image_pdfimage_print

Di Anthony Watts – 27 Settembre 2019

Via Retraction Watch:

Un nuovo importante rapporto sul drammatico riscaldamento degli oceani cita un documento di Nature del 2018 sull’argomento che è stato ritirato all’inizio di questa settimana.

Pubblicità

Ma uno degli autori di quel documento dice a Retraction Watch che il Rapporto speciale del gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC), pubblicato il 25 settembre, deve aver inteso citare un documento diverso degli stessi autori.

La relazione ha concluso che:

È praticamente certo che l’oceano globale si è riscaldato senza sosta dal 1970 e ha assorbito oltre il 90% del calore in eccesso nel sistema climatico (alta fiducia). Dal 1993, il tasso di riscaldamento degli oceani è più che raddoppiato (probabilmente).

Ciò che rende la citazione errata più eclatante è che i ricercatori erano a conoscenza degli errori nell’analisi da oltre 10 mesi. Come noi – e altri – abbiamo riportato, quasi immediatamente dopo la pubblicazione dell’articolo Nic Lewis ha scritto sul blog le sue preoccupazioni sull’analisi, preoccupazioni che alla fine hanno portato alla ritrattazione.

L’articolo completo su Retraction Watch


L’articolo, Resplandy et al. è stato ben coperto in WUWT da quando Nic Lewis ha sottolineato per la prima volta il difetto fatale nel documento “peer review”.

Quest’ultimo errore sembra abbastanza alla pari con l’IPCC e, come abbiamo visto in passato, non solo hanno usato la “letteratura grigia” ma anche brochure di viaggio come riferimenti a valutazioni “scientifiche”.

Quest’ultimo errore sottolinea l’inutilità dell’IPCC per la vera scienza.

Quello che possiamo fare, però, è avvisare con segnalazioni su questi errori. Dal loro sito Web:

In caso di un sospetto errore in un rapporto IPCC, si prega di inviare una mail a ipccerrorprotocol@wmo.int contenente le seguenti informazioni: Nome completo, Telefono, Organizzazione, Paese, Pubblicazione, Capitolo, Pagina, Linea e Commenti. Il protocollo IPCC per l’indirizzamento di possibili errori è qui

Fonte: WUWT

Pubblicità