image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 6 Febbraio 2022

La storia della Terra fornisce la solida prova che assolve la CO2. L’affermazione dell’IPCC secondo cui la CO2 è il fattore climatico dominante è un colosso su piedi di argilla. 

Di Fred F. Mueller

Pubblicità

Hai mai avuto una sensazione di disagio osservando la posizione aggressiva e intollerante degli apologeti della “catastrofe climatica provocata dall’uomo” contro tutti i critici?

La stragrande maggioranza delle nostre élite attribuisce alla CO 2 emessa dall’umanità la responsabilità di “un surriscaldamento incontrollato” della nostra atmosfera. La “scienza” guidata dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ci chiede di rinunciare ai combustibili fossili e di tornare allo stile di vita frugale del 18 ° o 19 ° secolo.

Potresti scoprire di non essere il solo con quel disagio, che sta proliferando rapidamente da quando i giganti dei social media hanno iniziato a censurare le persone che osano mettere in discussione l’atteggiamento dell’IPCC “la scienza è risolta”.

Figura 1 . Incastonato in questo fossile dalle rocce carbonatiche dell’isola svedese Gotland c’è CO 2 prelevata dal sistema atmosfera/oceano circa 400-430 milioni di anni fa (Foto: privata)

Prima di tutto, quando valuti gli argomenti relativi ai cambiamenti climatici, non sentirti intimidito se non sei né uno scienziato missilistico né un fisico dell’atmosfera con un diploma di dottore. Anche scienziati di così alto livello sono solo normali esseri umani che vengono pagati per fare un lavoro. Come la maggior parte degli altri cittadini, faranno del loro meglio per soddisfare le aspettative dei loro superiori. Ed eviteranno di mettere a rischio la loro carriera criticando le istituzioni che pagano loro un buon stipendio. Abbastanza naturalmente, taglieranno gli angoli ed esagereranno l’importanza del loro lavoro e il contributo delle loro istituzioni alla soluzione di problemi urgenti dell’umanità.

Non cercare di batterli discutendo sul campo in cui hanno una conoscenza superiore. I rapporti di 4000 pagine dell’IPCC e le sofisticate ma spesso discutibili simulazioni al computer hanno lo scopo di impressionare il pubblico e di offuscare i fatti di base dei documenti presentati.

È sorprendentemente facile dimostrare che gli esperti di clima si sbagliano

Per la gente comune, il miglior consiglio è concentrarsi invece sulle basi. Come mai? Perché anche un profano può smentire un ingegnere civile se il suo edificio non sta in piedi. Nel caso di argomenti relativi ai cambiamenti climatici, osserva i fatti storici noti o osa fare alcune valutazioni retrospettive di ciò che viene presentato. Sareste sorpresi di quanto sia semplice spesso dimostrare che alcune scoperte scientifiche di alto livello sono completamente sbagliate perché i loro presupposti di base sono inadeguati.

Tali basi deboli invalidano l’intera sovrastruttura, non importa quanto sia impressionante e quanto lavoro sia stato investito in essa. Conta sul tuo buon senso e tieni a mente la parabola biblica del colosso dai piedi di argilla.

La storia della nostra Terra ci dice “verità scomode”

Uno dei trucchi più popolari usati quando ci vengono presentate le previsioni del clima è che i loro sostenitori semplicemente oscurano i fatti in parti della storia della Terra che non sarebbero in linea con le loro affermazioni. Il nostro pianeta iniziò come una sfera di lava fusa incandescente circa 4,5 miliardi di anni fa. In un arco di tempo di poche centinaia di milioni di anni, si è raffreddato da diverse migliaia di °C a meno di 100 °C, condizione preliminare per la comparsa dei primi oceani. E da quell’evento, almeno circa 3,8 miliardi di anni fa, il raffreddamento della Terra si è praticamente fermato. Finora, le temperature sono rimaste in un intervallo ristretto tra 0 °C e forse 60-80 °C. La prova innegabile di ciò è che la vita organica è presente sul nostro pianeta da almeno 3,45 milioni di anni1), con i genetisti che hanno persino spinto questo limite a oltre 4 miliardi di anni fa. Inoltre, queste registrazioni genetiche suggeriscono che, poiché non vi è stata alcuna interruzione in questa catena del patrimonio, i livelli di temperatura non possono mai essersi allontanati troppo da questa finestra di temperatura.

Il pianeta Terra ha quindi un fantastico termostato che si è attivato quando sono apparsi gli oceani e da allora ha mantenuto le temperature in un intervallo sorprendentemente ristretto. Ha funzionato bene durante incredibili catastrofi come impatti di asteroidi giganti, cambiamenti nella chimica dell’atmosfera e degli oceani, catastrofi sismiche, formidabili eruzioni vulcaniche e un livello di radiazione solare in costante aumento.

Per avere un’idea di cosa deve aver attraversato la terra, basta guardare le cicatrici sulla superficie della luna in una notte limpida. Abbiamo ricevuto almeno lo stesso bombardamento, ma gli oceani, i movimenti tettonici e l’erosione hanno gentilmente sorvolato la maggior parte dei segni.

Figura 2 . Dopo che la terra si è formata, le temperature sono scese molto rapidamente al di sotto dei 100°C e da allora sono rimaste all’interno della stretta finestra che sostiene la vita (Grafica: Autore)

Nessun ingegnere sarebbe mai stato in grado di immaginare e installare un termostato planetario con un design così sicuro e la capacità di riadattarsi dopo sfide brutali e condizioni operative mutevoli durante un periodo di tempo così immenso. Era semplicemente unico. Fino a quando, cioè, i computer non hanno dato ad alcune persone intelligenti la capacità di programmare simulazioni climatiche che stabiliscono che mancano solo pochi anni al raggiungimento di un punto di non ritorno che alla fine estinguerà l’umanità, se non anche tutta la vita sulla Terra.

Perché i climatologi usano termini come “senza precedenti” o “mai visti prima”?

La storia climatica incredibilmente turbolenta e nonostante sorprendentemente stabile della terra contiene molti esempi di condizioni ed estremi sconosciuti alla maggior parte dei contemporanei, ad eccezione di un piccolo numero di paleo-specialisti.

Ancora peggio, la base scientifica della meteorologia moderna è molto recente e copre appena più di 150 anni. E la rete mondiale di stazioni meteorologiche aveva molti punti ciechi e aree vuote a volte fino al 20 ° secolo.

Il vero monitoraggio globale potrebbe iniziare solo quando i satelliti meteorologici hanno iniziato a orbitare intorno al globo dall’inizio degli anni ’60. La base scientifica per analisi a lungo termine del tempo e del clima è quindi piuttosto breve. Per eventi più indietro nel tempo, dobbiamo fare affidamento su documenti storici irregolari e proxy come anelli di alberi, gocciolamenti o bolle d’aria intrappolate nei ghiacciai.

Figura 3 . Livelli di CO 2 atmosferica da ca. 570 milioni di anni fa fondata da Berner. Il parametro RCO 2 caratterizza il rapporto di CO 2 nell’atmosfera storica rispetto al livello preindustriale di ca. 300 ppm (Grafica: Berner 2) )

Ignorando categoricamente queste carenze, molti climatologi tendono ad estendere l’arco di tempo delle loro ipotesi il più indietro possibile utilizzando termini come “senza precedenti”, “registrazione di alta temperatura” o “peggiore evento in assoluto”. Ogni volta che ti imbatti in tali affermazioni, dovresti stare molto attento e assicurarti che il tuo portafoglio sia ben protetto. Salvare il clima è l’impresa più costosa che l’umanità abbia mai cercato di affrontare. Le narrazioni del climatologo eliminano gradualmente le parti principali della storia della nostra terra quando i livelli di CO2 atmosferica e di temperatura erano sorprendentemente diversi.

Figura 4. Stima delle temperature della superficie globale del Fanerozoico del pianeta Terra basata sulla ricerca di C. Scotese (Grafica: Utente: DeWikiMan, Wikimedia Commons 3))

Fortunatamente, ci sono scoperte paleontologiche che ci consentono di avere un’idea ragionevolmente realistica degli alti e bassi dei livelli di CO2 e della temperatura negli ultimi 590 milioni di anni. Sappiamo quindi che in periodi di tempo molto lunghi, i livelli di CO2 hanno ampiamente superato la soglia di 1.000 ppm, raggiungendo di fatto livelli compresi tra 6.000 e 8.000 ppm all’inizio del periodo Cambriano, Figure 3, 4.

Oggi la Terra è sul lato freddo

La Figura 5 combina entrambe le immagini con i livelli di CO2 e le temperature disposte sullo stesso asse temporale. Si può vedere chiaramente che esiste una notevole disconnessione tra pressione e temperatura della CO2. Le temperature globali hanno oscillato tra più di 25 °C e fino a 10 °C. Il nostro clima attuale è uno dei più freddi che il nostro pianeta ha attraversato negli ultimi ca. 600 milioni di anni.

Questi risultati contraddicono gli attuali avvertimenti di un riscaldamento globale catastrofico presumibilmente causato dagli attuali livelli “eccessivi” di CO2 di circa 420 ppm.

La vita sulla Terra ha prosperato con oltre 6.000-8.000 ppm di CO2 e fino ai livelli attuali di poche centinaia di ppm e con temperature per lo più ampiamente superiori, mentre altre volte sono scese ben al di sotto della nostra attuale norma di 15°C.

Figura 5. Livelli e temperature di CO 2 preistorici dal periodo Cambriano (500-590 milioni di anni BP) Grafico: www.geocraft.com 4.

Naturalmente, questi fatti non sono piaciuti a tutti nella comunità ben finanziata e affiatata di climatologi. Un relativo capitolo della versione tedesca di Wikipedia, ad esempio, avverte che “i confronti e le conclusioni con il presente sono problematici poiché le condizioni storiche (ad esempio il livello ridotto di irraggiamento solare e l’assenza di vegetazione a terra) ne vietano completamente l’applicabilità rispetto all’attuale periodo dell’Olocene”.

Questo è un argomento debole che cerca semplicemente di offuscare il fatto che, indipendentemente dai modelli atmosferici avanzati per spiegare l’evoluzione del clima in questi tempi, i seguenti fatti rimangono indiscussi:

  1. A) le temperature sulla terra hanno superato il livello attuale di ben 20 °C per periodi di tempo più lunghi che no, e
  2. B) I livelli di CO 2 hanno raggiunto fino a 6.000-8.000 ppm.

Perché 17°C dovrebbero essere catastrofici?

Allora perché dovremmo credere che un aumento della temperatura di soli 1,5-2 °C rispetto all’attuale ca. 15 °C sarebbero catastrofici per la vita sulla terra?

Figura 6 . Le enormi masse calcaree della catena montuosa del Giura svizzero sono state costruite da coralli e altre creature marine che secernono conchiglie (Foto: privata)

E questi fatti implicano direttamente altri due punti importanti contro le attuali narrazioni sul clima. Siamo costantemente soggetti a un flusso di notizie allarmanti su barriere coralline che presumibilmente muoiono a causa delle alte temperature e dell'”acidificazione degli oceani da parte della CO2″. Entrambe le affermazioni sono invalidate dal fatto che durante centinaia di milioni di anni di condizioni molto più avverse, i coralli hanno avuto un tale successo che hanno persino definito la propria era geologica: il Giurassico. Questo nome deriva da quello di una catena montuosa svizzera completamente costituita da massicce rocce di carbonato di calcio costruite dai gusci di coralli morti e altri organismi che secernono conchiglie.

Formazioni calcaree relativamente massicce possono essere trovate in tutti i continenti e vedremo in seguito che hanno svolto un ruolo chiave in uno specifico meccanismo biogeochimico che filtrava quantità assolutamente enormi di CO 2 dalla nostra atmosfera e dagli oceani. Questa CO 2 è stata sequestrata dal ciclo biologico legandola nelle rocce dove rimarrà quasi eternamente. Se ciò non fosse accaduto, oggi avremmo condizioni atmosferiche paragonabili a quelle del pianeta Venere, con una pressione di 90 bar mentre le temperature raggiungono i 470 °C.

I coralli si sono comportati bene a temperature molto più elevate, livelli di CO 2

I coralli contemporanei sono discendenti diretti di creature che hanno sostenuto temperature dell’acqua e livelli di CO2 molto al di sopra di quelli che attualmente sperimentano nei nostri oceani tropicali. Allo stesso modo, gli articoli che affermano che livelli di CO 2 nell’atmosfera superiori a 400 ppm causano una “acidificazione” pericolosa per la vita dei nostri oceani dovrebbero essere letti con disprezzo. Lo stesso vale per le pubblicazioni che affermano che i coralli soccomberebbero al surriscaldamento e/o all’acidificazione degli oceani.

Fred F. Mueller

Fonti:

1.) https://en.wikipedia.org/wiki/Earliest_known_life_forms 20 fa .

2.) earthguide.ucsd.edu/virtualmuseum/images/CO2History.html

3.) https://commons.wikimedia.org/wiki.svg

4.) https://medium.com/last-600-million-years-f83169a68046

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità