image_pdfimage_print

Di Capp Allon – 12 Febbraio 2019

La “Grande ondata artica del febbraio 1899”, come divenne noto, è una delle più diffuse esplosioni di freddo nordamericano nella storia documentata. È stato descritto in un articolo accademico del 1988 come “un punto di riferimento con cui confrontare eventi simili”.

La quantità del flusso magnetico che sale alla superficie del Sole varia all’interno di un ciclo solare. Nelle vicinanze del minimo del ciclo è raro vedere macchie solari sulla superficie del Sole, e le macchie che appaiono sono molto piccole e di breve durata. Durante il massimo, al contrario, si formano molte macchie solari visibili e durature.

Pubblicità

Anche la forza di ogni ciclo complessivo varia. 

La “Grande esplosione artica del febbraio 1899” si è verificata durante il minimo solare tra i cicli solari “deboli” 13 e 14 – questi erano i precedenti cicli relativamente deboli a quello che abbiamo appena sperimentato, ciclo 24. 

La ricerca ha collegato la bassa attività solare con temperature più fredde alle basse latitudini – Mikhaël Schwander, et al, 2017 – e il sole sta attualmente attraversando il suo minimo solare più profondo in oltre 100 anni.

Le tempeste più potenti mai registrate in molte città accaddero durante la grande esplosione artica del febbraio 1899, ma il 2019 ha iniziato a frantumare molti di questi. Ho elencato alcuni di questi qui sotto: 

  • 8 febbraio 2019: Prince Albert ha frantumato il record di – 42.8°C stabilito nel 1899, con un nuovo record di – 44.8°C.
  • 8 febbraio 2019: – 43°C legato a Williston’s, ND record più basso di tutti i tempi stabilito nel 1899.
  • 6 febbraio 2019: A Lansing, nel Michigan, la temperatura massima è stata di 3 gradi, battendo il record di 5 °C dal 1899.
  • 31 gennaio 2019: Green Bay ha chiuso a -26°C dal 1899.
  • Gen. 2019: Milwaukee frantuma il vecchio record giornaliero che durava dal 1899 di 6°C, con una minima di – 21°C.


Ma se ne sono stabiliti molti altri.

Il mio punto di vista è che il clima è ciclico, e mai lineare.

Inoltre, le recenti forti oscillazioni delle temperature, dal freddo record al caldo (che nel frattempo i promotori dell’AGW hanno fatto loro come prova di alcuni anormali ribaltamenti indotti dalla CO2), erano la norma anche nel 1899. Appena una settimana dopo la peggiore ondata di freddo e di neve, le temperature aumentarono.

Guardando di nuovo al grafico dei cicli solari sopra, è chiaro che siamo tornati all’attività solare simile a quella della fine del 1800/primi anni del 1900, e le prove di un ritorno al clima di quello stesso periodo sono in continuo aumento.

Il Sole era , è e sarà sempre la causa del cambiamento climatico. (Per ulteriori informazioni sulla scienza, vedi sotto). 

Preparati per tempi più freddi. 

Grande Minimo Solare + Vortice Polare 

COSA LA SCIENZA CI DICE POTREBBE ACCADERE

La ricerca ci dimostra che il blocco persistente aumenta quando l’attività solare è bassa, causando il blocco delle figure meteorologiche a latitudini elevate e medie per periodi di tempo prolungati.

Durante un minimo solare, la corrente a getto perde energia. Il suo solito forte flusso “Zonale” (direzione ovest-est) ritorna a un flusso debole e ondoso “Meridionale” (direzione nord-sud) – questo viene ulteriormente amplificato durante un Grande Minimo Solare, come in quello in cui stiamo entrando adesso, e spiega perché le regioni diventano insolitamente calde o fredde e altre insolitamente secche o piovose, con gli estremi che durano per un lungo periodo di tempo. 


Mikhaël Schwander, et al, 2017 – “L’analisi lunga 247 anni dell’impatto del ciclo solare di 11 anni sulle figure meteorologiche europee di fine inverno suggerisce una riduzione della frequenza dei flussi di tipo occidentale legati a un flusso zonale medio ridotto sotto la bassa attività solare. Sulla base di questa evidenza osservativa, stimiamo la probabilità che le condizioni fredde in inverno sull’Europa siano più elevate in caso di bassa attività solare rispetto a un’attività elevata.”

Conosciamo i meccanismi da decenni, come indica questo articolo di Science Mag del 1975, ma poiché contraddicono il moderno programma politico di riscaldamento globale, vengono opportunamente dimenticati: 


ZONE CON NEVE DAL TEXAS ALL’ALASKA? – TUTTO PREVISTO DURANTE UN GRANDE MINIMO SOLARE

La storia è stata distorta dai media mainstream per dimostrare in qualche modo l’AGW, tuttavia il fenomeno è esattamente lo schema che ci aspettiamo di vedere durante un Grande Minimo Solare.

Osservando le mappe ricostruite delle temperature nel Maunder dalla NASA, alcune regioni sono effettivamente calde durante i periodi di raffreddamento globale – l’Artico, l’Atlantico settentrionale e l’Alaska sono le principali (anche se “calde” per l’Artico, ad esempio, le temperature sono ben al di sotto per la fusione – quindi non c’è scioglimento): 

NASA – Temp Change 1680-1780


L’Alaska potrebbe aver avuto un inizio lento in inverno, ma l’emisfero settentrionale nel suo insieme certamente non lo ha fatto.

La massa totale di neve peri il NH, ad esclusione delle montagne, si trova comodamente ben al di sopra della media di 30 anni: 

Total NH Snow Mass – Ultime osservazioni


Fare clic qui per ulteriori informazioni sul Grande Minimo Solare e su come l’aumento risultante dei raggi cosmici galattici contribuisce al raffreddamento globale.


GSM

Fonte: Electroverse

Pubblicità