image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 19 Settembre 2020

La massa totale di neve di questa stagione per l’emisfero settentrionale è iniziata presto ed è già da record, proprio come quella dell’anno scorso. E ora, le ultime uscite del modello americano GFS vedono ulteriori nevicate storiche in arrivo la prossima settimana.

Le stazioni sciistiche delle Alpi dovrebbero prepararsi a condizioni “invernali” brutali a partire da giovedì prossimo. Le forti nevicate potrebbero far scattare l’allarme per le valanghe salire a 5 – il livello più alto – e le località chiudono i battenti per problemi di sicurezza.

Pubblicità

“Le piste da sci dell’Europa si dice stiano morendo a causa del riscaldamento globale”. Ma come per tutti i processi su questa Terra, non è così, almeno non più (e non è mai stato nulla di cui preoccuparsi). Le tendenze cambiano. Il ghiaccio aumenta e diminuisce. La terra si riscalda e si raffredda. Il nostro clima terrestre è dopotutto ciclico, mai lineare e i cambiamenti sono guidati dall’attività del Sole. Fare scommesse su un sistema a senso unico è una ricetta per l’imbarazzo e la ritrattazione.

Guardando alla prossima settimana, e tenendo conto dell’attività solare storicamente bassa che stiamo attualmente vivendo, le ultime uscite dei modelli suggeriscono che un’ulteriore esplosione di nevicate storiche per il mese di settembre seppellirà le Alpi a partire da giovedì 24 settembre:

GFS (il totale di neve prevista in cm) 19 settembre – 4 ottobre


Questi totali look sono davvero sconcertanti, in particolare per il periodo dell’anno, e dovrebbe far svegliare molti allarmisti climatici.

Questi debilitanti e rari totali di neve nel mese di settembre, se le previsioni verranno rispettate, seppelliranno anche gran parte della Scozia, Scandinavia, Pirenei e Islanda, così come le quote più elevate di Germania e Slovacchia, tra gli altri, e seguiranno già gli accumuli estivi.

Il freddo record accompagnerà molta, moltissima neve dalla prossima settimana, poiché un violento nodo nella corrente a getto devia la brutale aria artica alle medie latitudini. Le partenze della temperatura sembrano destinate a scendere fino a 20 ° C al di sotto della media stagionale, fornendo un congelamento fuori stagione alla maggior parte dell’Europa:

Anomalie di temperatura GFS 2m per il 26 settembre

TEMPI FREDDI  stanno tornando, le medie latitudini si stanno  REFREEZING , in linea con  l’attività solare storicamente bassa , i  raggi cosmici nucleari delle nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale . Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare “in piena regola”  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come ” il il più debole degli ultimi 200 anni “, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale.


Preparati al FREDDO :  impara i fatti, trasferisciti se necessario e fai crescere il tuo sapere.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità