image_pdfimage_print

Di WILLIAM M BRIGGS – 11 Agosto 2021

Quante volte si può sbagliare su una questione di grande importanza ed essere comunque presi sul serio e non essere licenziati?

Domanda a trabocchetto!

Pubblicità

La risposta è: non si può mai essere licenziati per aver sbagliato nella giusta direzione.

Gli esperti che fanno dichiarazioni su quanto sia terribile il clima si sono sbagliati per decenni, e si sbagliano ancora nel loro nuovo e scintillante rapporto di valutazione climatica IPCC 6 rilasciato lunedì scorso.

Ora, come allora, avvertono che gli “estremi” sono in arrivo. Non sono ancora arrivati, ma stanno arrivando. Stanno sempre arrivando.

La differenza tra AR6, e gli AR 1-5, non è tanto nel tipo di errori fatti, perché questi non sono cambiati affatto, ma nella certezza espressa in essi. È solo una leggera esagerazione dire che qualcuno ha fatto un “Trova e sostituisci” di ogni istanza di “molto probabile” in AR5 e le ha cambiate in “virtualmente certo”.

La retorica è stata amplificata, ma gli errori rimangono. Gli esperti che scrivono questi rapporti non hanno mai perso alcuna autorità per i loro ripetuti errori, né saranno presi meno sul serio per averli fatti di nuovo adesso.

Perché sbagliano sempre nella direzione in cui vogliono i nostri governanti.

Perché non fidarsi degli esperti

Prima di arrivare a ciò che significa, vi darò l’unica prova che dimostra perché gli Esperti del clima si sbagliano.

Non avete bisogno di una formazione formale in termodinamica per seguire questa prova.

Non avrete bisogno di capire la fisica del flusso dei fluidi. Non dovrete preoccuparvi di conoscere la differenza tra la vorticità e l’effetto Coriolis. L’energia potenziale convettiva disponibile può rimanere un mistero. Non dovrete nemmeno conoscere alcuna statistica.

Questo è un bene, perché la stragrande maggioranza di coloro che opinano sul riscaldamento globale non sanno nulla di questi argomenti, anche se vi assicurano che il loro piano per “salvare” il pianeta deve essere attuato.

Baby, fa freddo e caldo fuori

La prova è questa: da quando il raffreddamento globale è stato il consenso negli anni ’70, che poi si è trasformato nel consenso del riscaldamento globale alla fine degli anni ’80, che poi si è trasformato nel consenso del cambiamento climatico ora, tutte le previsioni sono state di sventura. Il futuro è desolante, senza che sia prevista l’attività del sole.

L’idea negli anni ’70 era che l’inquinamento causato dall’uomo che brucia i combustibili fossili avrebbe respinto i raggi del sole, facendoci precipitare in una nuova era glaciale.

L’atmosfera stava per cambiare a causa dell’uomo. E tutto, ogni sistema che l’atmosfera toccava, ne avrebbe sofferto. Tutti gli esperti giuravano che nulla di buono poteva arrivare dal cambiamento.
Negli anni ’80, quando la temperatura cominciò a salire in alcuni luoghi, la teoria cambiò, ma le previsioni di sventura no. Ora, bruciare combustibili fossili stava per intrappolare gli effetti dei raggi del sole, gettandoci nelle fiamme.

Di nuovo, l’atmosfera stava per cambiare a causa dell’uomo. Di nuovo, tutto stava per soffrire a causa di questo. Gli esperti dicevano che ogni animale carino, fotogenico o delizioso sarebbe morto; mentre ogni bestia o pianta che mordeva, pungeva o avvelenava sarebbe fiorita.

Montagne di “ricerche” sono state fatte per “provare” che tutto ciò che amavamo sarebbe stato distrutto, mentre tutto ciò che odiavamo sarebbe aumentato. A causa di un decimo di grado di aumento della temperatura media globale.

La politica prende il sopravvento sulla scienza

Amici miei, questo non può essere. È impossibile che il cambiamento atmosferico possa portare solo danni, e non causare alcun bene. Il fatto che gli esperti insistano che possono accadere solo cose non buone è il motivo per cui potete sapere, senza dubbio, che non ci si può fidare di loro. Gli esperti, come voi, sanno anche che molto di buono può venire da un pianeta più caldo e ricco di diossido di carbonio, ma gli esperti scelgono di negare questi beni a causa della politica.

Nulla è cambiato nella nuova “guida” dell’ONU. Solo che ora urlano di un “allarme rosso” invece di un quasi rosso. O qualsiasi colore abbiano usato l’ultima volta. Ora, come allora, avvertono che gli “estremi” sono in arrivo. Non sono ancora arrivati, ma stanno arrivando. Arrivano sempre.

Oppure sono arrivati, ma bisogna avere il tipo di formazione specializzata di cui sopra per riconoscerli. Io ho quell’addestramento e non lo faccio, perché non sono d’accordo con i metodi usati per “vedere” questi misteriosi estremi.

Ci vorrà un po’ di tempo per esaminare il nuovo rapporto dell’IPCC per intero. Si tratta di poco meno di 4.000 pagine. Ma per il momento, posso lasciarvi con questo. Si tratta di un link a un rapporto scritto da esperti governativi 19 anni fa che affermava con assoluta sicurezza che “entro 20” anni la Gran Bretagna sarebbe stata “siberiana”, che si sarebbero verificate mega-insurrezioni, carestie in tutto il mondo e persino una guerra nucleare.

A causa di un decimo di grado di aumento della temperatura media globale.

William Briggs è il co-autore, con Douglas Axe e Jay W. Richards, di The Price of Panic: How the Tyranny of Experts Turned a Pandemic into a Catastrophe.

Fonte: The STREAM

Pubblicità