image_pdfimage_print

Di CHRIS MORRISON – 23 Agosto 2022

Il Professor Knut Loschke ha studiato cristallografia, chimica, fisica, matematica e informatica. Nel corso di una lunga carriera ha fondato una società di informatica ed è professore onorario all’Università di Tecnologia, Economia e Cultura di Lipsia. Nell’ambito del suo lavoro all’Università, si occupa di industria energetica e cambiamenti climatici. Ha servito il Bundestag tedesco come esperto di “Intelligenza artificiale”. Ma il Professor Loschke è infastidito, molto infastidito, come ha dimostrato in questo recente post su Facebook.

Sono nauseato.

O, per dirla ancora più chiaramente: sono stufo di divagazioni climatiche permanenti e sempre più religiose, fantasie sulla transizione energetica, adorazione delle auto elettriche, storie dell’orrore e scenari apocalittici a conflagrazioni e disastri meteorologici. Non sopporto le persone che gridano nei microfoni e nelle telecamere, o che lo stampano sui giornali ogni giorno. Soffro di dover vedere come la scienza si trasformi in una puttana della politica.

Sembra che scienziati come il Professor Loschke stiano reagendo, stanchi di essere maltrattati e spesso ignorati per lavori scientifici che non si conformano a una narrativa politica alla moda. La scorsa settimana, il Daily Skeptic ha evidenziato la Dichiarazione mondiale sul clima in corso (WCD), ora firmato da oltre 1.100 scienziati e professionisti. Guidato dal premio Nobel per la fisica norvegese Professor Ivar Giaever, il WCD afferma che non c’è emergenza climatica. Si dice che la scienza del clima sia degenerata in una discussione basata su credenze, non su una solida scienza. La nostra storia sul WCD ha suscitato un enorme interesse sui social media ed è uno degli articoli più letti che abbiamo mai pubblicato. Sono stati compiuti sforzi enormi per distruggere la Dichiarazione e molte delle persone che hanno firmato hanno subito abusi personali.

Pubblicità

Il WCD è firmato da non meno di 235 professori provenienti da un’ampia varietà di discipline scientifiche e accademiche. Tredici dei 28 principali sostenitori del WCD sono professori, allo stesso modo sette dei 10 firmatari greci e 11 dei 24 norvegesi. Lo scienziato e scrittore del clima Willie Soon ha recentemente elencato un certo numero di discipline accademiche utili per studiare il cambiamento climatico. Queste includono: astronomia, fisica solare, geologia, geochimica, paleoclimatologia, glaciologia, oceanografia, ecologia e storia. Non è un elenco completo, ha aggiunto. L’ampia esperienza di scienziati e non scienziati che si trova nell’elenco WCD comprende la maggior parte, se non tutte, queste aree di studio. Persone con migliaia di anni di esperienza pratica cumulativa chiedono che lo studio della scienza del clima sia meno politico e che le politiche climatiche dei governi siano più scientifiche.

Un altro scienziato tedesco, l’illustre specialista in fisica sperimentale, il Professor Hermann Harde, ha recentemente respinto l’idea che gli esseri umani controllino il clima attraverso le emissioni di anidride carbonica definendola un'”illusione assoluta”. Ha avvertito i politici che sarebbe una politica energetica irresponsabile continuare a ignorare pubblicazioni scientifiche peer-reviewed più serie che mostrano un impatto umano sul clima molto minore di quanto si pensasse in precedenza.

Di recente abbiamo riportato i commenti di Harde e fatto riferimento al fatto che per anni i politici tedeschi sono stati in grado di fare virtuosi fragori verdi vietando la produzione di combustibili fossili e nucleari, mentre si affidavano a una Russia instabile per compensare la carenza di energia. È probabile che la pura stupidità di tale politica diventi evidente in Germania questo inverno. I problemi stanno già crescendo, come riporta il quotidiano tedesco Handlesblatt che il prezzo in megawatt dell’elettricità è balzato la scorsa settimana a un nuovo massimo negli scambi giornalieri. Un megawattora costava 563 euro, rispetto ai soli 23 euro di un anno fa. Naturalmente, le politiche rovinose dietro Net Zero sono responsabili di questo. Nel Regno Unito, l’impennata dei prezzi internazionali del gas e la crescente dipendenza da fonti rinnovabili inaffidabili significano che il tetto massimo del prezzo dell’energia al consumo potrebbe essere aumentato a £ 6.000, un importo che è quasi certamente al di là delle possibilità di una parte significativa della popolazione. In queste condizioni, un freddo inverno potrebbe uccidere migliaia di persone.

Prima di morire, l’acclamato fisico Professor Freeman Dyson – un firmatario della CWD – ha osservato che “le persone che dovrebbero essere gli esperti e affermare di comprendere la scienza, sono proprio le persone che sono cieche all’evidenza”. Il Professor Richard Lindzen, uno dei principali firmatari del WCD, è evidentemente d’accordo, avendo affermato che l’attuale narrativa sul clima è “assurda”, anche se trilioni di dollari attualmente affermano che non lo è. Resta da vedere cosa finirà per primo: i soldi, o la tolleranza dei cittadini a diventare poveri sotto i regimi Net Zero di comando e controllo e di estrema sinistra.

Per anni, attivisti e giornalisti verdi sono stati in grado di nascondersi dietro le ovvie notizie infondate che la scienza che circonda il coinvolgimento umano nel cambiamento climatico è “risolta” e che il 99% degli scienziati è d’accordo con tale affermazione. L’arroganza dietro questa posizione politica è in mostra con un tweet dello scrittore del Guardian George – “Non menzionare il corallo!” – Monbiot, che ha fatto un riferimento obliquo al recente articolo della WCD.

Come abbiamo riportato in precedenza, 48 professori di scienze italiani hanno scritto di recente al loro governo, affermando che la responsabilità umana per il cambiamento climatico è “ingiustificatamente esagerata e le previsioni catastrofiche non sono realistiche”. Attivisti come Monbiot diffamano regolarmente i “negazionisti” per i loro presunti legami con i finanziamenti delle compagnie petrolifere (sebbene abbia recentemente respinto l’accusa che il Guardian il generoso finanziamento della Bill and Melinda Gates Foundation influenza minimamente la sua copertura). Un’ira particolare è spesso riservata ai geologi, poiché sono molto richiesti da parte di aziende che cercano di estrarre ricchezze minerarie dalla Terra. La geologia fornisce anche una visione importante della documentazione paleoclimatica. I geologi sono spesso scettici riguardo alle affermazioni secondo cui gli esseri umani stanno causando improvvisi cambiamenti climatici. Si potrebbe dire che hanno già visto tutto prima. L’unico scienziato che è andato sulla luna su Apollo è stato un geologo di nome Harrison Schmitt, e la sua posizione è che “non ci sono prove” che gli esseri umani causino il cambiamento climatico.

Il numero crescente di scienziati pronti a rompere i ranghi con la scienza politicizzata “stabilita” del cambiamento climatico suggerirebbe varie cause del loro scetticismo diverse dall’esercizio delle compagnie petrolifere.

Chris Morrison è il redattore dell’ambiente del Daily Sceptic.

Fonte : The Daily Sceptic

Pubblicità