image_pdfimage_print

Di Paul Homewood – 11 gennaio 2022

Sotto, l’allarmistico articolo pubblicato dalla BBC nei giorni scorsi per la quale si parla di temperature ormai fuori controllo. Ma se ci seguite ormai da un po’, saprete bene che non è la verità quella proposta in questo articolo che vorrebbero farvi digerire.

Come disse qualcuno: “non c’è limite al peggio”.

Pubblicità
Immagine

Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi mai registrati, secondo i nuovi dati del sistema satellitare dell’UE.

Il Copernicus Climate Change Service ha affermato che il 2021 è stato il quinto anno più caldo, con un caldo record in alcune regioni.

E la quantità di gas riscaldanti nella nostra atmosfera ha continuato ad aumentare.

I governi si sono impegnati a limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C per frenare il cambiamento climatico. Ma gli scienziati avvertono che il tempo sta per scadere.

I costi ambientali, umani ed economici delle temperature più calde si sono già visti a livello globale.

L’Europa ha vissuto la sua estate più calda e i record di temperatura negli Stati Uniti occidentali e in Canada sono stati battuti di diversi gradi. Gli incendi estremi di luglio e agosto hanno raso al suolo quasi intere città e ucciso centinaia di persone.

“Questi eventi sono un chiaro promemoria della necessità di cambiare i nostri modi, compiere passi decisi ed efficaci verso una società sostenibile e lavorare per ridurre le emissioni nette di carbonio”, spiega Carlo Buontempo, direttore del Copernicus Climate Change Service.

I dati di Copernicus provengono da una costellazione di satelliti Sentinel che monitorano la Terra dall’orbita, oltre a misurazioni effettuate a livello del suolo.

Quinto anno più caldo

I dati di Copernicus hanno mostrato che il 2021 è stato il quinto anno più caldo mai registrato, leggermente più caldo del 2015 e del 2018. Nel complesso, gli ultimi sette anni sono stati i sette anni più caldi mai registrati con un netto margine, ha spiegato l’agenzia.

La temperatura media del 2021 era di 1,1-1,2°C al di sopra del livello preindustriale circa 150 anni fa.

linea
Riquadro di analisi di Justin Rowlatt, editore del clima

Sarebbe facile liquidare l’ultimo dato sulla temperatura globale come un non evento. Chi festeggia il quinto posto in qualcosa?

Se fossimo in un film, questi aggiornamenti annuali della temperatura sarebbero il minaccioso ritmo del tamburo che segnala che la trama si sta oscurando.

Misurano il ritmo del cambiamento nel nostro mondo. Gli incrementi possono essere minimi – una frazione di grado – ma la direzione di marcia è inevitabile.

E non commettere errori, il ritmo che scandiscono segna sempre di più il ritmo di tutte le nostre vite. Pensa agli incendi e alle inondazioni che hanno colpito così tante persone nel 2021.

E ora guarda di nuovo a cosa ci dicono i dati: i sette anni più caldi mai registrati sono stati gli ultimi sette anni.

Non possiamo dire di non essere stati avvisati.

https://www.bbc.co.uk/news/science-environment-59915690

linea

Quello che l’immagine di una ragazza che si sta rinfrescando ha a che fare con qualsiasi cosa riguardi il global warming mi costerna. Evidentemente non abbiamo avuto caldo in passato!

Nonostante le visioni dell’apocalisse, Justin Rowlatt si perde la questione cruciale. Il riscaldamento globale sta avvenendo molto più lentamente di quanto previsto dai modelli:

Immagine

Anomalie della temperatura globale del satellite RSS v Modelli climatici

https://www.remss.com/research/climate/#:~:text=The%20RSS%20merged%20lower%20stratospheric%20temperature%20data%20product,in%20well-mixed%20greenhouse%20gases%20causes%20by%20human%20activity.

Sono quei modelli informatici che hanno dettato le politiche climatiche delle Nazioni Unite, basate su proiezioni ridicole di un rapido riscaldamento. In realtà, la quantità di riscaldamento dal 1979 è stata minima.

In effetti, se si considerano i margini di errore, dal 1998 non si è verificato alcun riscaldamento statisticamente significativo.

Potresti anche notare che i dati satellitari iniziano nel 1979, che è proprio il periodo più freddo del 20°C. All’epoca si riconosceva che le temperature globali erano diminuite di 0,5°C dal 1940, il che compensa gran parte dell’aumento dal 1979.

Questo calo delle temperature coincide con la fase fredda dell’oscillazione multidecennale atlantica, che è in fase calda dagli anni ’90 e presto dovrebbe tornare verso una fase fredda.

https://psl.noaa.gov/cgi-bin/gcos_wgsp/tsanalysis.pl?tstype1=91&tstype2=0&year1=&year2=&itypea=0&axistype=0&anom=0&plotstyle=0&climo1=&climo2=&y1=&y2=&y21=&y22=&length=&lag=&iall=0&iseas=0&mon1=0&mon2=11&Submit=Calculate+Results

Tutto indica quindi uno stallo del riscaldamento globale per i prossimi decenni, e molto probabilmente un periodo di raffreddamento.

Niente di tutto ciò giustifica l’isteria promulgata dalla BBC, o le politiche di Net Zero applicate nel mondo occidentale.

Commento finale.

La BBC fa un grosso problema sulla presunta “estate più calda d’Europa”. Supponiamo di avere un termostato per riportare il clima mondiale a quei giorni felici dei 18°C.

Mi chiedo cosa avrebbe fatto Justin Rowlatt dei titoli che dicevano:

“L’Europa ha appena avuto il suo anno più freddo mai registrato”

Fonte: Notalotofpeopleknowthat

Pubblicità