image_pdfimage_print

Buon anno nuovo e benvenuti a questo doveroso aggiornamento delle proiezioni per il prosieguo dell’inverno.
Parliamo subito dello split del VP che avverrà tra il 5-6 gennaio:

Molto eloquente la figura sopra; probabile nei giorni immediatamente successivi una poderosa irruzione artica su gran parte d’Europa. Si verificherà poi un riaccoppiamento della struttura polare , ma sarà di breve durata.

Riaccoppiamento parziale tra l’8 ed il 10 gennaio


Verso il 13-14 gennaio, il vortice polare subirà il colpo finale a causa di continui riscaldamenti dall’area siberiana.

Pubblicità
Riscaldamenti continui e pressanti dall’area siberiana

A questo punto il trottolone andrà in pezzi, e stavolta definitivamente. Indice Nam previsto sprofondare a -4.
Si dovrebbe dividere in due blocchi principali, uno minore sul nord America (Canada e Stati Uniti centro orientali), e quello più grande tra Russia europea e Scandinavia .

Tale struttura si muoverà in modo retrogrado ed insisterà molto probabilmente per più giorni.
In sintesi, dal 20 gennaio (7 giorni dopo luna nuova) probabile si apra la porta della Siberia, con l’Europa che farà i conti con condizioni di gelo severo e prolungato (fino al 10 febbraio almeno).
Ci sarà da divertirsi e… battere i denti….

Fra una settimana circa ci rivediamo per gli aggiornamenti, e vedremo se confermare (ipotesi più plausibile) o meno il quadro predittorio.

A presto e buon 2021

Alessio

Pubblicità