image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 19 Aprile 2020

Nonostante decenni di profezie fatali, la calotta glaciale della Groenlandia sta attualmente GUADAGNANDO quantità mostruose di “massa”. Accumulati 27 gigatons negli ultimi 5 giorni (14-18 aprile 2020).

Fondamentale per la sopravvivenza di un ghiacciaio è il suo bilancio di massa superficiale (SMB), la differenza tra accumulo e ablazione (sublimazione e fusione). I cambiamenti nel bilancio di massa controllano il comportamento a lungo termine di un ghiacciaio e sono i suoi indicatori climatici più sensibili (wikipedia.org).

Pubblicità

Sulla scia dei sostanziali guadagni delle PMI negli ultimi anni, la calotta glaciale della Groenlandia sembra destinata a continuare questa tendenza nel 2019-2020. Dal 14 al 18 aprile 2020, l’isola più grande del mondo ha aggiunto una mostruosa quantità di ghiaccio e neve di oltre 27 gigatons alla propria calotta di ghiaccio. Secondo gli allarmisti climatici, questo non dovrebbe accadere in un pianeta in fase di riscaldamento. In effetti, potrebbe anche non accadere poiché sviluppi come questi non ricevono MAI l’attenzione di MSM, il che significa che gli allarmisti non sono MAI al corrente, o non vogliono sapere, il quadro completo e questo è davvero disarmante …

[polarportal.dk]

Da settembre 2019 – l’inizio ufficiale della stagione – picchi di PMI al di sopra della media giornaliera di 2/2,5 gigatons si sono verificati regolarmente. A metà novembre, lo spessore di ghiaccio ha guadagnato ben 10 Gts in un solo giorno. In seguito a ciò, durante i primi due giorni di dicembre, è stato registrato un altro guadagno di 14 Gts. Un altro salutare guadagno di 7 Gts si è verificato il 6 febbraio, quindi ancora 6 Gts il 28 marzo.

Tutta questa sublimazione ha portato all’accumulo di questa stagione. La linea del PMI comodamente all’interno della media 1981-2010, oltre a superare i guadagni dell’anno scorso (la linea 2018-2019 è stata rimossa dal grafico dell’Istituto meteorologico danese per qualche motivo, ma i guadagni ora li superano di gran lunga e possono essere confrontati con il grafico utilizzato è allegato nel collegamento QUI):

Inoltre, la massa totale di neve per l’emisfero nord continua a seguire il sopra media con l’ultimo punto dati (6 aprile) vedendo la neve del NH di uno strabiliante 500 gigatons sopra la norma: un’altra realtà del mondo reale che ci è stato detto sarebbe ormai impossibile: IPCC 2001: “Le temperature invernali più miti diminuiranno le forti tempeste di neve …”

https://electroverse.net/the-northern-hemisphere-is-having-one-of-its-snowiest-winters-ever/

Inoltre, l’estensione dello svow cover del North America si sta avvicinando a livelli senza precedenti per il periodo dell’anno:

https://electroverse.net/incredible-north-america-snow-extent/

Ecco come si formano i ghiacciai.

Questo è anche il modo in cui iniziano le ere glaciali.

si può iniziare incredibilmente in fretta, troppo – basta prendere l’autunno 2019 con la caduta neve a Great Falls, MT come esempio. Guarda l’incredibile velocità con cui il manto nevoso si è accumulato in quella città del nord degli Stati Uniti:

Immagine

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità