31 marzo 2017 - 19:36 pm Pubblicato da

Di Allum Bokhari – 29 Marzo 2017

Meno dell’uno per cento degli articoli pubblicati sulle riviste segue il metodo scientifico, secondo una ricerca condotta dal Prof. Wharton School e dall’esperto di previsioni J. Scott Armstrong.

 
Il Prof. Armstrong, che ha co-fondato la rivista peer-reviewed nel 1982, il Journal of Forecasting nel 1982 e l’International Journal of Forecasting nel 1985, ha posto alcune domande ad una presentazione per quello che considera gli “allarmismi” previsionali andare al di la del cambiamento climatico provocato dall’uomo.

“Veniamo anche noi dal settore delle riviste e di quanto bene si conformi il metodo scientifico. Nel mio campo penso che il 10 per cento dei documenti… siano forse utili. Adesso sembra che, un decimo dell’uno per cento segua il metodo scientifico”, ha detto Armstrong nella sua presentazione, che può essere vista integralmente qui di seguito. “Ma più semplicemente la gente non lo fa.”

 


Armstrong ha definito otto criteri per il rispetto del metodo scientifico, compresa la piena divulgazione dei metodi, dati e altre informazioni affidabili, conclusioni che siano coerenti con l’evidenza, metodi validi e semplici, e dati validi e affidabili.

 
Criteri per l’osservanza scentifica

Otto criteri sono stati ben stabiliti per poter giudicare che un documento sia conforme con il metodo scientifico (per le
decisioni politiche) basato sulla definizione della scienza nel corso dei secoli, qui di seguito:

1 Obiettivo: verificare le ipotesi multiple con test ragionevoli

2 Risultati utili (la dimensione dell’effetto è importante per il processo decisionale)

3 Completa divulgazione dei metodi, dati e altre informazioni pertinenti

4 Revisione globale delle conoscenze precedenti

5 Dati validi e affidabili

6 Metodi validi e semplici

7 Fornire prove sperimentali

8 Conclusione coerente con l’evidenza

 
Secondo Armstrong, sulla previsione nel dibattito sui cambiamenti climatici ben poco corrisponde a questi criteri. “Per esempio, per la divulgazione, stavamo lavorando alle previsioni sulla popolazione dell’orso polare, chiedendoci di rivederne le previsioni. A questo punto abbiamo chiesto se ci avessero inviato i dati a loro disposizione’, la risposta è stata ‘negativa’… Così abbiamo dovuto svolgere il lavoro senza sapere quali fossero i dati.”

Secondo Armstrong, le previsioni del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) violano tutti gli otto criteri.

“Perché accade tutto questo? Nessuno di loro se lo chiede!”, Ha detto Armstrong, che dice che le persone che inviano documenti a riviste non sono tenuti a seguire il metodo scientifico. “Ti dicono di inviare il documento al giornale ma non ti dicono quello che occorre fare. Non dicono ecco questo è il metodo scientifico, questo è il processo da seguire.’”

 

Svolgono la loro mansione di ricercatori in gran parte conformi con la scienza?

No.

Solo una piccola percentuale di riviste scientifiche pubblicate segue il metodo scientifico

Perché?

Nessuno chiede a loro

ma peggio, sono ricompensati per il lavoro non scientifico, tra cui:

ricerca commissionata (soprattutto invalidati o borse di studio da parte dei governi)

patrocinio

Complesse scritture

Utilizzando tecniche complesse, non valide, tecniche irrilevanti

Citazione, indipendentemente dal fatto che il lavoro sia conforme con la scienza

Copertura dei mass media, a prescindere dal contenuto scientifico.

 

Scavando più a fondo nelle loro motivazioni, Armstrong sottolinea anche come la ricchezza di incentivi sia per la pubblicazione di documenti politicamente convenienti, piuttosto che conclusioni scientifiche.

“Sono ricompensati per fare ricerca non scientifica. Uno dei miei esempi preferiti sta testando la significatività statistica – che è un metodo valido. Sono passati più di 100 anni e abbiamo sempre combattuto contro questo metodo. Si può essere ricompensati quindi, per seguire un invalido [metodo].” Quindi continua: “Sono degli imbroglioni. Se non si ottengono risultati statisticamente significativi, si escogitano variabili, aggiungendo
altre variabili, [e] alla fine si ottiene ciò che si vuole.”

“La mia grande lotta è la difesa del metodo scientifico. Le persone sono invitate a venire con alcune risposte, e in tutto il nostro settore che è stato un movimento generale non è mai accaduto da quando sono qui, e continua a peggiorare ogni anno. E la ragione è che è finanziata dalla ricerca.”

“Ho [passato] tutta la mia carriera, con un sacco di pubblicazioni, e non ho mai ottenuto un assegno di ricerca. E sono orgoglioso di questo.”

Armstrong ha concluso il suo discorso sostenendo che le prove scientifiche dovrebbero essere richieste per tutti i regolamenti sul clima.

 

Fonte: Breitbart

 

Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...