12 giugno 2018 - 20:30 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Anthony Watts – 5 maggio 2018

Scritto dall’ospite: Dr. Tim Ball

È probabile che ogni anno la variazione annuale della quantità di vapore acqueo nell’atmosfera superi gli effetti del riscaldamento a causa della CO2 antropica. Non posso dimostrarlo, ma nessuno può smentirlo con una ragionevole misura di prova perché non ci sono dati sufficienti o comprensione dei processi naturali. Tuttavia, è probabile che sia vero, e da solo distrugge la favola del riscaldamento globale provocato dall’uomo (AGW). Questo è uno dei motivi per cui l’AGW è la più grande, la più pervasiva e la più lunga storia di “finte notizie” fino ad oggi. È anche una storia di “stato profondo” creata e perpetuata da e attraverso le burocrazie.

Parte del motivo per cui persiste l’inganno è il fallimento degli scettici nel spiegare i problemi scientifici con l’affermazione AGW in un modo che le persone possano comprendere. Come ho scritto, la maggior parte delle persone, cioè l’85% che non ha competenze scientifiche, trova le argomentazioni scientifiche della maggior parte degli scettici troppo arcane.

Tuttavia, vi sono problemi su entrambi i lati del dibattito che precludono, o almeno limitano seriamente, la possibilità di una chiara comprensione e spiegazione. È la mancanza di dati. C’è così tanta speculazione senza alcun dato di fatto che è tempo di considerare le lezioni del problem solving identificate da Sir Arthur Conan Doyle attraverso il suo detective Sherlock Holmes.

“È un errore capitale teorizzare prima di avere dati. Insensibilmente si inizia a distorcere i fatti per adattarli alle teorie, invece che alle teorie per adattarsi ai fatti.”

È importante utilizzare una fonte fittizia per questo promemoria perché, nel mondo reale, fatti e dati non sono più un prerequisito. Non esistono praticamente dati meteorologici o climatici reali, tuttavia le persone su entrambi i lati del dibattito costruiscono modelli informatici e speculano all’infinito. Finiscono per fare esattamente quello che Holmes ha predetto. Fa paura il numero di persone che sono così certe dell’ipotesi AGW, ma non conoscono praticamente nulla.

Un’altra storia di Holmes identifica altri due problemi creati dalla mancanza di dati e speculazioni. Il primo sta ignorando le variabili.

Gregory (detective Scotland Yard): “C’è qualche altro punto in cui vorresti attirare la mia attenzione?”

Sherlock Holmes: “Al curioso incidente del cane nella notte.”

Gregory: “Il cane non ha fatto nulla durante la notte.”

Holmes: “Questo è stato il curioso incidente”.

Perché l’IPCC e i fautori dell’AGW ignorano e addirittura omettono deliberatamente le variabili principali nella complessità che è il clima? Come sono autorizzati a rivendicare la validità delle loro previsioni quando praticamente tutto è omesso?

Il secondo implica essere così avvolti nella complessità da ignorare l’ovvio. Questa storia non è nata con Conan Doyle ma usa l’approccio Sherlock di mantenere la calma e non perdere la prospettiva.

Sherlock Holmes e il Dr. Watson vanno in campeggio. Dopo una buona cena e una bottiglia di vino, si ritirano per la notte e si
addormentano. Alcune ore dopo, Holmes si sveglia e spinge il suo fedele amico. “Watson, guarda il cielo e dimmi cosa vedi.”

“Vedo milioni e milioni di stelle, Holmes” risponde Watson.

“E cosa deduci da ciò?”

Watson riflette per un minuto. “Beh, astronomicamente, mi dice che ci sono milioni di galassie e potenzialmente miliardi di pianeti.
Astrologicamente, osservo che Saturno è in Leone. Dal punto di vista orologico, deduco che il tempo è a circa le tre e un quarto.
Meteorologicamente, sospetto che avremo una bella giornata domani. Teologicamente, posso vedere che Dio è tutto potente e che siamo
una piccola e insignificante parte dell’universo.”

Cosa ti dice, Holmes?

Holmes è silenzioso per un momento. “Watson, sei un idiota!” Dice. “Qualcuno ha rubato la nostra tenda!”

C’è una moltitudine di variabili ignorate. Quasi tutte sono misurate o non misurate minimamente. Vi sono tanti dati sintetici creati da modelli che vengono poi utilizzati come dati reali in un altro modello. I risultati dei modelli mostrano l’inbreeding. Quando si considera anche la rivendicazione più estrema per l’effetto da riscaldamento globale a causa della CO2 umana, è nell’errore della stima di quasi ogni singola variabile. Il livello di Albedo varia di anno in anno e crea una variazione energetica che probabilmente supera l’impatto stimato della CO2 umana. Vai a dare un’occhiata al lavoro di Kukla e Kukla per far conoscere al più presto questo problema. Il lavoro è continuato sulla variabilità naturale dell’albedo a causa del manto nevoso. Questo lo abbiamo imparato recentemente,

A causa della sua grande variabilità stagionale e delle sue peculiari proprietà fisiche, la neve gioca un ruolo importante nel sistema climatico attraverso forti feedback positivi legati all’albedo [ad esempio, Groisman et al., 1994a] e altri feedback più deboli relativi alla conservazione dell’umidità, al calore latente e all’isolamento della superficie sottostante [Stieglitz et al., 2003].

Il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) fornisce questa valutazione della situazione nella relazione di valutazione 5 (p.359).

“Oltre alle riduzioni dell’estensione del manto nevoso, che ridurranno la riflettività media di determinate regioni, anche la riflettività (albedo) della neve stessa potrebbe cambiare in risposta alle attività umane.

Come lo sanno? È pura speculazione. Quindi inviano un messaggio molto confuso.

“Tuttavia, indagini spaziali esaustive sulle impurità nella neve artica alla fine degli anni 2000 e metà degli anni ’80 hanno suggerito che le impurità diminuivano tra questi due periodi (Doherty et al., 2010) e quindi i cambiamenti di albedo probabilmente non hanno dato un contributo significativo alle recenti riduzioni di ghiaccio e neve nell’Artico.

Il saldo della voce discute le condizioni generali sotto il titolo “Interazioni di neve all’interno della criosfera”. Nel capitolo sui modelli climatici, dicono,

“Esiste una forte correlazione lineare tra l’estensione del manto nevoso della molla nord-emisferica e la temperatura media dell’aria superficiale annuale nei modelli, coerentemente con le osservazioni disponibili. La recente tendenza negativa nella copertura nevosa primaverile è sottostimata dai modelli CMIP5 (e CMIP3) (Derksen e Brown, 2012), che è associato a una sottostima del riscaldamento della superficie terrestre boreale (Brutel-Vuilmet et al., 2013).

Non sanno e quello che usano sottovaluta la realtà, che anche loro non conoscono. Nonostante ciò, nella relazione di sintesi AR5, affermano,

“C’è molta fiducia che l’estensione dell’innevamento dell’emisfero settentrionale sia diminuita dalla metà del XX secolo per 1,6 [da 0,8 a 2,4]% per decennio per marzo e aprile e l’11,7% per decennio per giugno, nel periodo 1967-2012.

Non riescono a dirci quanto di questa diminuzione sia dovuta al riscaldamento causato dall’uomo. Non possono farlo perché non sanno quale sia la variabilità naturale in qualsiasi momento prima dei dati satellitari, ma anche in seguito perché, come riconoscono, i dati completi e accurati non sono disponibili. Ricorda, questa è solo una variabile in una miriade di variabili.

Mi concentrerò sul vapore acqueo perché è il meno misurato, meno compreso, eppure critico per l’intera base del riscaldamento dovuto l’interferenza umana nella teoria dei gas serra. L’IPCC è stato in grado di ignorare essenzialmente una causa di riscaldamento dalla definizione di cambiamento climatico che include solo cause umane. Ironicamente, come spiegherò, lo usano e lo manipolano per rafforzare il loro inganno.

L’obiettivo politico ossessivo era di isolare e demonizzare la CO2 da fonti umane come causa del riscaldamento globale. Ciò è stato ottenuto principalmente dirigendo il gruppo controllato di persone non responsabili, per lo più burocrati, per considerare solo le cause umane dei cambiamenti climatici. Ciò elimina il Sole perché, come ha mostrato King Canute, ci sono cose che nessun leader (persona) può controllare.

Nonostante ciò, l’IPCC includeva una categoria “sole” nella loro lista di variabili “forzanti”. Perché? Gli umani non possono e non possono variare l’insolazione solare. Il massimo che possono sostenere è che gli umani aggiungono particolato all’atmosfera e filtrano l’insolazione. Il problema è che non abbiamo idea di quanto particolato sia nell’atmosfera o di come varia nel tempo o nello spazio. Abbiamo visto un esempio di ciò quando i sostenitori dell’AGW affermarono che il raffreddamento dal 1940 al 1980 era dovuto all’aumento dei livelli di solfato dagli esseri umani. Come facevano a saperlo? Hanno semplicemente aggiunto abbastanza ai modelli per approssimare il raffreddamento. Il problema è stato dopo il 1980 ha cominciato a scaldare nonostante nessun cambiamento nei livelli di solfato.

Le decisioni sono state più difficili per quanto riguarda i gas a effetto serra (GHG) perché gli esseri umani producono tutti in quantità variabili. Peggio ancora, quello che volevano demonizzare era, all’inizio degli anni ’80, meno del 4% del totale. Il vapore acqueo era il 95% del totale e l’uomo l’ha aggiunto all’atmosfera. L’IPCC ha riconosciuto la produzione umana, ma poi ha detto che l’importo era così piccolo rispetto al volume totale che lo escludeva dai loro calcoli. Hanno fatto quello che i primi modelli di computer hanno fatto con l’evaporazione dagli oceani. Non avevano misure, quindi presumevano quello che veniva chiamato un approccio a palude che l’evaporazione era sempre al 100%.

Con la CO2 hanno assunto, erroneamente come successivamente rivelato il satellite OCO2, che è uniformemente distribuito in tutta l’atmosfera. Il vapore acqueo varia più in volume e distribuzione nell’atmosfera rispetto a qualsiasi altro gas. Ecco perché la meteorologia ha sviluppato quattro diverse misure, rapporto di miscelazione, umidità specifica, umidità assoluta e umidità relativa, per cercare di capire il vapore acqueo e il suo ruolo nell’atmosfera. L’ultimo è il più noto, ma il più insignificante dal punto di vista scientifico. La quantità di vapore acqueo nell’aria può variare da quasi zero a circa il 4%. Ciò solleva la domanda, quanta acqua c’è nell’atmosfera e come varia nel tempo?

L’United States Geological Survey (USGS) ha una Water Science School. Dicono

“Una stima del volume di acqua nell’atmosfera in qualsiasi momento è di circa 3.100 miglia cubiche (mi3) o 12.900 km cubi (km3). Può sembrare molto, ma è solo circa lo 0,001 percento del volume totale di acqua della Terra di circa 332,500,000 mi3 (1.385.000.000 km3), come mostrato nella tabella seguente. Se tutta l’acqua nell’atmosfera piovesse immediatamente, coprirebbe solo il globo fino a una profondità di 2,5 centimetri, circa 1 pollice.

Si noti come minimizzano il suo significato atmosferico confrontandolo con il volume totale di acqua sul pianeta. Stanno parlando di acqua nella sua fase liquida, ma è importante quanto un gas e un solido dal punto di vista del tempo. Qual è la percentuale di acqua nell’atmosfera in ciascuna delle tre fasi e come varia nel tempo? La risposta è che nessuno sa o ha nemmeno una stima approssimativa, in quanto il fallimento dei modelli informatici di simulare le nuvole e il loro effetto si rivela. Non solo, ma i cambiamenti di fase possono verificarsi in grandi volumi in pochi secondi.

L’IPCC mette da parte il vapore acqueo come una variabile GHG assumendo che rimanga costante. Dovevano farlo perché non sanno quanto varia nel tempo. Si sono concentrati sulla CO2, ma presto hanno scoperto che c’era un limite superiore all’effetto di riscaldamento con un aumento di CO2. Ho chiamato questo il problema della “vernice nera”. Se vuoi bloccare la luce che passa attraverso una finestra, applica uno strato di pittura. Bloccherà la maggior parte della luce. Un secondo strato riduce solo la luce in modo razionale. L’attuale livello di CO2 è simile a quello di una vernice. Raddoppiare il livello ha un effetto frazionario. Una misura di quanto poco si comprende di questo effetto si riflette nelle diverse stime dell’effetto (Figura 1). Il problema continua come evidenziato dal continuo declino della sensibilità al clima del CO2.


Figura 1

La risposta a questo problema era di creare un feedback positivso. Ciò ha affermato che un aumento di CO2 provoca un aumento della temperatura, che aumenta l’evaporazione e più vapore acqueo nell’atmosfera. Ciò mantiene la temperatura in aumento oltre la capacità della CO2. Accetto l’argomento che suona teoricamente valido, ma non è supportato da prove empiriche. Ad esempio, non consente un feedback negativo, poiché più nuvole formano il cambiamento dell’albedo. Indipendentemente da ciò, non ci sono dati empirici e gli unici dati che hanno sono generati in un modello di computer. Il risultato è determinato dai dati utilizzati per costruire il modello ma non ci sono dati significativi o addirittura stime valide. La sequenza quindi viene prodotta utilizzando i modelli per i quali non ci sono dati e il risultato viene quindi utilizzato in modelli per i quali non ci sono dati. La quantità di aumento del vapore acqueo diventa improvvisamente importante nella loro favola. Ma quanto maggiore evaporazione era necessaria per creare un feedback positivo. Come possono determinare l’importo se non si conosce il volume originale o come cambia nel tempo? Consentitemi di inserire un numero nella mia richiesta di apertura. È probabile che anche una variazione dell’1% nel vapore acqueo atmosferico
sia uguale o superiore a tutti gli effetti della CO2 proveniente dall’uomo.

Quindi, non solo Sherlock e Watson hanno perso la loro tenda, ma ora sono esposti alle precipitazioni. Sfortunatamente, l’IPCC e i suoi modelli non sapranno quale forma prenderà. Sherlock avrebbe saputo perché. È perché non hanno dati e stanno teorizzando e speculando.

Fonte: WUWT

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(8 voti, media: 4,63 su 5)
Loading...