image_pdfimage_print

DI CHRIS MORRISON 28 NOVEMBRE 2022

È un mistero. Perché la copertura di ghiaccio marino artico è tornata a ruggire così rapidamente negli ultimi anni? Nessuno lo sa – nessuno scienziato sul pianeta può dirtelo, scrive Willis Eschenbach in un breve saggio sul sito climatico Watts Up With That? Si potrebbe notare, naturalmente, che non c’era carenza di spiegazioni quando c’era una recessione ciclica, principalmente a che fare con gli esseri umani che avevano qualcosa a che fare con essa. La fusione dei ghiacci ai poli è ancora uno dei supporti cruciali per l’intera agenda politica Net Zero di comando e controllo.

Il grafico sopra mostra i cambiamenti nella copertura di ghiaccio marino artico durante l’era satellitare. I valori sono anomalie rispetto alla media 1991-2020. Eschenbach osserva che dal 1990 circa, la gente ha parlato di come l’anidride carbonica emessa dall’uomo stia riducendo la quantità di ghiaccio marino artico. Quando ha iniziato a cadere molto velocemente, si diceva che avevamo superato un punto di “ribaltamento” da cui il ghiaccio non si sarebbe mai ripreso. In questo periodo, ha osservato Eschenbach, le previsioni di un oceano artico libero dai ghiacci abbondavano.

Pubblicità

Le vecchie abitudini sono dure a morire. Nonostante l’impressionante recente recupero del ghiaccio, parlare di questi punti di non ritorno – per lo più un’invenzione dei cosiddetti modelli computerizzati di “attribuzione” – sono onnipresenti. Nella sua recente serie agitprop Frozen Planet II per la BBC, Sir David Attenborough ha fatto una serie di riferimenti prodotti da modelli all’Artico libero dal ghiaccio marino estivo entro il 2035.

Secondo Eschenbach, ci sono più misteri giù in Antartide.

Qui Eschenbach pone la domanda: perché la banchisa antartica, a differenza della banchisa artica, ha iniziato ad aumentare abbastanza rapidamente intorno al 2008? Nessuno lo sa, dice. Perché si è differenziato dall’Artico per essersi stabilizzato dal 2010 al 2015, ma poi rispecchiare l’Artico scendendo rapidamente, per poi girarsi e iniziare a rimbalzare? Hai indovinato – nessuno lo sa.

Infine la situazione globale.

Perché il ghiaccio marino globale ha seguito questo modello, mentre la CO2 continua a salire nell’atmosfera, chiede. Gli allarmisti politicamente motivati ci dicono costantemente che il ghiaccio presto scomparirà tutto. Secondo Eschenbach, nessuno scienziato del clima sul pianeta ha previsto questi grandi cambiamenti nel ghiaccio marino.

L’autore conclude:

Ecco la parte più strana. Nonostante il fallimento delle molte previsioni di un “Artico libero dai ghiacci”, nonostante le affermazioni falsificate che abbiamo superato un “punto di svolta”, nonostante il fatto che le ragioni dei cambiamenti curiosi e inaspettati nel ghiaccio marino polare non possano essere spiegate da nessuno e i cambiamenti non siano stati previsti da nessuno – gli scienziati del cambiamento climatico insistono ancora sul fatto che possono dirci come sarà la temperatura globale nell’anno 2100.

Naturalmente, ci sono molti scienziati scettici che cercano risposte alla natura ciclica del ghiaccio globale al di fuori dei confini restrittivi della scienza del clima “stabilita”. Come il Daily Sceptic ha spesso riportato, i movimenti a breve termine del ghiaccio sono influenzati da scambi di calore atmosferico spesso incalcolabili, correnti oceaniche e molte altre variazioni climatiche naturali.

Il geologo Professor Ian Plimer ha recentemente osservato in un saggio pubblicato da Quadrant, ci sono state sei grandi ere glaciali e ognuna è iniziata quando c’era molto più CO2 nell’atmosfera di adesso. Prendendo una visione più lunga, Plimer ha detto che siamo attualmente in un’era glaciale iniziata 34 milioni di anni fa, l’attuale interglaciale è iniziata 14.400 anni fa nell’emisfero settentrionale, ed eravamo al culmine di questo interglaciale 4.000-7.000 anni fa nell’Holocene Optimum.

Due geologi americani hanno recentemente scoperto che oltre la metà dei ghiacciai e delle calotte glaciali dell’Artico che esistono oggi non esistevano o erano più piccoli da 3.400 a 10.000 anni fa. All’epoca, la CO2 atmosferica variava tra 260 e 270 parti per milione, rispetto agli attuali 410 ppm. Al culmine di questo riscaldamento artico interglaciale, le temperature sono state notate essere di diversi gradi più calde di oggi. Il cambiamento delle dimensioni dei ghiacciai e delle calotte glaciali negli ultimi secoli “è solo un parziale ritorno a un precedente periodo di molto più caldo”, suggeriscono i geologi.

Le tattiche politiche progettate per spaventare intere popolazioni a seguire un futuro Net Zero anti-crescita prestano poca attenzione a tali tendenze. Il riscaldamento globale si è esaurito un paio di decenni fa e gli ultimi dati satellitari per novembre sono quasi certi di estendere l’attuale pausa di otto anni e un mese. Invece viene trasmesso un messaggio di “autostrada per l’inferno”, basato quasi esclusivamente su storie inventate che attribuiscono condizioni meteorologiche avverse o “estreme” alle attività degli umani. Nonostante le prove schiaccianti del passato che le temperature globali possono salire e scendere rapidamente, un’intera industria climatica, sostenuta da trasferimenti quasi illimitati di ricchezza da persone spesso povere a ricche, è sorta prevedendo l’Armageddon se ci sarà un aumento di alcune parti di grado centigrado.

È sicuramente tutto un po’ un mistero.

Chris Morrison è l’Environment Editor del Daily Sceptic

Pubblicità