image_pdfimage_print

Di CHRIS MORRISON – 6 Dicembre 2022

La Grande inondazione Climatica ha agganciato un altro grande pesce mediatico. Recentemente il Mirror ha informato i suoi lettori sconcertati, anche se rapidamente scomparsi, che gran parte di Londra potrebbe scomparire entro 80 anni, mentre vaste aree lungo l’Humber e le Midlands potrebbero anche scomparire sotto le onde. Il giornalista del Mirror Sam Elliott-Gibbs nota l’esistenza di “nuove terrificanti mappe” del Regno Unito che prevedono che le città “svaniranno nel mare”. I lettori abituali del Daily Sceptic potrebbero già osservare il lavoro di Climate Central, un’operazione di attivisti miliardari verdi specializzata in catastrofi alluvionali su misura, di solito rivolte ai media locali.

Elliott-Gibbs informa i suoi lettori che la situazione è desolante per molti lungo l’Humber – inclusa Hull – “poiché l’area diventerà completamente allagata, con una grande porzione delle Midlands sommerse”. Il Mirror stampa una mappa “terrificante” che mostra l’acqua che lambisce Peterborough. L’attuale tasso annuale di innalzamento del livello del mare è stimato dal Laboratory for Satellite Altimetry del servizio meteorologico statunitense NOAA a 3,1 mm, con un margine di errore del 13%. Hull si trova a quattro metri sul livello del mare, quindi all’attuale aumento ci vorrebbero 1.290 anni per essere “totalmente allagato”. A otto metri sul livello del mare, l’attuale innalzamento lascerebbe Peterborough libera dall’acqua per quasi tre millenni.

Pubblicità

Queste previsioni ridicole, basate in parte su improbabili aumenti di temperatura, presuppongono un innalzamento del livello del mare oltre 30 volte più veloce di quanto non sia ora. Elliott-Gibbs insiste: “Se il livello del mare corrisponde alle previsioni attuali, allora altre parti del paese potrebbero essere in grossi guai”. Si dice che le città costiere dell’Hampshire, dell’Essex, del Sussex e del Kent siano tutte a serio rischio. Anche il quadro generale non sfugge allo specchio. Belgio, Germania, Francia settentrionale e metà dei Paesi Bassi “dovrebbero essere sott’acqua entro il 2100”.

Climate Central è un’operazione di green agitprop ben finanziata con sede a Princeton, nel New Jersey, che ha fornito il materiale per la storia del Mirror. Elliott-Gibbs osserva gentilmente che Climate Central “fornisce informazioni autorevoli per aiutare il pubblico e i responsabili politici a prendere decisioni corrette sul clima e sull’energia”. Nel frattempo, l’operazione afferma di lavorare con le agenzie di stampa, “per produrre storie avvincenti e scientificamente accurate”. Sulle storie delle inondazioni, fornisce una mappa interattiva gratuita e strumenti web che vengono spesso utilizzati dai media locali per produrre copie personalizzate sulla catastrofe.

All’inizio di quest’anno, il Wiltshire Times ha riferito che vaste aree del sud-ovest dell’Inghilterra potrebbero essere sott’acqua entro il 2050 a causa del riscaldamento globale. Tra i siti che potrebbero essere persi c’è la Cattedrale di Gloucester, situata ad un’altitudine di 19 metri. L’anno scorso, il Dorset Echo ha informato i suoi lettori che le acque avrebbero presto lambito il villaggio di Lytchett Minster, a soli 17 metri sul livello del mare.

Climate Central sembra essere fortemente sostenuta dalla Schmidt Family Foundation – denaro originariamente fornito da Eric Schmidt, ex CEO e Presidente di Google. Nel consiglio di amministrazione c’è Carl Ferenbach della High Meadows Foundation and Fund. Si dice che il progetto dell’alluvione sia finanziato da 12 fondazioni, tra cui Schmidt e il Principe Alberto di Monaco. Tra gli accademici attivisti coinvolti c’è Michael Oppenheimer, professore di geoscienze e affari internazionali all’Università di Princeton. Oppenheimer è noto per aver osservato una volta: “Non possiamo lasciare che altri paesi abbiano lo stesso numero di auto, la quantità di industrializzazione che abbiamo negli Stati Uniti. Dobbiamo fermare questi paesi del Terzo Mondo proprio dove sono”.

L’innalzamento del livello del mare è un colpo facile per i meteorologi delle catastrofi. È difficile ottenere una cifra globale precisa, anche con l’aiuto di satelliti in orbita. Mentre il ghiaccio si fonde su grandi superfici terrestri come la Groenlandia, un enorme peso viene sollevato e la terra circostante sale dal mantello terrestre. Questo è visto a Oslo, che attualmente sta aumentando di 3 mm all’anno dal mare a causa della fusione del ghiaccio nel corso di migliaia di anni nel periodo di deglaciazione in corso. A volte si dice che la fusione dei ghiacci in Groenlandia abbia recentemente aggiunto 1 mm all’anno all’innalzamento del livello del mare. Ma prove recenti nell’ultimo decennio suggeriscono che questo processo è rallentato, con la possibilità che la calotta glaciale sia effettivamente aumentata di dimensioni nell’anno fino ad agosto 2022.

Nel suo recente rapporto sullo stato del clima del 2021, il Professor Ole Humlum ha notato le difficoltà che circondano la misurazione accurata dei livelli del mare, anche con l’aiuto dei satelliti. È una scienza imprecisa, con scarti che indicano un aumento inferiore tra 1-2 mm.

Qualunque sia l’aumento, è appena sufficiente registrare una tendenza più lunga che risale al sollevamento dell’era glaciale circa 14.000 anni fa. In un dettagliato rapporto del 2019 sul livello del mare e sui cambiamenti climatici, la climatologa e scrittrice americana Judith Curry ha concluso che i recenti cambiamenti nel livello del mare sono “all’interno della gamma di variabilità naturale del livello del mare negli ultimi migliaia di anni”.

Specchio, specchio, sul muro

Chi è il meno curioso di tutti noi?

Chris Morrison è l’EnvironmentEditor del Daily Sceptic

Pubblicità