20 gennaio 2017 - 20:00 pm Pubblicato da

Di Enzo Ragusa

 
L’EPA, United States Environmental Protection Agency (in acronimo EPA o USEPA in italiano), è nata con lo scopo di proteggere l’ambiente come agenzia del governo federale degli Stati Uniti d’America. Nei giorni scorsi il senatore Democratico Bernie Sanders, alla domanda se l’Anthropic Global Warming (AGW) fosse realmente la causa dell’aumento della temperatura, ha risposto dando un seguito alle continue menzogne:

“Il 97% degli scienziati che hanno scritto articoli per riviste specializzate hanno concluso che il cambiamento climatico
è reale, ed è causato dalle attività umane che sta causando problemi devastanti nel nostro paese e in tutto il mondo.”

Bernie’s EPA Lies

Il 97% degli scienziati che hanno scritto articoli di riviste sul clima credono che l’attività umana sia la ragione fondamentale dei cambiamenti climatici. Ma la stragrande maggioranza degli scienziati affermano che abbiamo avuto modo di agire con coraggio alle Bugie dell’EPA e di Bernie Sanders.

Nessuna delle affermazioni di Sanders ha alcun fondamento nella realtà dei fatti, ma è solo propaganda per i progressisti. Da oggi inoltre si insedierà alla Casa Bianca il nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il quale non crede ai cambiamenti climatici causati delle attività umane.

Se ne deduce che a breve una delle più grandi truffe di tutti i tempi stia per giungere al termine o comunque che verrà troncato il finanziamento di miliardi di dollari che continuano ad essere erogati per poter continuare indisturbati la truffa, mantenendo un gran numero di persone il cui futuro dipende solo ed esclusivamente da questa grande truffa climatica.

 


È il 2016 l’anno più caldo da quando si rilevano le temperature -The New York Times

 

 

Altra forma pubblicitaria è l’articolo di qualche giorno fa del The New York Times.

Dal grafico qui sotto possiamo però vedere come il riscaldamento globale sia davvero creato ad hoc. I furbacchioni del NOAA e della NASA continuano a cambiare i propri dati per far apparire il passato più freddo mentre il presente più caldo.

Sulla base dei dati della temperatura della NASA a partire dai dati del 2000 e dai dati satellitari di allora, notiamo come non ci sia stato un riscaldamento di oltre 0,6°C a partire dalla metà del 18° secolo. Al contrario la NASA mostra il riscaldamento attuale del doppio a causa dei loro continui abusi sui dati e sfortuna per loro, in nuovo Presidente degli Stati Uniti Trump non crede nel cambiamento climatico antropico.

 

RSS  NASA 2000 and 2016

 

Quello che sappiamo per certo però è che 31.487 scienziati americani hanno firmato una petizione che afferma chiaramente che il contributo del genere umano al cambiamento climatico non è dimostrato, tra cui 9.029 con dottorato di ricerca.

Ogni individuo ha diritto alla propria opinione, ma questo non vuol dire interpretare i dati a proprio piacimento.

Ad ogni modo pare che la grande truffa che dura da trent’anni sia giunta al suo termine.

 

Da un’idea di Real Science

 

Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...
  • pietro

    Guarda, ho letto le vostre discussioni. Ti assicuro che se uno non si
    intende di global warming o di globale cooling da immediatamente ragione
    alla tesi del freddo che avanza.
    Poi, se uno va a documentarsi in
    maniera capillare, pur non avendo studiato la materia o non essendo
    un’esperto del settore, se ha una mente normalmente aperta dovrebbe
    concludere che le teorie del riscaldamento non sono vere. Ho capito,
    nella mia ingnoranza in materia, che sono cambiate le correnti grazie
    alle quali possono verificarsi periodi lunghi di caldo nelle solite zone
    o il contrario in altre. Io stesso, vivo in Liguria dove il clima è un
    po a se stante, ho notato che dal 2010 qualcosa verso il freddo si è
    mosso. Ricordo anche il 2013 e 14 che dal punto di vista dell’Estate
    siamo stati carenti.

    Non dimentichiamoci della ricerca fatta col
    sistema del carotaggio dove è venuto a galla che il clima è
    proporzionalmente condizionato dall’attività solare. Quindi, da perfetto
    ignorante in materia quale sono, ma non mi manca l’acume per fare 1 + 1
    col risultato 2, se accetto il binomio attività solare e conseguente
    condizionamento clima terrestre, devo accettare la cosa anche adesso.
    So, in base a quello che ho letto, che nell’ultimo periodo di forte
    caldo c’era un livello di co2 molto alto però non avevamo, credo 2 0 3
    mila anni fa, un’attività tecnologica umana che alzasse così i livelli
    di CO2. Non so, forse bisogna arrendersi all’idea che il freddo avanza.
    Mi piacerebbe altresì, che le discussioni fossero fatte in maniera
    pacata e costruttiva. E’ importante il confronto. Comunque grazie a
    tutti per avermi dato la possibilità di dire la mia anche se sono fuori
    dalla materia. Pietro.

    • Pietro, ti do qualche spunto per approfondire ulteriormente l’argomento e chiudere il cerchio.

      Il dilemma, a mio avviso, sta tutto nel comprendere appieno quello che è il “ciclo del carbonio”.
      La gente è convinta, ad esempio, che con la fotosintesi clorofilliana, le piante assorbono CO2 ed emettono O2. E basta.
      Invece, il ciclo (o per meglio dire sottociclo) del carbonio, per quanto riguarda la flora, è perfettamente bilanciato con la respirazione delle piante… che avviene di notte… e che consuma Ossigeno più zuccheri per emettere la stessa identica quantità di CO2 assorbita durante il giorno. Pertanto non è che la quantità di CO2 in più oggi, rispetto al 1850, sia aumentata a causa nostra.
      Tra l’altro la CO2 viene “immagazzinata” negli Oceani, ma anche nei sedimenti sottomarini e nelle profondità della Terra sotto forma di Petrolio e Carbone. È un percorso lunghissimo…

      Ma la cosa fondamentale da comprendere, è che la quantità di CO2 che gli Oceani riescono ad immagazzinare, è INVERSAMENTE PROPORZIONATA alla temperatura dell’acqua. Più aumenta la temperatura dell’acqua, più DIMINUISCE la SOLUBILITÀ del gas CO2. Questo significa che il processo di accumulo e immagazzinamento della CO2 all’interno del Sistema climatico-geologico del pianeta, è REGOLATO dall’Attività Solare. Più questa aumenta, più diminuisce la quantità di CO2 immagazzinata negli Oceani… che, ovviamente, finisce per restare nell’Atmosfera.

      Ecco perché la curva della CO2, ricostruita sulla base dei carotaggi, SEGUE la curva della Temperatura con un ritardo (non ricordo se sono 150 anni minimo).

      Purtroppo i “seguaci” dell’AGW non amano analizzare il contesto a 360°… riducendo il tutto ad una semplice equazione:

      aumento consumo fonti fossili = aumento della CO2 = aumento della temperatura

      Ma non si rendono conto del fatto che il tutto è, comunque condizionato dall’attività solare.

      Infatti, indipendentemente dal consumo di fonti fossili, tra gli anni ’40 e gli anni ’70, la CO2 ha continuato ad aumentare, mentre la temperatura diminuiva. Ma questo, com’è avvenuto anche lo scorso anno, per loro è una normale variabilità naturale del clima… ma tale variabilità naturale c’è solo ed esclusivamente quando le temperature scendono (in barba alle loro teorie). Anche con El Niño del 2014-2016 hanno fatto lo stesso ragionamento. Quando le temperature aumentavano, la colpa era delle attività antropiche. Dal febbraio 2016 in poi, visto che sono diminuite, allora era normale variabilità naturale del clima. Bell’opera…. come a dire… 3+2 = 5 nel primo caso 2+3 = 4 nel secondo!

      Bernardo

    • pietro

      Grazie per aver risposto. Avevo letto tempo fa che la CO2 presente dipende dai cambiamenti della temperatura. Grazie per averlo ricordato. E’ un elemento in più che dovrebbe fare capire a chi non vuole capire che l’andamento va nella direzione opposta a quelli che che si definiscono AGW.
      Amo il freddo e vorrei che l’Estate durasse 15 gg e non di più ma sono consapevole che un’abbassamento della temperatura può considerarsi un vero disastro in maniera direttamente proporzionale dal suo abbassamento.
      Grazie ancora e vi seguo con famelicità. Trovo il vostro sito essere la risposta più adeguata al mio interessamento sull’argomento e non solo per il clima, ovviamente.
      Buon lavoro.

  • Angela

    Sei troppo carino Enzo Ragusa.

  • Luca Rebecchi

    Solo tre parole: mi fate schifo! State dalla parte delle lobby dei petrolieri e delle grandi multinazionali che hanno devastato questo nostro povero pianeta. Dalla parte di un miliardario senza il minimo pudore come Trump. Dalla parte della menzogna, quella che nega ciò che è sotto gli occhi di tutti, ormai. Qualsiasi termometro, anche quelli di ciascuno soggetto privato, se solo segna valori sopra la media, per voi è manipolato dalla NOAA. Non so cosa vi spinga: se il gusto della mera provocazione, o interessi legati ai click sul vostro sito, ma a prescindere da quale sia la vera ragione che vi fa aderire al mondo dei negazionisti (sempre più isolato e sbugiardato, per fortuna!) provo ugualmente un’infinita pena per tutti coloro che giocano con i futuri drammi di milioni di persone e cittadini della Terra. Se vi diverte, o molto più venalmene vi conviene, continuate pure…

    • Luca, ti ringrazio per il tuo prezioso contributo totalmente privo di fondamento… ma avrei preferito che lasciassi la

      versione originale, quella dove inizi con la frase “Solo tre parol: mi fate schifo!”.
      Ma a prescindere di questo (sappi che è tutto registrato… pertanto è inutile modificare in un secondo tempo), non c’è nessuno scopo di lucro in quello che facciamo… anzi… noi dello staff ci autotassiamo per mantenere in piedi il server.

      Ma a parte questo… è evidente che la tua “reazione” è a dir poco ridicola, prima di tutto per il fatto che la “fazione” che viene sbugiardata continuamente è quella a favore del Riscaldamento Globale, secondo per il fatto che non siamo minimamente a favore dei petrolieri o di Trump. A noi interessa la realtà.

      Sbagli anche quando affermi che “giochiamo con i futuri drammi di milioni di persone e cittadini della Terra”… E non immagini quanto tu ti stia sbagliando!

      Penso che invitarti ad approfondire in modo acritico l’argomento “riscaldamento globale”, senza partire dal presupposto che NASA/NOAA e IPCC abbiano ragione è fatica sprecata… ma ad ogni modo ti invito a leggere l’articolo di Climatemonitor.it di ieri: http://www.climatemonitor.it/?p=43413

      Motivo?
      Ci sono riportare delle frasi in lingua inglese (se non conosci l’inglese aiutati con un traduttore) nel quale si intuisce (chiunque riesce a farlo, a meno che non è in mala fede) che tutto ciò che riguarda il Cambiamento Climatico si basa solo ed esclusivamente sulla PROBABILITÀ che ci sia un’origine ANTROPICA.

      Ma del resto… non serve neanche leggere quell’articolo o andarsi a rileggere tutte le decine e decine di articoli che abbiamo pubblicato fino ad oggi…. basterebbe conoscere la fisica… usare la propria testa ed evitare di credere, ciecamente e per fede, ad una teoria basata esclusivamente sul PROFITTO.

      Approposito… hai seguito i lavori di Davos? Hai sentito cos’ha affermato Christiana Figueres? No?

      Beh… informati… ne riparleremo!

      • Luca Rebecchi

        Ho cancellato la prima versione solo perché credo che certi toni screditassero le mie posizioni. Quando si eccede si passa sempre dalla parte del torto.
        Bene, se non portate avanti la vostra campagna diffamatoria nei confronti della NASA o della NOAA (a proposito, anche le vostre accuse nei riguardi di questi organismi sono registrate, non temete!) per puri scopi di lucro, mi chiedo cosa vi spinga a farlo. Forse, come ho ipotizzato, per puro spirito di provocazione verso quelli come me che soffrono nel vedere devastato questo pianeta. Non riesco a trovare ragioni più sensate. Dal 2014 il trend delle temperature globali è ripartito al rialzo, smentendo tutte le vostre argomentazioni e supposizioni al riguardo, eppure insistete nel dare dei bugiardi e cospiratori a tutti coloro che cercano di mettere in guardia la popolazione dai rischi che il nostro pianeta sta correndo. Quando ragionate, parlando di cose sensate, come l’ENSO e le sue ricadute, posso accettare il confronto. Quando invece prendete posizioni deliranti come quelle contenute in questo post, no! Fate pure quello che volete, querelatemi se ravvisate i presupposti per farlo, ma questo non mi impedirà di continuare a contrastare chi mistifica i dati ufficiali che tutti gli enti preposti diffondono, certificando il dramma del GW. Distinti saluti.

        • Luca, perdonami, ma stai dicendo una marea di falsità inaudite.
          Prima di tutto non temo il fatto che le “nostre” accuse alla NASA e alla NOAA siano registrate… fossero quelli i problemi… mi chiedo… ma tu, a quello che dici, ci credi veramente?
          No, perché è tutto completamente falso!

          Dici infatti “Dal 2014 il trend delle temperature globali è ripartito al rialzo”… ma… mi chiedo… sai cos’è El Nino? Ne hai mai sentito parlare? Sai che a livello CLIMATICO si calcolano gli “eventi” su base almeno TRENTENNALE? Cos’è questa “novità” che bastano 18 mesi caldi per fare un trend al rialzo, mentre i 20 anni di stasi NON CONTANO NULLA per quelli come te che credono ciecamente (spero non per qualche altro motivo) all’AGW?

          Chi da del bugiardo o cospiratore… “a tutti coloro che cercano di mettere in guardia la popolazione dai rischi che il nostro pianeta sta correndo”, sono quelli come te che non hanno idea di cosa si stia parlando.
          Sono più che sicuro che non conosci nulla di clima… ma basi le tue verità “assolute” sul sentito dire… magari in tv…

          La realtà, caro Luca, è che nel 1850 la temperatura era quasi ai minimi da oltre 500 anni e la CO2 presente in atmosfera ammontava a circa 280 ppm… con una percentuale del 3% circa per la componente ANTROPICA. Da quel momento in poi, tra alti e bassi, tutti registrati (anche se la NASA continua a “manipolare” i dati… per LORO STESSA AMMISSIONE tra l’altro), la temperatura degli oceani in primis è aumentata… e a seguito di tale aumento, è diminuita sensibilmente la solubilità della CO2 in acqua (sai cos’è? no? bene… informati…)… e di conseguenza è aumentata la quantità di CO2 che NON È STATA ASSORBITA dagli oceani. Negli ultimi anni abbiamo raggiunto le 400 ppm di CO2 in atmosfera, ma come viene riportato in diversi documenti scientifici Peer Review, la componente antropica NON È MUTATA… è rimasta sostanzialmente stabile al 3%. Questo sai cosa significa? Che l’aumento della CO2 in atmosfera NON È IMPUTABILE alle attività Antropiche. Ma questo, a quelli come te, importa? Lo avete “notato” o almeno letto? Oppure, come penso, leggete e riportate solo ciò che vi fa comodo?

          Prova a leggerti questo: http://www.attivitasolare.com/cambiamenti-nel-rapporto-13c12c-della-co2-atmosferica-nel-periodo-1977-2014/

          Qui non c’è ragione di querelare nessuno… non l’ho mai fatto, anche quando sono stato pesantemente attaccato anche sul piano personale alludendo a malattie mentali da curare assolutamente. E non ho querelato nessuno neanche quando sono stato minacciato sul piano fisico per quello che dico e diciamo noi di Attività Solare.

          Qui c’è una parte della popolazione che crede ciecamente a ciò che gli viene detto dalla TV, dai Media e dalle “fonti ufficiali”, senza minimamente conoscere ciò che c’è dietro a tali strategie. E c’è chi, invece, sostiene che la storia climatica del nostro pianeta NON LA SI PUÒ MODIFICARE per comodità di un’ipotesi spacciata per TEORIA ed insegnata nelle squole come fosse una LEGGE.

          Questo è inaudito. Inconcepibile. Si sta tornando alla diatriba della Terra Piatta o del sistema solare geocentrico. E quelli come te, che non approfondiscono l’argomento ma si limitano a difendere a spada tratta ciò che gli è stato propinato per decenni, non fanno che peggiorare le cose.

          Fino ai primi anni 2000 esisteva l’Effetto Serra… spacciato come un qualcosa che avrebbe condotto il nostro pianeta sull’orlo di un baratro. Ma tale nome, Effetto Serra, evidentemente non “vendeva” bene. E fu coniato il termine Riscaldamento Globale Antropico. Visto che non hai buona memoria… ti ricordo che l’ipotesi presentata si basava sul fatto che la TSI è costante e che non c’è, per chi crede e supporta tale ipotesi, alcuna INFLUENZA dell’Attività Solare sul clima del nostro pianeta.
          Converrai con me che questa è una stronzata colossale… spero… perché significherebbe cancellare millenni di cultura, secoli di scienza ed oltre 1 miliardo di anni di dati paleoclimatici. Oltre che… ovviamente… in soldoni, ad affermare che il sole o c’è o non c’è… la temperatura sul nostro pianeta non cambierebbe. Strano però che tra Estate ed inverno ci sono differenze enormi… come ce ne sono tra il giorno e la notte. Però… stranamente… il Sole non ha effetti sul clima. Questo, ovviamente, solo ed esclusivamente per chi sostiene l’AGW.

          Gli effetti nel medio lungo termine di tale ipotesi sarebbero dovuti essere quelli di un continuo riscaldamento globale… che nel giro di 1 secolo avrebbe portato la temperatura ad aumentare, a livello globale, di oltre 1°C. Nel corso degli anni tale aumento è stato poi “ricalcolato” in 4-5°C… poi 6-8°C e qualcuno, anni fa, era arrivato ad indicare anche 10°C…. Sempre nel giro di 1 secolo.

          Ora… capisco che dietro l’AGW c’è un giro d’affari di oltre 2000 miliardi di dollari l’anno… e che alcuni degli scienziati, pur di ricevere fondi per i loro laboratori, siano disposti a tutto… ma andare oltre i principi della fisica mi sembra un tantino esagerato.

          Anche perché… non so se lo sai… l’aumento della CO2 in un sistema come quello climatico terrestre… comporta un aumento della temperatura solo a livello di sistema IDEALE… Nella realtà dei fatti il sistema climatico terrestre NON È un sistema chiuso… e non è affatto IDEALE come invece viene modellizzato.

          Ma continuiamo…
          Sempre la stessa identica ipotesi, l’AGW, prevedeva la totale assenza di ghiacco artico già da diversi anni… prevedeva al contempo la crescita del livello del mare di non si sa quanti metri… (anche se il ghiaccio artico galleggia, pertanto per il principio di Archimede il livello del mare non cambia (o vogliamo riscrivere anche questo principio?). Prevedeva, però, anche la fine degli inverni nell’emisfero NORD già dal 2006… Ne vogliamo parlare?

          Poi… da circa 1 anno… ovvero da quando è terminato l’evento ENSO+… noto anche come El Niño, le cose sono cambiate.
          Ora, per le stesse identiche motivazioni che 15 anni fa spinsero NASA, NOAA e IPCC ad affermare che al’aumento della CO2 avrebbe comportato l’aumento delle temperature, ora… ad un aumento della CO2 fa seguito una diminuzione delle temperature.
          Cioè… se qualcuno mi spiega perché 2+2 fa 4, 3 o 5 a seconda dei casi… forse… potrei anche crederci.

          Ti sei mai chiesto il perché abbiano cambiato la loro previsione?

          Hai notato che a livello POLITICO l’aumento della CO2 comporta l’aumento della temperatura, mentre a livello mediatico l’esatto opposto?

          E questo, quand’è che è successo?
          Te lo dico io… dal momento in cui si sono resi conto che le previsioni elaborate dai Russi (ma anche dagli americani) negli anni ’70 si sono rivelate VERE!

          Anni ’70… non oggi, ieri o 10 anni fa!
          Già all’epoca vennero elaborate delle TEORIE (quelle si che lo erano… visto che riuscivano a ricostruire anche il clima passato del nostro pianeta, non l’AGW che non riesce neanche a spiegare il perché faccia così freddo a livello emisferico… o del perché non vi siano più uragani o del perché ci sia tanta neve in giro per il mondo) che prevedevano una diminuzione della temperatura, a livello emisferico, a partire… indicativamente, dal 2015… con un fortissimo aumento delle precipitazioni nevose su Russa/Siberia e Nord America. Questo è tutto documentato (anche qui sul nostro blog)!!!

          Ora… solo perché abbiamo riportato degli articoli nei quali si parla di Trump… esce fuori questo “casino”. Certo… non è la prima volta e non sarà l’ultima.

          Ma ti chiedo… ti interessa capire e parlare/discutere di fatti concreti, di dati… oppure il tuo è solo un modo di screditarci “politicamente” (anche se siamo apolitici?).

          La gente accusa Trump di voler inquinare il mondo. E con lui tutti quanti quelli che in qualche modo lo hanno “appoggiato”. Quindi anche noi veniamo accusati di voler inquinare il mondo… di volerlo distruggere… o di “godere” dei problemi che ciò possa arrecare al genere umano.
          Ma dico… ti sei guardato allo specchio?
          Ti chiedo… ce l’hai l’automobile? la usi l’energia elettrica? Se la tua risposta è si… smettila di fare il finto ambientalista… perché non è il caso. E se sei convinto che l’unica soluzione per risolvere i problemi del pianeta sia quello di usare l’energia fotovoltaica, allora smettila 2 volte di fare il finto ambientalista… perché non è proprio il caso guarda. C’ho lavorato nell’ambito dei semiconduttori… e so quanto inquinano e quanto costa, in termini energetici, realizzarli.

          Mi fermo e ti chiedo scusa per la lunghezza di tale intervento.

          Spero vivamente di NON ricevere accuse infondate… perché se oggi sono stato tranquillo… la prossima volta potrei rispondere in modo alterato… perché, per me, non è una questione di piacere. Per per è una questione di VITA O DI MORTE. E l’AGW vuole la “morte”!

          Bernardo

          • Luca Rebecchi

            Bernardo,
            “la NASA continua a manipolare i dati”. Perdonami, ma direi che basta questa affermazione per qualificarti.
            Come si fa ad affrontare una discussione seria con questi presupposti!?
            Tu che sei appassionato di climatologia, perché non racconti ai tuoi lettori le conseguenze che ha avuto sulle temperature globali lo scalino del Nino del 98? E perché non sottolinei che all’ennesimo ENSO + fortissimo dell’anno scorso non è seguita alcuna Nina altrettanto forte? Ti sei mai chiesto il perché!? Riguardo poi agli interessi della Green Economy, scusami ma rasenti il comico! Come se gli interessi dei petrolieri e di tutta l’industria che ruota intorno al fossile fossero bruscolini… Ti rendi conto almeno di quanto questo suoni paradossale!?
            Bernardo, tu confondi gli scenari previsti dell’IPCC con i trend reali basati su dati statistici. Quando fra un paio d’anni saremo nel pieno del minimo solare di questo ciclo, e l’Artico avrà perso qualche altra centinaia di tonnellate di ghiaccio (a proposito, perché nei vostri articoli sottolineate solo le anomalie in sede Siberiana, e mai quelle positive del Canada e della Groenlandia!?) allora magari ne riparleremo.
            Secondo me dovreste limitarvi all’ottimo lavoro di aggiornamento che effettuate sul Sole, e lasciar perdere questa assurda crociata negazionista.
            Però rispetto la libertà di espressione e di opinione di ciascuno, per cui d’ora in poi eviterò di intervenire, dal momento che partiamo da posizioni troppo distanti, e direi inconciliabili.
            Ti auguro una buona serata.
            Luca

            • Luca… penso che la nostra discussione si interrompi qui. A me, di discutere con chi pretende di avere ragione senza sapere di cosa parla… non mi va. Ho perso fin troppo tempo a discutere con te e sinceramente… non mi va. Sei convinto che farà sempre più caldo? Bene… allora trasferisciti al polo nord o in siberia… fai come vuoi… ma evita di sparare stronzate su questo blog perché ne ho le palle piene di gente come te che si lascia indottrinare da chi manovra il mondo con l’AGW!

              Visto che chiedi aggiornamenti sulla Groenlandia… dove, a quanto intuisco, secondo te fa caldissimo (si stanno sciogliendo anche li’ i ghiacci? secondo le stronzate che ti hanno inculcato nel cervello????), eccoti il link più autorevole ed ufficiale dove guardare il trend dell’innevamento. E si… è positivo…. ma non come pensi tu!

              http://www.dmi.dk/en/groenland/maalinger/greenland-ice-sheet-surface-mass-budget/

              Poi per quanto riguarda il discorso della Green Economy, secondo me, come purtroppo tantissime altre persone, NON HAI IDEA di cosa significhi in termini economici. Ecco perché credi/credete alle stronzate ambientaliste di personaggi come Al Gore… (che da solo controllava un business che negli anni d’oro superava i 1000 miliardi di dollari l’anno).

              Poi… per quanto riguarda i dati NASA, come detto precedentemente… è la stessa NASA a confermare (più volte) il fatto che i dataset delle temperature del passato sono stati “CORRETTI”… che a casa mia significa manipolati. Anche perché un trend al ribasso, apparso fino a qualche anno fa nei dataset ufficiali, negli ultimi hanno è diventato un trend al rialzo. Com’è possibile?

              Poi basta. Mi sono stufato!
              ADDIO!

            • enzo

              Dunque, oltre a noi di A.S. dovrebbero vergognarsi i migliaia di scienziati che non la pensano come voi? Quindi, gli scienziati di scuola russa dovrebbero vergognarsi anche loro? Come se il catastrofismo impartito da chi di scienza politicizzata ci campa non venisse mantenuto dalla green economy con miliardi di dollari? Fino a questo momento hai detto un sacco di chiacchiere, quelle che come al solito vi contraddistingono ma senza uno straccio di prova a vostro favore.I dati sono lì pubblicati, ma che come al solito nessuno ha ancora smentito… Non so se l’hai capito quei dati pubblicati sono dati ufficiali pubblicati da NOAA… se sei o chiunque ne sia capace smentiteli

    • enzo

      Saró molto stringato, ma davvero davanti ai dati ci sarebbe poco da dire. Vedo che come al solito invece di ripetere alla lettera tutto ciò che dicono, sempre quello che fa comodo, smentite quei dati ufficiali dello stesso NOAA e di tutti gli articoli presenti nel nostro sito che riportano i dati ufficiali, poi magari ne riparliamo eh? Il NOAA INIZI A SMENTIRE I LORO STESSI DATI