image_pdfimage_print

Di Fiorentino Marco Lubelli – 17 Maggio 2021

Dopo marzo anche aprile fa segnare temperature sotto la media in Italia, con uno scostamento, come vedremo ancora maggiore di quello rilevato nel mese scorso. https://www.progettoscienze.com/blog/isaac-cnr-marzo-sotto-media-media-in-italia/ Si prefigura dunque una primavera sotto la media, come non si verificava da anni. Andiamo con ordine partendo dal dato medio.

Anomalie termiche medie in Italia ad aprile secondo l’ISAC-CNR https://www.isac.cnr.it/climstor/climate_news.html

La temperatura media delle temperature nel mese di aprile ha fatto registrare un valore inferiore a quello normale di 0,70°C. Il mese di aprile in Italia è stato il 99esimo più freddo della storia delle registrazioni ed il 124esimo più caldo. Il valore registrato ad aprile segna una certa controtendenza rispetto agli scorsi anni quando spesso il secondo mese di primavera aveva battuto tutti i record di caldo, come nel 2018 a cui appartiene tutt’oggi il record assoluto con 2,91°C al di sopra della media. Passando alla distribuzione delle anomalie appare evidente una distribuzione omogenea delle condizioni fredde con particolare riferimento alle Alpi ed al nord-est. Passando alle temperature minime vediamo che l’anomalia appare ancora più evidente.

Pubblicità
Temperature medie minime rispetto alla media. ISAAC-CNR https://www.isac.cnr.it/climstor/climate_news.html

A parte la Sicilia ed il sud Sardegna le anomalie negative hanno predominato sull’Italia con particolare riferimento al nord del Paese. Nel suo complesso si è registrato un valore inferiore alla media di 0,79°C 100simo valore più freddo della storia e 122esimo più caldo (valori estremi 2018 +2,61 e 1817 -4,94°C). Concludiamo con la media delle temperature massime.

Media delle anomalie termiche massime per il mese di aprile ISAAC-CNR https://www.isac.cnr.it/climstor/climate_news.html

La media delle temperature massime, a parte che per la Sardegna, è stata diffusamente inferiore alla media su tutta la penisola, segnando un valore di -0,61°C rispetto al valore normale 114esimo valore più caldo e 109esimo più freddo (estremi termici storici +3,27 2007 -5,54 1809).

Fonte: Progetto Scienze

Pubblicità