image_pdfimage_print

Di Charles Rotter – 29 Maggio 2021

From Polar Bear Science

Quest’anno, verso la fine di maggio, la distribuzione del ghiaccio marino più spesso (3,5-5 m/11,5-16,4 piedi – o più) è un po’ sorprendente, dato che il WMO ha suggerito che potremmo essere a soli cinque anni da un “punto di svolta pericoloso“. ”per le temperature globali. C’è la solita e prevista fascia di ghiaccio spesso nell’Oceano Artico attraverso la Groenlandia settentrionale e le isole più settentrionali del Canada, ma ci sono anche alcune macchie nei mari periferici (specialmente a nord delle Svalbard, Groenlandia sudorientale, bacino di Foxe, stretto di Hudson, mare di Chukchi, Mare di Laptev). Questo è un sacco di ghiaccio marino per la caccia all’orso polare in questo periodo dell’anno (la stagione degli amori è praticamente finita) e quel ghiaccio spesso fornirà l’habitat estivo per gli orsi che scelgono di rimanere sul ghiaccio durante la stagione del ghiaccio basso: nemmeno vicino a una emergenza per gli orsi polari.

Pubblicità

Spessore del ghiaccio nell’ultimo decennio al 25 maggio (anni selezionati fino al 2011, i primi disponibili)

Dal portale polare  dell’Istituto meteorologico danese

A nord delle Svalbard nel Mare di Barents e sulla costa sud-orientale della Groenlandia

C’è più ghiaccio a nord delle Svalbard di quanto ce ne fosse l’anno scorso, quando il ghiaccio spesso ha causato qualche problema alla nave da ricerca artica Polarstern. E lo spesso ghiaccio al largo della Groenlandia quest’anno non sorprende, visti gli attuali accumuli record di neve e ghiaccio in quell’area della Groenlandia (vedi grafico sotto, da DMI). Deve essere davvero molto freddo.

Quest’anno è prevedibile ghiaccio spesso nel bacino di Foxe (a ovest dell’isola di Baffin), ma nello stretto di Hudson a nord del Quebec, non così tanto (vedi sotto, un primo piano della carta del 26 maggio 2021):

Il ghiaccio spesso lungo le coste dei mari Chukchi e Laptev in Russia sembra essere ragionevolmente comune, vedere il primo piano della carta 2021 di seguito:

A proposito di quel punto di svolta “pericoloso”? Secondo questo rapporto della BBC (27 maggio 2021), il modello dell’OMM ha concluso che esiste una probabilità del 40% che la temperatura globale in un anno entro il 2026 sia di 1,5 ° C più alta dei livelli preindustriali (attualmente siamo a circa 1,2 ° C). al di sopra di tale soglia). Tuttavia, le avvertenze sono piuttosto enormi:

I ricercatori sottolineano che anche se uno dei prossimi cinque anni sarà di 1,5°C sopra il livello preindustriale, sarà una situazione temporanea.

La variabilità naturale significherà che i prossimi anni potrebbero essere leggermente più freddi e potrebbero passare un altro decennio o due o più prima che il limite di 1,5°C venga superato definitivamente.

L’accordo di Parigi ha stabilito l’obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura media globale a non più di 2°C e di cercare di non superare 1,5°C – e questo si intende per un lungo periodo piuttosto che per un solo anno.

Secondo il Dr. Joeri Rogelj, direttore della ricerca presso il Grantham Institute, Imperial College London, “l’1,5 ° C nell’annuncio del Met Office non deve essere confuso con il limite di 1,5 ° C dell’accordo di Parigi”.

“Gli obiettivi di Parigi si riferiscono al riscaldamento globale, ovvero all’aumento della temperatura del nostro pianeta una volta appianate le variazioni di anno in anno”, ha spiegato.

“Un solo anno che raggiunge 1,5°C quindi non significa che i limiti di Parigi siano stati violati….

Fonte: WUWT

Pubblicità