image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 11 Ottobre 2020

Il seguente articolo è stato scritto da Bob Hoye di www.pivotaladvice.com.

La scorsa settimana, il Global Warming Policy Forum ha intitolato “La Nina Is Here. Perché questo titolo? Perché il riscaldamento di El Nino è finito e il passaggio a La Nina rappresenta il raffreddamento.  Come il cambiamento climatico stagionale ed effettivo, è un evento regolare che in fisica significa logico e prevedibile. E un po’ di raffreddamento viene mostrato in vari grafici. Ebbene, in quelli non alterati dai promotori AGW.

Pubblicità

Riuscite a immaginare di avere un numero qualsiasi di “modelli” computerizzati che prevedono “punti critici” e riscaldamento fuori controllo, ma che questa catastrofe non avviene mai? In realtà, per evitare inaccettabili dubbi su se stessi, la comunità dell’isteria climatica spende ancora più tempo ai modelli computerizzati per alterare il record della temperatura effettiva. 

Per adattarsi alla loro ipotesi fallimentare. 

Tony Heller e la sua nuova collega, Kirye, mostrano regolarmente quanto sia stata fraudolenta la promozione. Fondamentalmente, il tema dei maniaci del controllo è stato “Ecco una storia spaventosa!”  “Posso aggiustarlo.” “Per favore, invia denaro e fai come ti viene detto.” 

Il grafico seguente è di Kirye e registra la temperatura in una stazione su una piccola isola al largo del Giappone. Il grafico ha inizio dal 1915 e non subisce riscaldamento urbano. Notate la tendenza praticamente piatta.

E poi il grafico sulle temperature antartiche per il mese di settembre dal 1960 ad oggi.

Naturalmente, le classifiche di settembre sono in fase di aggiornamento. Questo registra varie serie di temperature da gennaio di quest’anno ad oggi. Il calo della temperatura dell’inverno nell’emisfero australe è degno di nota, così come alcuni titoli.

Certo, aiuta sempre avere rapporti con dati oggettivi: 

Gelata da record nel Queensland”
– WeatherZone, 27 settembre. 

La tempesta primaverile porta la neve sulle spiagge della Nuova Zelanda”
– The Guardian, 28 settembre.

Sul lato del riscaldamento, ci sono state storie sensazionali sugli incendi in California e in Oregon. Questi erano dovuti a venti eccezionali in uscita dall’interno. L’aria già calda subisce un riscaldamento adiabatico quando viene compressa attraversando le montagne.  

Vale la pena guardare in alto e notare che il riscaldamento adiabatico di un gas ha poco a che fare con le caratteristiche dell’anidride carbonica. 

La violenza del tempo è causata dalle differenze locali di temperatura.

Il Canada contiene la terza più grande massa di foreste del mondo, pari a circa il 9% di tutte le foreste. Se una persona ipersensibile leggesse questo articolo, ti preghiamo di stare tranquillo perché le praterie aperte non sono state causate da un taglio netto. Il suo clima e la sua geografia. 

Tuttavia, appena a nord ci sono alberi apparentemente infiniti che si estendono per circa 7.000 km dalla Columbia Britannica sul Pacifico al Labrador sull’Atlantico.

E la maggior parte di questa è chiamata foresta boreale ed ecco un grafico della gravità degli incendi boschivi. Come registrato dalla provincia questa stagione è ben al di sotto della media. Forse abbastanza basso da meritare alcuni titoli?

Inoltre, la vasta regione boreale “soffre” delle stesse concentrazioni atmosferiche di CO2 della California e dell’Oregon. Gli incendi locali hanno cause locali non certo globali.

Il grafico seguente registra l’area forestale bruciata e il numero di incendi, dal 1990. Ovviamente, il finanziamento e gli ordini di marcia per BLM e Antifa non si estendono all’incenerimento delle foreste boreali del Canada.

Mettendo da parte il sarcasmo, una delle caratteristiche del declino dei cicli solari è stato il raffreddamento globale insieme all’aumento della copertura nuvolosa. 

In genere, il minimo per l’estensione del ghiaccio marino artico si verifica a settembre e il seguente è l’aggiornamento per quest’anno. Notare il possibile cambiamento a una tendenza piatta negli ultimi 13 anni (Fonte: NSIDC Boulder).

Il riscaldamento di El Nino sta volgendo al termine, ma può volerci un po’ di tempo prima che il raffreddamento de La Nina abbia un impatto sul record della temperatura globale: assicurati di ricontrollare con i dati di UAH nel prossimo febbraio/marzo 2021.

www.drroyspencer.com

 

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità