno passato “il più caldo di sempre”, non importa quanto sia mite la temperatura.

Il 2021 non si adattava affatto alla narrativa del riscaldamento globale, quindi l’hanno unito ad altri per cercare di affermare assurdamente un minuscolo 0,134 gradi sopra la media di 30 anni come in qualche modo significativo.

Pubblicità

Marc Morano ha pubblicato un rapporto ricco di fatti esponendo il clamore “più caldo di sempre” al Climate Depot di CFACT.

“Tutti i set di dati, inclusi GISS della NASA, UK Met Office & temperature da satellite RSS e UAH, mostrano che le temperature globali sono in calo dal 2016… I warmisti girano per nascondere le temperature di raffreddamento nel 2021”, ha scritto Marc, come parte di una carrellata di dati e analisi di esperti e commentatori di in tutto il mondo. Dovresti dare un’occhiata.

L’australiana Joanne Nova stava bruciando nel suo takedown. “Da quando facciamo analisi climatiche su periodi di sette anni?” Lei chiese. “Dal momento che gli scienziati del clima vengono premiati per aver spaventato i contribuenti e il ‘sette’ è il numero fortunato di quest’anno… tutti i giochi di bingo climatico sono potenziati da aggiustamenti inspiegabilitermometri mal posizionatischermi dei termometri rimpiccioliti e il processo di riscrittura costante della storia. Se non lo fanno gli inceneritori vicino ai termometri, lo farà l’omogeneizzazione“.

“Fidati della scienza”, grida la sinistra, e poi procede a distorcere i dati scientifici più e più volte.

Quante mezze verità e vere e proprie falsità dobbiamo esporre affinché il pubblico accetti che i pregiudizi politici non hanno posto nella scienza?

Pubblicità