image_pdfimage_print

Di Tom Tamarkin – 4 Novembre 2022

Il 19 marzo 2020, lo Stato della California è diventato il primo stato a emettere l’ordine di rimanere a casa, imponendo a tutti i residenti di restare a casa tranne che per andare a un lavoro essenziale o fare acquisti basici. Nel giro di poche settimane la maggior parte del mondo lo seguì.

Per i prossimi tre mesi il consumo totale di energia in tutti i settori… trasporti, industriali, commerciali e residenziali… è crollato di oltre il 15% in seguito, salendo lentamente a raffica.

Pubblicità

Come appassionato studioso di tutto ciò che riguarda il “cambiamento climatico”, ho monitorato l’impatto che questa significativa riduzione del consumo di carburante ha avuto sulla curva di Keeling. La curva di Keeling è il grafico che traccia l’anidride carbonica nell’atmosfera basato su misurazioni quasi giornaliere presso l’osservatorio di Mauna Lao situato sulla grande isola delle Hawaii.

L’effetto è stato sia scioccante che prevedibile. La marcata riduzione dell’uso di combustibili fossili non ha avuto alcun effetto sulla curva di Keeling che ha continuato la sua pendenza virtuale verso l’alto del 45% sul grafico altamente esagerato espresso come parti per milione all’anno. Ciò è stato del tutto coerente con i nostri risultati negli ultimi 10 anni, poiché i paesi in via di sviluppo hanno aumentato l’uso di combustibili fossili senza alcun corrispondente cambiamento di CO2 come riflesso in questa curva.

Notate sulla linea della barra blu inclinata verso l’alto della curva di Keeling nella figura 2, la linea frastagliata “a dente di sega”. Questa forma d’onda frastagliata a dente di sega rappresenta le variazioni stagionali della CO2 influenzate dalla crescita delle piante sulla Terra e sul mare. Questa è una funzione dell’orbita ellittica della Terra attorno al Sole e della sua inclinazione assiale di 23,5 gradi.

Un’attenta ispezione di questa varianza simile al dente di sega della CO2 mostra circa 10 parti per milione (ppm) di variazione tra il minimo e il massimo influenzato dalla luce solare e dalla distribuzione della vita vegetale. Questo è molto più dell’aumento di 3 ppm di CO2 che la comunità allarmista climatica sostiene sia causato dall’uso di combustibili fossili da parte dell’uomo. Per me, questa era la “pistola fumante” che mostrava che queste affermazioni sui combustibili fossili che aumentavano la CO2 totale erano false e prive di fondamento!

In collaborazione con il Sig. Bud Bromley, e con il gentile supporto finanziario dell’attore/cantante Pat Boone, abbiamo ingaggiato due dottori di ricerca Ph.D.s, istruiti a Stanford, il Dr. Shahar Ben-Menahem un fisico e il Dr. Abraham Ishihara, un matematico di alto livello ed esperto di teoria del controllo, per progettare un esperimento utilizzando i dati di Mauna Lao Keeling che sono considerati da tutti i principali scienziati come il “gold standard” dei set di dati di monitoraggio di CO2 disponibili.

  1. I nostri scienziati hanno preso i dati grezzi NOAA Mauna Loa per i test giornalieri di CO2 e hanno compilato i punti dati per giorni con i dati mancanti utilizzando metodi di interpolazione standard.
  2. Quindi hanno trasformato la concentrazione di CO2 ppm rispetto ai dati temporali nel dominio della frequenza, come uno spettro continuo di luce o frequenze radio. Ciò fornisce una risoluzione quasi illimitata.
  3. Quindi tacca filtrata per rimuovere risonanze e cicli stagionali come i denti dello squalo.
  4. Quindi hanno filtrato tutte le frequenze al di sopra di una frequenza specificata per rimuovere i picchi di rumore casuali.
  5. Quindi hanno ricostruito nuovamente i dati come concentrazione di CO2 ppm rispetto al tempo e hanno pulito il segnale temporale di CO2.
  6. Hanno calcolato questi dati come derivata temporale della concentrazione di CO2. Questo è il tasso di variazione della concentrazione di CO2 ppm. È come la velocità o la velocità di un’auto.
  7. Quindi, hanno approfondito questi dati per esaminare la finestra temporale che inizia circa un anno prima dell’eruzione del vulcano Pinatubo del 15 giugno 1991 e pochi anni dopo l’eruzione.

Quello che abbiamo dimostrato è che:

  1. Il set di dati NOAA-Scripps “Keeling curve” di Mauna Loa risponde ai cambiamenti di CO2 anche se l’evento che causa tali cambiamenti è fisicamente remoto, a migliaia di chilometri di distanza dal sito di misurazione NOAA su Mauna Loa nelle Hawaii. Ora sappiamo che questi dati NOAA saranno sufficienti per un’ulteriore scienza dei dati. Confermare questo è stato uno degli scopi primari della nostra prima fase di lavoro.
  2. I nostri risultati confermano che le emissioni antropiche di CO2 sono insignificanti rispetto alla concentrazione media globale netta di CO2. Lo dimostriamo con semplici calcoli nella nostra pubblicazione scritta nei risultati di questo studio Pinatubo e 2 addenda.
  3. Il software e il metodo che abbiamo utilizzato sono sensibili ai cambiamenti nei record giornalieri di CO2 di Mauna Loa e ben si adattano per ulteriori ricerche.
  4. Questa prima fase del nostro studio è coerente con la legge di Henry in combinazione con la legge dell’azione di massa, il principio di Le Chatelier, la legge di Graham e la legge di Fick. Le concentrazioni di CO2 nell’aria, nell’oceano, nel suolo e nella biosfera hanno iniziato a riequilibrarsi rapidamente verso la superficie terrestre più fredda causata dalla ridotta insolazione dovuta alla fascia nuvolosa. Man mano che la fascia nuvolosa si dissipava e la superficie si riscaldava, le concentrazioni di CO2 si riequilibravano rapidamente.
  5. Seguendo la legge di Henry, la CO2 prodotta dall’uomo può solo modificare temporaneamente la concentrazione di CO2 nell’aria e sulla superficie dell’oceano. I nostri risultati, confermando i risultati NOAA-Scripps, suggeriscono che le emissioni umane di CO2 sono una perturbazione temporanea di una tendenza di CO2 in corso, come la perturbazione causata dall’eruzione vulcanica del Pinatubo e dalle sue conseguenze, ma molto più piccola. Le perturbazioni dovute alle emissioni umane torneranno rapidamente alla tendenza della CO2. La concentrazione di CO2 nell’aria è controllata dalla solubilità di CO2 sulla superficie dell’acqua. Più del 90% dell’acqua della Terra è nell’oceano e l’oceano è il 70% della superficie terrestre.
  6. La solubilità di qualsiasi gas in qualsiasi liquido è una proprietà intensiva della materia, come un punto di ebollizione o un calore specifico. Le proprietà intensive della materia non sono una funzione della quantità di materiale presente. Invece, la solubilità e la diffusività di un gas in un liquido sono una proprietà della materia stessa; in questo caso, la diffusività della CO2 è funzione del peso molecolare della CO2. L’aggiunta di più CO2 all’aria, sia che sia fatta da un vulcano, dagli esseri umani o da materiale biologico in decomposizione, non cambia il rapporto tra la concentrazione di gas CO2 sulla superficie dell’oceano rispetto alla concentrazione di gas CO2 nell’aria sopra quella superficie, questa è la legge di Henry. La temperatura superficiale cambia quel rapporto. 
  7. La solubilità o diffusività di un gas in un liquido dipende dalla temperatura superficiale e dal peso molecolare del gas, non dalla quantità del gas o dalla fonte del gas. La diffusività di un gas in un liquido è inversamente proporzionale alla radice quadrata del peso molecolare del gas; questa è la legge di Graham.
  8. Molte variabili influenzano la temperatura superficiale, alcune sono sistematiche come la distanza orbitale della Terra dal Sole e altre variabili possono essere caotiche, come le correnti oceaniche e d’aria, le tempeste, l’umidità e le nuvole.

I risultati finali del nostro esperimento e dell’analisi dei dati NOAA Scrips Keeling dimostrano in modo conclusivo che “la quantità netta di anidride carbonica equilibrata (CO2) nell’atmosfera è la stessa come se gli esseri umani non fossero mai esistiti”. Il cambiamento climatico è un fenomeno naturale e non causato dall’uomo.

Lascia che questo affondi. La quantità netta totale di CO2 nella nostra atmosfera oggi non è né più né meno che se gli esseri umani non fossero mai esistiti sul nostro pianeta.

Perché la curva di Keeling mostra un aumento di circa 3 parti per milione (ppm) all’anno?

Le cause di un così piccolo aumento annuale di CO2, se vere, sono sconosciute e teoriche. Ci sono diverse possibili cause, ma 3 ppm è un aumento annuale di CO2 di solo lo 0,0003% di CO2 totale  nell’atmosfera, una quantità così piccola che non può essere distinta all’aria aperta dal rumore di misurazione casuale. Il tuo respiro espirato è di circa il 4% di CO2 e più alto se ti stai allenando. Perturbazioni sistematiche o casuali della temperatura e/o dell’umidità della superficie del mare, vulcani sottomarini, correnti oceaniche profonde cicliche dense di CO2 che salgono sulla superficie del mare, movimenti di corpi planetari tra cui il Sole e grandi pianeti, distruzione di piante fotosintetizzanti e plancton, sono tra le possibili cause, e ognuna di queste ha molteplici possibili cause.

Eppure solo oggi il New York Times scrive che l’uragano Ian “si è rapidamente trasformato da una tempesta relativamente debole in una forte, un fenomeno che è diventato più comune a causa dei cambiamenti climatici. Ian incarna molte delle principali tendenze degli uragani negli ultimi anni, mentre il mondo affronta gli effetti dei cambiamenti climatici.

In effetti, Ian era devastante, ma ben entro i limiti della variabilità naturale.

Due giorni fa, il Vaticano ha pubblicato un nuovo documentario sul cambiamento climatico basato su quello che definisce il “nuovo uso sconsiderato dei combustibili fossili” attraverso il cardinale Czerny, e chiede “zero emissioni” entro il 2050.

Solo poche settimane fa, la deputata Rashida Tlaib ha cercato di convincere gli amministratori delegati delle banche più grandi della nazione a non concedere prestiti alle compagnie petrolifere e del gas. Per fortuna, e correttamente, il CEO di JP Morgan Chase, Jamie Dimon, ha risposto alle donne del Congresso quando gli è stato chiesto se Chase avrebbe cessato di concedere prestiti alle società energetiche come segue:

“Assolutamente no. Questa sarebbe la strada infernale per l’America”.

In un recente scambio privato con il Dr. Richard S. Lindzen, professore emerito, Alfred P. Sloan professore di meteorologia, Massachusetts Institute of Technology, e autore di oltre 200 articoli scientifici e libri sull’atmosfera, ho sottolineato che i driver della farsa del cambiamento climatico sono puramente finanziari e politici. La scienza è chiaramente dalla nostra parte. Naturalmente, stavo predicando al coro.

Il Dr. Lindzen sottolinea: “… l’importanza nella propaganda di stabilire la narrazione (cioè, la trama accettata). Una delle tecniche più sottili è quella di arricchire la narrazione (il cambiamento climatico è causato dall’uomo) con molte caratteristiche dubbie. Questo può sembrare controintuitivo. Tuttavia, così facendo, si distoglie l’attenzione dal quadro più ampio della narrazione. Le persone attaccano immediatamente queste caratteristiche dubbie lasciando intatta la narrazione più ampia. Ci offre questo saggio consiglio: “Smetti di trattare l’AGW … riscaldamento globale causato dall’uomo/cambiamento climatico … come degno avversario. Non attribuire ragionevolezza all’altra parte. Non è ragionevole, non è vero e nemmeno plausibile”.

Questo messaggio e questi fatti devono essere portati alle persone. Solo allora l’establishment politico potrà essere trasformato in realtà. Forse dovremmo iniziare con i leader religiosi delle comunità cristiane ed ebraiche. Articoli stimolanti su questo argomento e il nostro studio, come quelli pubblicati questa settimana dal Times of Israel dal rabbino israelo-americano Avraham Schwartz, aprono la strada.

Vai a pinatubostudy.com per un glossario completo di tutti i termini tecnici utilizzati nel presente documento e collegamenti a tutti i riferimenti e biografie sul nostro team. Il documento scientifico completo riguardante il nostro studio insieme a una conferenza video di Bud Bromley introdotto da me con le mie osservazioni conclusive può anche essere trovato lì. Ulteriori addendum e opere inCO2: climatecite.com.

Ottieni la vera storia con Shale Magazine

In Shale Magazine, la nostra unica missione è guardare i fatti da un punto di vista oggettivo e riferire sugli eventi attuali che contano di più per le parti interessate del settore energetico. Azioni come la Casa Bianca che caratterizza ingiustamente i profitti di petrolio e gas come “malvagi” mentre il Texas prevede di disinvestire dai fondi ESG mostrano che entrambe le parti hanno certamente una lunga strada da percorrere. Shale Magazine offre nuove intuizioni su ogni numero non rifuggendo mai da una storia e attenendosi ai fatti. Assicurati di controllare i nostri ultimi numeri per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l’energia. Troverai grandi opportunità per il networking e gli eventi, interviste esclusive e one-to-one con i migliori dirigenti del settore e tutte le ultime notizie da upstream, midstream e downstream.

Nel 1971 Tom ha ricevuto la più alta onorificenza della nazione per gli studenti delle scuole superiori nel campo della fisica per il suo lavoro nella risonanza magnetica nucleare. Ha fatto i suoi studi universitari in fisica, con un doppio minore in matematica e chimica, a N A U nel periodo 1971-75. Dal 1985 lavora nel settore della produzione di energia e dei servizi pubblici. Tom è stato l’inventore della strumentazione per la conservazione dell’energia elettrica e dei dispositivi di misurazione. Ha ottenuto sette brevetti negli Stati Uniti, Israele, Europa e Cina. Solo negli Stati Uniti i suoi brevetti sono praticati dalle più grandi società di servizi pubblici della nazione su oltre 90 milioni di dispositivi installati.

Tom trascorre circa 1/2 del suo “tempo di lavoro” tenendo conferenze, scrivendo articoli e lavorando con eminenti scienziati di livello Ph.D. su quello che definisce il più grande inganno e frode mai creato dall’uomo contro l’umanità; AGW cambiamento climatico.

Nel 2019 Tom ha costituito ClimateCite, Corp., una società senza scopo di lucro conforme all’IRS 501 (c) (3) degli Stati Uniti per promuovere i suoi sforzi per sconfiggere la bufala climatica in tutto il mondo.

Tom ha sposato sua moglie, Emily J. Tamarkin nel 1982 e i due vivono insieme a Carmichael, in California. Hanno un figlio, Jeremy A. Tamarkin.

Fonte : shalemag.com

Pubblicità