image_pdfimage_print

Di Ron Clutz – 5 aprile 2019


Array RAPID misura gli SST del Nord Atlantico.

Negli ultimi anni, gli osservatori hanno speculato su quando il Nord Atlantico inizierà il prossimo sfasamento dalla fase calda a quella fredda. Visto il modo in cui è andato il 2018, questo potrebbe essere l’esordio. Prima però un po’ di storia.


Fonte: Energy and Education Canada

Un esempio è questo rapporto di maggio 2015 intitolato: L’Atlantico sta entrando in una fase interessante che cambierà le condizioni meteorologiche del mondo di Gerald McCarthy e Evan Haigh del progetto di monitoraggio RAPID Atlantic. Estratti in corsivo con i miei in grassetto.

Pubblicità

Questo è noto come oscillazione multidecadale atlantica (AMO) e la transizione tra le fasi positive e negative può essere molto rapida. Ad esempio, le temperature atlantiche sono diminuite di 0,1 º C per decenni, dagli anni ’40 agli anni ’70. In confronto, il riscaldamento globale della superficie è stimato in 0,5 ° C per secolo, con una frequenza doppia rispetto a quella normale.

In molte zone del mondo, l’AMO è stato collegato a tendenze decennali di temperatura e precipitazioni. Certamente – e forse ovviamente – la temperatura media delle isole sottovento dell’Atlantico come la Gran Bretagna e l’Irlanda mostrano quasi esattamente le stesse fluttuazioni di temperatura dell’AMO.

Le oscillazioni atlantiche sono associate alla frequenza degli uragani e della siccità. Quando l’AMO è nella fase calda, ci sono più uragani nell’Atlantico e la siccità nel Midwest degli Stati Uniti tende ad essere più frequente e prolungata. Nel Pacifico nord-occidentale, un’AMO positivo porta a più precipitazioni.

Un’AMO negativo (oceano più freddo) è associato a precipitazioni ridotte nella vulnerabile regione del Sahel in Africa. L’AMO negativo prolungato era associato alla famigerata carestia etiopica a metà degli anni ’80. Nel Regno Unito tende a ridurre le piogge estive – la mitica “estate barbeque”. I nostri risultati mostrano che la circolazione oceanica risponde alla prima modalità di forzante atmosferica atlantica, l’oscillazione del Nord Atlantico, attraverso i cambiamenti di circolazione tra le gole subtropicali e subpolari – regione inter-regionale. Questa è una grande influenza sui modelli del vento e sul calore trasferito tra l’atmosfera e l’oceano.

Le osservazioni che abbiamo sull’Atlantico che sovvertono la circolazione negli ultimi dieci anni mostrano che sta diminuendo. Di conseguenza, ci aspettiamo che l’AMO passi a una fase negativa (acque di superficie più fredde). Questo è coerente con le osservazioni della temperatura nel Nord Atlantico.

Sono state segnalate “chiazze” fredde nel Nord Atlantico, ma di solito sono fenomeni invernali. Ad esempio, nell’aprile del 2016, le anomalie delle SST apparivano così:

Ma a settembre, l’immagine è cambiata così:

E sappiamo dal set di dati di Kaplan AMO, che le SST dell’estate 2016 erano proprio lì con il 1998 e il 2010 come il valore più alto registrato.

amo dicembre 2018

Come suggerisce il grafico sopra, questo specchio d’acqua è importante anche per i cicloni tropicali, poiché l’acqua più calda fornisce più energia. Ma quelle sono medie annuali e sono interessato alle pulsazioni estive di acqua calda nell’Artico. Come ho notato nei miei rapporti HadSST3 mensili, la maggior parte delle estati dal 2003 hanno avuto impulsi caldi nell’Atlantico settentrionale.

L’indice AMO proviene da Kaplan SST v2, il set di dati inalterato. Per definizione, i dati sono SST mensili medi interpolati su una griglia 5 × 5 sul Nord Atlantico, in pratica da 0 a 70N. Il grafico mostra il mese più caldo di agosto che inizia a salire dopo il 1993 fino al 1998, con una serie di anni di abbinamento da allora. Dicembre 2016 segna un record a 20.6 ° C, ma si nota il calo di 20.2 ° C per dicembre 2018, corrispondente al 2011 come gli anni più freddi dal 2000. Perché McCarthy si riferisce a suggerimenti di raffreddamento per entrare nel N. Atlantico, diamo un’occhiata più da vicino in alcuni anni di AMO negli ultimi 2 decenni.

Questo grafico mostra le tempistiche AMO mensili per alcuni anni importanti. Gli anni del picco sono stati il ​​1998, il 2010 e il 2016, con quest’ultimo sottolineato come il più recente. Gli altri anni mostrano un riscaldamento minore, con il 2007 enfatizzato come il migliore degli ultimi 20 anni. Nota la linea rossa 2018 si trova in fondo a tutte queste tracce. La linea nera corta mostra che il 2019 è iniziato leggermente più fresco rispetto a gennaio 2018. L’AMO medio di febbraio ha eguagliato le basse SST dell’anno precedente, 0,14 ° C in meno rispetto al picco dell’anno, febbraio 2017.

Con tutte le chiacchiere sul rallentamento dell’AMOC e uno sfasamento nel Nord Atlantico, sembra che la media annuale per il 2018 confermi che il raffreddamento si è attuato. Da dicembre lo slancio sta certamente andando verso il basso, nonostante la fascia di oceano più calda che ha dato origine a onde di calore europee la scorsa estate.

amo annuale122018
natlssta
cdas-sflux_sst_atl_1

Fonte: Ron Clutz

Pubblicità