9 agosto 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 8 agosto 2018

Usando i dati del Danish Meteorological Institute (DMI), la blogger scettica giapponese Kirye ha appena twittato come il volume di ghiaccio del mare artico sia salito al 3° livello più alto da 16 anni.

 

Fonte di dati. Istituto meteorologico danese. Fonte del grafico: Kirye.

Oggi non c’è un cacciatore di allarmismo sul clima dell’Artico. Circa dieci anni fa, un certo numero di esperti leader predisse che l’estate in Artico sarebbe rimasta libera dai ghiacci tra l’altro dicendo di tutto!

Ecco una tabella di Kirye che mostra una classifica anno dopo anno:

 

Fonte: Kirye.

Notare che negli ultimi dieci anni la tendenza è stata costante, con direzione lieve verso l’alto.

La ragione per cui il ghiaccio artico si sta espandendo è molto probabilmente in parte dovuto al freddo Atlantico, in particolare al Nord Atlantico.

 

 

AMM secondo più basso dal 1948

L’esperto di uragani Philip Klotzbach su Twitter presenta un grafico che mostra l’AMM standardizzata dello scorso luglio: quello mostrato quest’anno è piuttosto sorprendente:

 

Indice AMM Secondo più basso dal 1948. Grafico: Philip Klotzbach.

 

Klotzbach scrive:

Il valore dell’indice Atlantic Meridional Mode (AMM) di luglio era il 2° valore di luglio più basso (dal 1948), secondo solo al 1972. Un AMM negativo tende ad essere associato agli SST tropicali più freddi, alle pressioni più elevate sul livello del mare e meno stagioni attive per gli uragani in Atlantico.”

Registrate temperature tropicali superficiali relativamente basse sull’Atlantico

Inoltre, giorni fa Klotzbach ha presentato anche un altro grafico raffigurante luglio 2018, con le relative temperature superficiali del mare per l’Atlantico tropicale (10° N – 25° N):

 

Grafico di: Philip Klotzbach.

 

Come mostra il grafico, a luglio si è raggiunto un livello record da quando le misurazioni sono iniziate nel 1948. In realtà non c’è mai stata una caduta così drastica in un periodo di 8 anni.

Le temperature fredde serviranno a smorzare significativamente l’attività degli uragani quest’anno, sottolinea Klotzbach.

Michael Mann iperventilato, suggerimenti di esperti

Ultimamente c’è stato anche un po’ di (isterismo, all’inseguimento del clima-catastrofico) parlando delle ondate di calore regionali e del clima “estremo” che hanno colpito parti dell’emisfero settentrionale. Ovviamente hanno ignorato gli enormi e freddi sviluppi nelle vaste zone guardando esclusivamente dove loro piaceva concentrarsi.

L’attivista di PBS/scienziato allarmista Michael Mann lo attribuisce al cambiamento climatico causato dall’uomo. Tuttavia, il meteorologo esperto Dr. Ryan Maue differisce, twittando qui come il fattore alla base di tutto non si è mai comportato in modo inusuale:

Interessante, lo scienziato del clima Michael Mann attribuisce l’ultimo mese di condizioni meteorologiche estreme a una corrente a getto “lenta”, “più selvaggia” e “ondulata”. Ma questo è tipico di “estate” nell’emisfero settentrionale, indipendentemente dal cambiamento climatico.

Maue spiega:

Tipicamente questa teoria della corrente a getto è correlata ai cambiamenti dell’Artico, ad esempio l’esaurimento dei ghiacci marini. Risposte miste da studi empirici e di modellizzazione. Questo legame causale diretto dai cambiamenti climatici al comportamento reale della corrente a getto in un dato mese sembra al di là delle nostre capacità di attribuzione”.

E:

Tuttavia, questo modo di pensare è coerente con l’ipotesi nulla che gli impatti dei cambiamenti climatici [intacca, causa, intensificazione] tutti gli eventi meteorologici estremi [sempre]. Questi “rallentamenti” dei jet stream o gli eventi di blocco sono in realtà caratteristiche del sistema climatico poco conosciuti.”

 

Fonte: No Tricks Zone

Enzo
Attività Solare

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(17 voti, media: 4,82 su 5)
Loading...