14 aprile 2017 - 20:15 pm Pubblicato da

Di Enzo Ragusa

Data: 14/04/17 – CO2 Science Magazine

La tendenza al riscaldamento che in precedenza era tra i più alti registrati sulla terra ha ora rallentato e addirittura invertito la tendenza mostrando un raffreddamento.

Paper Reviewed – Oliva, M., Navarro, F, Hrbácek, F., Hernández, A., Nývlt, D., Pereira, P., Ruiz-Fernández, J. and Trigo, R. 2017. Recent regional climate cooling on the Antarctic Peninsula and associated impacts on the cryosphere. Science of the Total Environment 580: 210-223.

Figura 1. evoluzione temporale della differenza tra le temperature dell’aria annue e la temperatura media del 1966-2015 per ogni stazione (3 anni di media mobile). Fonte: Olivia et al. (2017).

Gli allarmisti climatici generalmente sostengono che le temperature attuali sono sia innaturali che senza precedenti, a causa del riscaldamento globale causato dalle emissioni di CO2 di origine antropica; e affermano che questa “innaturale” è maggiormente espressa nelle regioni polari del pianeta. A questo proposito, come spesso viene indicato il riscaldamento della Penisola Antartica (in genere la stazione di Faraday/Vernadsky) come il proverbiale canary in the coal mine, dove nel corso degli ultimi decenni ha sperimentato tassi di riscaldamento che sono tra i più alti segnalati in tutto il pianeta.

Tuttavia, negli ultimi anni, due studi hanno messo in discussione questa valutazione. Carrasco (2013) riferì di aver trovato una diminuzione del tasso di riscaldamento dalle stazioni sul lato occidentale della Penisola Antartica tra il 2001 e il 2010, così come una leggera tendenza al raffreddamento per King George Island (nelle isole Shetland del Sud appena al largo della penisola). Analogamente, in un’analisi della temperatura regionale nel periodo 1979-2014, Turner et al. (2016) essi hanno riportato una interruzione del riscaldamento durante il periodo 1979-1997 al successivo raffreddamento (1999-2014). E ora, nel 2017, abbiamo una terza valutazione delle recenti tendenze della temperatura sulla Penisola Antartica che confermano che il canarino è vivo e vegeto!

Come il loro contributo al dibattito, Olivia et al. (2017) hanno pubblicato un rapporto sulla rivista journal Science of the Total Environment come “completo estendendo [lo studio di Turner et al.] Con la presentazione di una valutazione aggiornata delle tendenze della temperatura spazialmente distribuite e la variabilità interdecadale della temperatura media annua dell’aria e della media stagionale della temperatura dell’aria nel periodo 1950-2015, utilizzando i dati di dieci stazioni distribuite in tutta la regione della Penisola Antartica.” E cosa ci ha rilevato questa valutazione?

Nel descrivere i loro risultati, gli otto ricercatori europei scrivono “abbiamo dimostrato che la tendenza del Faraday/Vernadsky al riscaldamento è un caso estremo, circa il doppio di quello delle registrazioni a lungo termine provenienti da altre zone della Penisola Antartica del nord.” Hanno anche notato la presenza di una significativa variabilità decennale su scala tra i dieci record della temperatura, che sono legati a fenomeni atmosferici su larga scala, come l’ENSO, la Pacific Decadal Oscillation e la Southern Annular Mode. Forse la cosa più importante, tuttavia, è la loro conferma che “dal 1998 in poi, un punto di svolta è stato osservato per l’evoluzione della temperature dell’aria nelle medie annue in tutta la regione della Penisola Antartica, dove si passa da un riscaldamento ad una tendenza al raffreddamento”, soprattutto negli ultimi dieci anni (vedi figura sopra). Questo raffreddamento è pari ad una diminuzione di 0,5-0,9° C delle temperature in gran parte nella regione della Penisola Antartica, con la sola eccezione di tre stazioni situate nel settore di sud-ovest della penisola che hanno subito un leggero ritardo nel loro punto di svolta termico, in calo solo su un periodo più breve degli ultimi dieci anni. È inoltre opportuno notare che, coincidente con quanto precede, Olivia et al. citano prove indipendenti da diverse altre fonti a sostegno del recente raffreddamento rilevato nella loro analisi, incluso un “aumento della portata del ghiaccio marino, positivo sul bilancio di massa dei ghiacciai periferici e di assottigliamento dello strato attivo del permafrost.”

Alla luce di quanto sopra, la prova sta chiaramente aumentando contro coloro che puntano al riscaldamento sulla Penisola Antartica come prova che la CO2 provoca il riscaldamento globale. Nella maniera più incredibile, la tendenza al riscaldamento che un tempo era tra i più alti registrati sulla Terra hanno ora rallentato e addirittura invertito la tendenza mostrando un forte raffreddamento.

Fonte: The Global Warming Policy Forum

Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...