image_pdfimage_print

DI CHRIS MORRISON – 20 OTTOBRE 2022

Un nuovo rapporto ha spazzato via il processo mediante il quale parte del lavoro scientifico presentato dal Gruppo Intergovernativo di esperti sui Cambiamenti Climatici (IPCC) delle Nazioni Unite è stato distorto per adattarsi a una narrativa politica attraverso il riassunto per i responsabili politici (SPM) di accompagnamento, che è compilato dai governi. Un ulteriore giro viene poi applicato dai comunicati stampa, che vengono riportati per lo più senza dubbio dai media incuriositi. Il rapporto investigativo scritto per la Global Warming Policy Foundation (GWPF) mostra un ampio divario tra la scienza presentata e la percezione del pubblico. La progressione dal rapporto iniziale dell’IPCC al comunicato stampa offre “ampie opportunità” per la distorsione del messaggio, “intenzionalmente o meno”.

Nell’ultimo sommario per i responsabili politici pubblicato l’anno scorso, la “famigerata mazza da hockey” è stata ripresa mostrando uno scarso riscaldamento globale in 2.000 anni e un improvviso e drammatico aumento negli ultimi 150 anni. La mazza da hockey è apparsa per la prima volta nel terzo rapporto di valutazione dell’IPCC nel 2001, ma è stata omessa dal lavoro successivo. È stata la creazione dell’autore dell’IPCC Michael Mann ed è stata ampiamente smentita poiché ignorava le temperature più elevate nel periodo di riscaldamento medievale (MWP) e il successivo raffreddamento nella piccola era glaciale (LIA).

Pubblicità

La figura 1 sopra “illustra molto chiaramente” come la scienza possa perdersi nella traduzione, osserva il rapporto: “La figura 1, o la sua discussione, non compare da nessuna parte nel corpo del rapporto”. Tuttavia, l’SPM è presentato come una guida semplice e più concisa al rapporto IPCC completo di AR6.

Il rapporto GWPF è stato scritto dal fisico Dr. Ralph Alexander. Prende atto della dichiarazione ampiamente riportata fatta dal Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres lo scorso anno a seguito della pubblicazione di un rapporto supplementare del gruppo di lavoro dell’IPCC. Era un “codice rosso” per l’umanità, ha affermato Guterres, aggiungendo: “I campanelli d’allarme sono assordanti e le prove sono inconfutabili”. Alexander osserva che la formulazione potrebbe essere stata scelta per il massimo impatto politico, ma aveva “scarso collegamento” con la scienza riportata nell’ultimo rapporto di valutazione noto come AR6. Come se ciò non fosse già abbastanza grave, “il messaggio scientifico diventa ancora più contorto quando i media e le organizzazioni ambientaliste riprendono i comunicati stampa dell’IPCC”, ha affermato Alexander.

I vari periodi di riscaldamento nel recente passato sono stati a lungo contestati dagli allarmisti climatici, desiderosi di attribuire tutta la colpa dell’aumento della temperatura agli esseri umani che bruciano combustibili fossili. Ma ci sono forti prove del riscaldamento nel periodo medievale, con AR6 che cita un documento riassuntivo del 2016 di due ricercatori climatici danesi, Christiansen e Ljungqvist, che hanno scoperto che nove ricostruzioni della temperatura hanno avuto il loro giorno più caldo nel 20° secolo, rispetto ai 67 del medioevo. Inoltre, gli allarmisti cercano di suggerire che un eventuale riscaldamento si sia verificato solo in piccole aree dell’emisfero settentrionale. Ma Alexander presenta il grafico sottostante che mostra una ricostruzione della temperatura per l’Antartide.

Come si può vedere chiaramente, l’area ha avuto un lungo periodo di riscaldamento seguito da un distinto periodo di raffreddamento. Il riscaldamento attuale è appena registrato.

Un critico della mazza da hockey di Mann è l’analista minerario canadese Steven McIntyre. Si dice che abbia scoperto che, indipendentemente dall’inganno dell’IPCC nel mostrare un grafico nell’SPM che non è supportato dal rapporto di valutazione stesso, molte delle ricostruzioni della temperatura citate in AR6 sono difettose, “perché si basano su dati proxy incompleti”.

Il divario di prove risultante da ciò che il rapporto GWPF chiama “messaggi sussurrati” dal rapporto di valutazione dell’IPCC al Sommario per i responsabili politici è mostrato ulteriormente distorto nei comunicati stampa dell’IPCC. Molti dei cambiamenti osservati nel clima sono affermati nei comunicati stampa come senza precedenti in migliaia se non centinaia di migliaia di anni. Alexander osserva che non c’è giustificazione per chiamare cambiamenti senza precedenti in “centinaia di migliaia di anni” – il comunicato stampa “non ha basi” né nell’AR6 né nell’SPM, scrive.

Un gruppo mediatico che ha raccolto la mazza da hockey è stato Yale Climate Connections, che ha suggerito che per trovare un periodo più caldo del 1850-2020 è necessario tornare indietro di oltre 100.000 anni. Ha descritto il rapporto dell’IPCC come un “nuovo sorprendente sguardo alla temperatura globale osservata”. In soli tre sussurri, ha osservato Alexander, la posizione relativamente neutrale dell’IPCC su MWP e LIA, “è scomparsa ed è stata trasformata nella mazza da hockey”.

Alexander esamina anche il trattamento delle “ondate di calore marine”, con l’ultima SPM che dichiara con “alta sicurezza” che sono circa raddoppiate dagli anni ’80. Osserva che questa forte affermazione non è giustificata dalla discussione nel rapporto sottostante, “che non presenta alcuna prova empirica convincente per tale affermazione”. In effetti, osserva che l’IPCC cita un documento che rivela che la frequenza delle ondate di caldo marine è aumentata solo del 34% dal 1925 al 2016, non del 100% che sarebbe “raddoppiato”.

All’inizio di quest’anno, due scienziati atmosferici americani, il Professore Richard Lindzen del MIT e il Professore William Happer di Princeton, hanno dichiarato a un’indagine del governo degli Stati Uniti che la scienza del clima “è inondata di dati manipolati, che non forniscono prove scientifiche affidabili”. Sono stati particolarmente feroci nei confronti dei riassunti dell’IPCC per i responsabili politici, scritti principalmente da rappresentanti del governo e spesso compilati prima del completamento del rapporto di valutazione completo. A loro avviso, le sintesi sono “semplici opinioni del governo”.

Presumibilmente pensano ancora meno ai comunicati stampa che vengono forniti a giornalisti indiscussi e pubblicati come tavole di pietra per promuovere il progresso dell’agenda politica di comando e controllo di Net Zero. Di conseguenza, conclude il Dr. Alexander, la posizione “abbastanza imparziale” dell’IPCC sulle tendenze al riscaldamento passate e le ondate di caldo marine “diventa deformata” al punto che i governi guidati dall’agenda, tramite il Riassunto per i responsabili politici, possono dichiarare che il riscaldamento moderno è senza precedenti.

Chris Morrison è il redattore dell’ambiente del Daily Skeptic.

Pubblicità