image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 26 Maggio 2020

I dati rilasciati di recente dal governo norvegese hanno rivelato che lo scorso inverno è stato il più nevoso in Norvegia da oltre 60 anni. E ora, il sito web di notizie latestfromeurope.com riferisce che i preparativi sono stati messi in atto per affrontare “le enormi inondazioni di questa estate quando la neve si scioglierà” – un evento che gli allarmisti climatici citeranno senza dubbio come ulteriore prova della loro immaginata Apocalisse indotta dal calore, quindi non vediamo l’ora …

Secondo i dati ufficiali del governo norvegese, è necessario risalire al lontano 1958 per trovare un inverno con più neve rispetto al 2020.

Pubblicità

Inoltre, il mese di maggio continua con questa tendenza nevosa, vedendo “oltre tre volte la neve del solito in molti luoghi”, ha dichiarato Heidi Bakke Stranden, portavoce della direzione norvegese delle risorse idriche e dell’energia. “Dove di solito abbiamo un metro di neve, oggi ce ne sono tre metri. Rispetto allo scorso anno è come la notte e il giorno”, ha aggiunto.

Sorprendentemente, e ampiamente non segnalato dalla stampa di propaganda tradizionale, vaste aree dell’entroterra norvegese sono ancora coperte di neve, con molte regioni montuose del Nord e dell’Ovest sepolte sotto oltre 4 metri di incredibile coltre bianca.

Di conseguenza, diverse stazioni sciistiche hanno goduto di una stagione da record con alcune stazioni che sembra resteranno aperte fino a fine giugno, riferisce latestfromeurope.com.

“Mai prima d’ora siamo stati in grado di tenere aperto fino a questo periodo dell’anno”, ha riferito Per Odd Grevsnes dalla stazione sciistica di Sogndal nella Norvegia occidentale. Con un altro portavoce del resort alpino che esclama: “ci sono ancora quantità assurde di neve sulle montagne in questo momento.”

La seguente Snowdepth Map del 19 maggio rivela i livelli “assurdi” osservati quest’anno rispetto al 2019:


E non pensate che questa scena sia limitata alla sola Scandinavia. Anche l’intero emisfero nord sta uscendo da uno dei suoi inverni più nevosi, con una massa di neve che si mantiene ancora con circa 500 Gigatoni al di sopra della media del 1981-2012:

https://globalcryospherewatch.org/


L’attenzione in Norvegia è ora rivolta al rischio di estreme inondazioni estive che tutto questo ulteriore manto nevoso comporta.

Secondo il governo, esiste attualmente una probabilità del 95% di “grandi” alluvioni nella Norvegia del Nord. Si prevede che un sorprendente 90% della regione all’interno e nei dintorni di Trøndelag e il 75% delle terre che circondano Lillehammer e Mjøsa nella Norvegia orientale saranno inondate, con il conseguente danno stimato a nord di $ 50.000.000.

Cercate tra qualche mese quegli articoli “offensivi” di MSM che tra qualche mese affermeranno che “il riscaldamento globale sta sciogliendo i ghiacciai norvegesi a un ritmo sorprendente, inondando città su città, uccidendo alberi e api.” Ma sappiamo la verità quale sarà…

… questo perché utilizziamo alla scienza anche la logica.

TEMPI FREDDI sembrano tornare, le latitudini più basse (dove risiedono gli esseri umani) si stanno RINFRESCANDO, in linea con l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nuclizzano le nuvole e un flusso di corrente a getto meridionale.

Anche la NASA concorda, almeno in parte, con le loro previsioni per questo prossimo ciclo solare (25) rivelando che sarà “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti arresti solari con periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Non innamorarti dei falsi programmi politici – il nostro futuro è quello di un aumento del FREDDO E COLTURE in costante calo.

Preparati di conseguenza –  ACQUISISCI i fatti, trasferisciti se necessario, e CRESCERA’ IL TUO IO.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità