image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 6 Gennaio 2022

RECORD DI NEVE SPAZZA GLI STATI UNITI

Tempeste di neve da record, provenienti da un Canada eccezionalmente freddo, hanno bloccato i trasporti negli Stati Uniti, chiudendo il governo federale e portando Washington a un punto di difficoltà dopo che 30 cm di neve hanno colpito la città.

Molti americani si sono affrettati a tornare a casa dopo il periodo di Natale e Capodanno, con migliaia di voli cancellati a causa del maltempo – anche il presidente Joe Biden è stato temporaneamente bloccato sull’Air Force One dopo essere atterrato alla Joint Base Andrews, vicino a Washington, con il deboarding ha ritardato quasi un’ora in modo che l’asfalto potesse essere pulito.

Pubblicità

Mount Bachelor, Oregon, ha appena stabilito il record per “la maggior quantità di nevicate in pochi giorni”, riporta ktvz.com.

La montagna ha ricevuto quasi oltre 1 metro e mezzo nelle ultime 72 ore, di cui 30 cm durante la notte, e “i venti continuano a ululare”, si legge in una dichiarazione rilasciata dal resort. Gli impianti di risalita in quota sono stati chiusi, prosegue il comunicato; e anche i parcheggi stanno raggiungendo la loro piena capacità a causa della quantità di neve accumulata nella zona.

Nevicate record stanno colpendo anche l’Idaho, riporta idahonews.com, migliorando le condizioni di siccità in tutto lo stato.

Mentre a Snoqualmie Pass, WA, il record di nevicate che durava da 20 anni è stato “infranto”, come riportato da curiocity.com.

Lunedì pomeriggio, il Dipartimento dei trasporti dello Stato di Washington aveva registrato 6 metri di neve durante la tempesta, il che è stato sufficiente per 1) chiudere il passo a causa dei problemi di valanghe e 2) battere il record di nevicate della regione (per il periodo dell’anno) — 5,81 metri del 3 gennaio 2006.

E per molti, incluso Snoqualmie, c’è molto di più:

GFS Total Snowfall (in pollici) 6 gennaio – 22 gennaio [tropicaltidbits.com].

Questo sta portando i manti nevosi degli Stati ben al di sopra della media.


…IL NORD EMISFERO GENERA UNA MASSA DI NEVE DI 450 GIGATON SOPRA LA MEDIA 1982-2012

Tutta questa neve caduta in America del Nord sta anche avendo un impatto positivo sul grafico della massa totale di neve dell’emisfero settentrionale.

L’ultimo punto dati (dal 4 gennaio) mostra un notevole aumento della massa nevosa.

I totali si stanno avvicinando a 2.500 Gigaton, o ben 400 Gigaton al di sopra della media 1982-2012:

[FMI]

Vale anche la pena ricordare che Arctic Sea Ice è stato in crisi negli ultimi mesi.

Secondo i dati del National Snow & Ice Data Center (NSIDC), l’estensione non è stata così impressionante dal 2004 e sta anche accelerando:

[NSIDC]


Inoltre, la Groenlandia ha visto un aumento delle PMI negli ultimi giorni, dopo una pausa di dicembre…

[DMI]


…guadagni che sosterranno l'”inversione di tendenza” della calotta glaciale iniziata intorno al 2012:

[Die kalte Sonne]


Mentre in fondo al mondoil Polo Sud ha appena registrato un freddo record nel 2021:

https://electroverse.net/south-pole-suffered-record-cold-2021-frozen-cars-lia-conditions-strike-america-sunspots-fade/embed/#?secret=UYSLPEBi1T


LA SCANDINAVIA HA SOFFERTO IL FREDDO DI DICEMBRE CON L’ARIA ARTICA CONFINATA AL NORD

Il freddo record ha invaso il nord Europa il mese scorso, eliminando una serie di record di vecchia data; mentre, al contrario, le regioni più centrali e meridionali godevano di un calore anomalo, fenomeno legato al comportamento della corrente a getto, a sua volta legato all’attività sul Sole.

Tutte le nazioni scandinave hanno sofferto mesi di dicembre più freddi della media: Norvegia, Svezia, Finlandia, Danimarca e le spesso dimenticate Islanda e Isole Faroe.

Analizzando i dati, per gentile concessione di @Meteorologene, la Norvegia ha registrato un’anomalia mensile media di -1,8 °C al di sotto della norma 1991-2020: le anomalie della temperatura sono scese fino a -5°C in alcune zone del Finmark, mentre le precipitazioni sono diminuite del 25%.

Nel complesso, è stato il dicembre più freddo e secco della Norvegia dal 2012.

Immagine


Anche il dicembre 2021 in Svezia è stato molto freddo.

Sono state rilevate anomalie di temperatura comprese tra -4C e -0,5C al di sotto della norma 1991-2020:

Dic 2021 e 2021 Anomalie delle temperature in Svezia da SMHI.


La Finlandia ha vissuto un dicembre eccezionalmente gelido.

Le anomalie di temperatura variavano da -1,7C (a nord-ovest) a un sorprendente -5,6°C (a SE) al di sotto della media 1991-2020.

Dati per gentile concessione di @meteorologit:

Immagine

E infine, la Danimarca ha avuto una lettura media di -0,7 °C al di sotto della linea di base 1991-2020.

La mappa della temperatura di seguito viene fornita per gentile concessione dei nostri amici che manomettono i dati al DMI:

Immagine

Guardando indietro, un gelo anomalo continua a prevalere anche in Alaska e in Canada:


I record per il consumo di energia continuano a diminuire in tutto il Great White North e le esportazioni di gas negli Stati Uniti sono state ridotte a causa della domanda interna senza precedenti. Inoltre, si dice che gli allevatori della Columbia Britannica stiano “facendo le nocche bianche durante il freddo estremo”.

Come riportato da Islandssounder.com, il raro tuffo di questa settimana – in quasi una cifra (!)– ha causato il congelamento dei tubi in case ed edifici in tutta la contea che non hanno mai riscontrato il problema prima. Con i tubi danneggiati, le perdite nei sistemi a livello di contea stanno causando un forte aumento del consumo di acqua. “I livelli dell’acqua nei serbatoi di stoccaggio dell’acqua in città sono pericolosamente bassi e la città sta quindi imponendo un ordine immediato di razionamento dell’acqua e potrebbe in seguito dover avviare interruzioni del servizio pianificate per mantenere il servizio”, si legge in un comunicato stampa presentato dalla città di Friday Harbor. “L’impianto idrico della città funziona a pieno regime e non è in grado di tenere il passo con la perdita d’acqua che stiamo vivendo”.

Il forte freddo del Nord America, che è stato confinato all’estremo nord per gran parte dell’autunno, è scoppiato ed è sceso a sud alcune settimane fa. E guardando gli ultimi modelli meteorologici per l’Europa, un focolaio simile potrebbe essere in procinto di manifestarsi anche lì, mentre ci avviciniamo a metà gennaio – fate attenzione a ciò che desiderate, europei, un mite inizio dell’inverno non significa nulla…

ALTROVE

A Trinidad e Tobago, i canali dei social media sono stati inondati di post che esprimono shock per il freddo che ha fatto.

Ci sono state segnalazioni diffuse di minimi record sotto i 20°C e, sebbene ciò possa non sembrare così freddo alla maggior parte, in un paese abituato a medie mensili sostenute di 26,5 °C, la gente del posto non si è vergognata di sollecitare gli altri avvolgersi e stare al caldo.


Il Centro meteorologico di Trinidad e Tobago ha confermato in una dichiarazione che diverse aree nel centro e nel sud di Trinidad hanno effettivamente registrato temperature inferiori a 20°C: “La temperatura più fresca registrata tramite un termometro calibrato era a Penal a 17,63°C, mentre un termometro (non calibrato) ha registrato una temperatura minima di 15°C a Lengua, Barrackpore.

Nota, la temperatura più fredda mai registrata a Piarco (sito ufficiale di riferimento climatico di Trinidad) è di 16,1°C, registrata nelle notti del 21 gennaio e del 30 gennaio 1964 (minimo solare del ciclo 19).

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità