image_pdfimage_print

Di Chris Morrison – 24 settembre 2022

Dimentica la scienza “stabilita” o il “consenso” – questo è un costrutto politico progettato per annullare il dibattito nell’interesse di promuovere un’agenda Net Zero di comando e controllo. Uno dei grandi motori dei continui cambiamenti del clima è lo scambio di calore sia all’interno dell’atmosfera che della superficie terrestre. L’attuale comprensione dell’intero quadro è limitata e sembra che sia stata colta l’opportunità per colmare questa lacuna incolpando quasi interamente l’anidride carbonica per il recente lieve riscaldamento. Un nuovo studio sul cosiddetto effetto ‘serra’ mette in evidenza il ruolo vitale svolto dagli oceani e dai flussi di vapore acqueo. Si dice che la CO2 abbia un “effetto minimo” sulla temperatura e sul clima della Terra.

Il documento è stato pubblicato dalla Global Warming Policy Foundation (GWPF) ed è stato scritto dal meteorologo William Kininmonth, ex consulente della Commissione per la climatologia dell’Organizzazione meteorologica mondiale ed ex capo del National Climate Centre del governo australiano. Kininmonth sostiene che gli oceani sono i “volani inerziali e termici vitali” del sistema climatico. Se si vuole controllare il clima, sarà necessario controllare gli oceani. E aggiunge “Gli sforzi per decarbonizzare nella speranza di influenzare le temperature globali saranno vani”.

Pubblicità

Secondo Kininmonth, il recente riscaldamento è “probabilmente semplicemente il risultato di fluttuazioni nella circolazione oceanica in continua evoluzione”. La CO2 “deve essere riconosciuta” come un contributo molto minore al riscaldamento osservato ed è improbabile che prolunghi la tendenza al riscaldamento oltre il picco generato dalle oscillazioni oceaniche naturali, osserva. Spiega che il principale motore del riscaldamento globale è il movimento di energia nell’acqua, sia negli oceani che nell’atmosfera dopo l’evaporazione.

Poiché la concentrazione di CO2 aumenta da 0 a 600 parti per milione (barre verdi), la forza totale dell’effetto serra, misurata come l’energia che i gas serra irradiano alla superficie terrestre, cambia appena (linea arancione). Fonte: Kininmonth 2022

Kininmonth propone che gli oceani tropicali si siano recentemente riscaldati, non a causa dell’aggiunta di CO2 atmosferica, ma molto probabilmente a causa di una riduzione del calore a causa del rallentamento delle correnti oceaniche. Il calore è stato scambiato con l’atmosfera tropicale e trasportato dai venti aumentando il riscaldamento polare settentrionale. È accettato che il riscaldamento nell’Artico sia stato maggiore nel recente passato che in altre parti del mondo. Le temperature della superficie dell’oceano ai tropici si sono riscaldate molto meno che nell’Artico. Tuttavia, il riscaldamento dell’Artico si è verificato prevalentemente durante la fredda metà dell’anno invernale, quando la superficie è in gran parte al buio. Per Kininmonth, ciò implica che può essere solo il risultato del trasporto di calore da latitudini più calde. Le conclusioni di Kininmonth sono ovviamente oggetto di discussione scientifica e dibattito, ma si potrebbe notare che forniscono una visione plausibile del motivo per cui le temperature al Polo Sud si sono mosse a malapena per almeno 50 anni.

La scienza stabilita è tutta incentrata sul ruolo predominante della CO2  che funge da termostato di controllo del clima. Come riportato di recente da Daily Skeptic, un bizzarro “controllo dei fatti” del partner di Facebook Climate Feedback di uno dei nostri articoli precedenti affermava: “I fattori naturali (non umani) del cambiamento climatico sono stati per lo più stabili dall’inizio del riscaldamento moderno e tutte le prove scientifiche disponibili implicano le emissioni umane di gas serra come il principale colpevole”. Come ho sostenuto, l’affermazione che il clima non ha subito alcun cambiamento naturale per quasi 200 anni è una sciocchezza. Non un frammento di prova può essere presentato a sostegno di questa proposta, e l’affermazione di Climate Feedback è poco più che una negazione del cambiamento climatico.

La narrativa politica, tuttavia, sembra richiedere che, come il Bianco Coniglio di Alice nel Paese delle Meraviglie, si debbano credere a sei cose impossibili prima di colazione. A sostegno della narrativa, la scienza imprecisa spesso finisce per essere inserita nei modelli climatici, insieme a improbabili ipotesi di un massiccio riscaldamento globale causato dalla CO2 in futuro. Ma come il Dr. John Christie, professore di scienze dell’atmosfera e della terra all’Università dell’Alabama, ha recentemente osservato: “I modelli non riescono a riprodurre flussi energetici accurati, e questo non è il metodo esatto di come deve essere simulato il sistema climatico”.

Nonostante ciò, i modelli climatici rimangono la prima scelta nel tentativo di dimostrare che siamo sulla strada del disastro climatico a meno che gli esseri umani non smettano di utilizzare i combustibili fossili. Ma sempre più, il loro ruolo controverso viene messo in discussione. La recente Dichiarazione Mondiale sul Clima, firmata da circa 250 professori universitari e guidata da un premio Nobel per la fisica, ha rilevato che i modelli presentano molte carenze, “e non sono neanche lontanamente plausibili come strumenti politici globali”. Dobbiamo liberarci dalla “credenza ingenua” nei modelli climatici immaturi. In futuro, la ricerca sul clima deve dare molta più enfasi alla scienza empirica, afferma.

Naturalmente il lavoro di Kininmonth sarà ampiamente ignorato nel mainstream. La BBC lo cancellerà, il Guardian potrebbe essere tentato di lanciare il suo solito insulto interno secondo cui i tappi vengono pagati dalla BP; chiunque ne pubblicizzi le conclusioni corre il rischio che aziende come PayPal ritirino improvvisamente i servizi finanziari transazionali, mentre i “fact check” a piè di pagina garantiranno segni neri e avvisi sui social media. Il GWPF ha invitato la Royal Society e il Met Office a rivedere il documento del terzo mese, promettendo che qualsiasi risposta sarebbe stata pubblicata in appendice. “Nessuna risposta è stata ricevuta”, ha osservato la Fondazione.

Chris Morrison è il redattore dell’ambiente del Daily Skeptic

Fonte : Daily Sceptic

Pubblicità