image_pdfimage_print

Di Allan MR MacRae, BASc., M.Eng., – 1 Settembre 2019

IL RISCALDAMENTO GLOBALE CATASTROFICO È UNA FALSA CRISI – LA PROSSIMA GRANDE ESTINZIONE SARÀ IL RAFFREDDAMENTO GLOBALE

Dimentica tutte quelle falsità sullo spaventoso riscaldamento globale, falsità come gli inganni inventati dai lupi per ingannare le pecore. Il prossimo grande evento di estinzione non sarà il riscaldamento globale. I futuri eventi di estinzione sono prevalentemente freddi: un periodo glaciale, un attacco di asteroidi di medie dimensioni o un super vulcano. L’umanità è sopravvissuta a malapena all’ultimo periodo glaciale che si è concluso solo 11.500 anni fa, un battito di ciglia nel tempo geologico.

Pubblicità

Quindi, il freddo, non il caldo, è di gran lunga il più grande assassino dell’umanità. Oggi, il clima freddo uccide circa 20 volte più persone rispetto al clima caldo. I decessi invernali in eccesso, definiti come più decessi nei quattro mesi invernali rispetto agli equivalenti mesi non invernali, ammontano a oltre due milioni di decessi all’anno, sia in climi freddi che caldi. Una Terra più fredda non è certo ottimale per l’umanità e il riscaldamento globale moderato attualmente visto aumenta la durata della vita.

“Il freddo uccide 20 volte più persone del caldo”

Di Joseph D’Aleo e Allan MacRae, 4 settembre 2015

https://friendsofsciencecalgary.files.wordpress.com/2015/09/cold-weather-kills-macrae-daleo-4sept2015-final.pdf

Tuttavia, i decessi invernali in eccesso non sono le peggiori minacce per l’umanità. Il ciclo glaciale ha una media di circa 100.000 anni, circa 90.000 anni nel periodo glaciale, quando i ghiacciai continentali spessi un miglio coprivano gran parte degli emisferi nord e sud tra cui Canada, Russia, Europa settentrionale e Stati Uniti del nord e circa 10.000 anni di interglaciale, il caldo periodo del presente. La Terra è ora arrivata a 11.500 anni nell’attuale interglaciale caldo, e il nostro pianeta potrebbe rientrare nel periodo glaciale in qualsiasi momento.

“Cicli glaciali-interglaciali”

https://www.ncdc.noaa.gov/abrupt-climate-change/Glacial-Interglacial%20Cycles

https://www.ncdc.noaa.gov/sites/default/files/styles/716px_width/public/glacial-interglacial.jpg?itok=19bwFcU9

Il rientro nel periodo glaciale sarà un grande evento di estinzione per l’umanità, forse la fine della civiltà moderna. Non solo vuole che la nostra superficie terrestre sia devastata dai ghiacciai, ma le concentrazioni di CO 2 scenderanno così in basso che la fotosintesi delle colture C3, la fonte di quasi tutti i nostri alimenti, potrà essere a malapena sostenibile.

GLI ALLARMISTI GLOBALI SUL RISCALDAMENTO NON HANNO CREDIBILITÀ – NESSUNO DOVREBBE CREDERE ALLE LORO FALSE CREDENZE

Uno dei precedenti predittivi è probabilmente la migliore misura di competenza scientifica. L’IPCC e i suoi accoliti hanno costantemente torto nelle loro previsioni sul catastrofico riscaldamento globale. I loro modelli di computer climatici sono risultati troppo caldi e il riscaldamento globale è stato moderato e benefico. Gli allarmisti del riscaldamento globale hanno dimostrato una credibilità scientifica negativa – nessuno dovrebbe credere alle loro selvagge esagerazioni.

In effetti, aumentando la CO 2 si ottengono rese delle colture significativamente migliori grazie alla fotosintesi migliorata e possono causare un minore e benefico riscaldamento globale.

Nel 2002 abbiamo pubblicato con fiducia le seguenti dichiarazioni, che sono ancora dimostrabilmente corrette:

“La scienza del clima non supporta la teoria del catastrofico riscaldamento globale creato dall’uomo – la presunta crisi del riscaldamento non esiste.”

“L’agenda finale dei sostenitori di Kyoto è l’eliminazione dei combustibili fossili, ma ciò comporterebbe una catastrofica carenza dell’approvvigionamento energetico globale – le soluzioni energetiche dispendiose e inefficienti proposte dai sostenitori di Kyoto semplicemente non possono sostituire i combustibili fossili”.

“Dibattito sull’accordo di Kyoto”

Pubblicato da APEGA su PEGG e Globe and Mail, La Presse e riviste professionali.

Di Sallie Baliunas, Tim Patterson e Allan MacRae, novembre 2002

http://www.friendsofscience.org/assets/documents/KyotoAPEGA2002REV1.pdf

L’aumento della CO 2 atmosferica, trainato dalla combustione di combustibili fossili e/o altre cause, vuole avere un impatto limitato sull’insorgenza della futura glaciazione. Il clima non è altamente sensibile all’aumento di CO 2. Paradossalmente, le concentrazioni di CO 2 non sono allarmanti; infatti, le concentrazioni atmosferiche di CO 2 sono al contrario, troppo basse per la sopravvivenza a lungo termine della vita terrestre. La fotosintesi delle colture alimentari C3 cessa a 150 ppm – fame di CO 2.

“CO 2, riscaldamento globale, clima ed energia”

Di Allan MR MacRae, BASc., M.Eng., 15 giugno 2019

https://wattsupwiththat.com/2019/06/15/co2-global-warming-climate-and-energy-2/

“(Pianta) Cibo per il pensiero”

Di Allan MacRae, 18 dicembre 2014 e 31 gennaio 2009

http://icecap.us/index.php/go/new-and-cool/plant_food_for_thought2/

https://wattsupwiththat.com/2009/01/30/co2-temperatures-and-ice-ages/#comment-70691

Nel breve termine, esiste una probabilità significativa di moderato raffreddamento globale. Un simile raffreddamento globale avvenne tra il 1940 e il 1977, anche se il consumo di combustibili fossili accelerò rapidamente all’inizio della seconda guerra mondiale. Il riscaldamento globale non si è verificato con l’aumento della CO 2. In effetti, la Terra si è notevolmente raffreddata per oltre 30 anni.

Anche un moderato raffreddamento globale è dannoso per l’umanità e l’ambiente. Abbiamo previsto il ritorno del moderato raffreddamento globale in un articolo pubblicato il 1 ° settembre 2002 sul Calgary Herald, come segue:

CO 2, dovremmo iniziare il prossimo periodo di raffreddamento entro il 2020-2030.”

La nostra previsione sul raffreddamento globale del 2002 è ancora probabile. L’umanità ha sofferto durante i periodi freddi passati che coincidevano con i minimi solari, come i minimi di Maunder e Dalton circa nel 1700 e nel 1800.

L’anno scorso si è verificata una primavera molto tardiva e fredda e le colture sono state piantate con un mese di ritardo nel Midwest americano, ma le calde condizioni climatiche estive hanno prodotto un buon raccolto di cereali. Quest’anno, secondo il clima freddo umido nel Midwest, circa il 30% del raccolto di mais degli Stati Uniti è stato piantato: il terreno era troppo zuppo d’acqua per le attrezzature agricole. Sono stati gli ultimi due anni di impianto tardivo nella fascia di grano nordamericana? Speriamo di no.

Nel 2013 avevo previsto che i decessi invernali sarebbero aumentati nel Regno Unito, dove i costi energetici sono molto più alti che nel Nord America. Purtroppo, questo si è rivelato corretto. Le morti invernali in eccesso in Inghilterra e Galles nell’inverno 2017-2018 sono state oltre 50.000 anime, le più alte dal 1976, rispetto a una media di circa 100.000 negli Stati Uniti. La popolazione dell’Inghilterra e del Galles è circa un sesto di quella degli Stati Uniti, quindi il Regno Unito ha avuto un tasso di mortalità invernale in eccesso di tre volte superiore alla media degli Stati Uniti – una terribile, prevenibile tragedia.

https://wattsupwiththat.com/2013/10/31/blind-faith-in-climate-models/#comment-1130954

https://www.theguardian.com/society/2018/nov/30/excess-winter-deaths-in-england-and-wales-highest-since-1976

Il Sole guida il cambiamento, credo sarebbe sciocco che i politici abbiano scatenato la tempesta perfetta. Hanno adottato politiche disfunzionali su clima ed energia per “combattere il riscaldamento globale” e hanno paralizzato i sistemi energetici con schemi intermittenti e costosi di “energia verde” che destabilizzano la rete elettrica in un momento in cui il riscaldamento globale catastrofico non si sta registrando e un moderato raffreddamento globale potrebbe essere imminente.

L’ENERGIA VERDE NON È VERDE; È DISTRUTTIVO E PRODUCE PICCOLA ENERGIA UTILE (DISPATCHABLE)

Dall’1% nel 2008 a solo il 4% dell’energia primaria globale nel 2018. I combustibili fossili forniscono completamente l’85% dell’energia primaria globale, sostanzialmente invariata da decenni e che probabilmente non cambierà nei decenni a venire. Il restante 11% è idroelettrico e nucleare.

“Revisione statistica dell’energia mondiale” https://www.bp.com/en/global/corporate/energy-economics/statistical-review-of-world-energy.html

Elimina domani i combustibili fossili, come insistono gli attivisti del verde radicale, e quasi tutti nel mondo sviluppato saranno morti entro pochi mesi a causa della fame e dell’esposizione.

Gli schemi di “energia verde” non sono verdi e producono energia, perché richiedono quasi il 100% del backup convenzionale da combustibili fossili, nucleari o idroelettrici quando il vento non soffia e il sole non splende.  L’energia intermittente da energia eolica e/o solare non può fornire alla rete elettrica energia affidabile e ininterrotta. Non esiste un mezzo diffuso ed economico per risolvere il fatale difetto dell’intermittenza nella generazione di energia eolica e solare su scala di rete.

“Wind Report 2005” – nota le figure 6 e 7 sull’intermittenza. 
http://www.wind-watch.org/documents/wp-content/uploads/eonwindreport2005.pdf

Le reti elettriche vitali sono state destabilizzate, i costi dell’elettricità sono aumentati e le morti invernali in eccesso sono aumentate a causa di schemi di energia verde collegati alla rete.

CONCLUSIONE

Questo documento discute le minacce reali, in particolare il raffreddamento globale, compresi i cambiamenti climatici, compresi i cambiamenti climatici futuri dell’umanità e dell’ambiente.

Fonte: WUWT

Pubblicità