image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 17 Agosto 2020

Le ultime uscite del blasonato modello americano GFS rivelano che ondate di aria gelida, direttamente dall’Antartico, sono destinate a sferzate e scatenare su molte zone dell’emisfero meridionale gelo e neve, portato con l’arrivo del flusso di correnti a getto più meridionale, quindi più ondulato e lento.

La prima ad essere colpita sarà l’Africa meridionale.

Pubblicità

Secondo il servizio meteorologico SAWS, “nel Western Cape sono attesi tempo gelido e inondazioni localizzate dovute a forti piogge e nevicate intense”. E come riportato da thesouthafrican.com: “Il Western Cape è destinato ad essere colpito da un altro brutale fronte freddo in questa settimana”.

Da martedì 18 agosto, si prevede che le temperature in TUTTA la Namibia, il Botswana e il Sud Africa scendano di ben 20 ° C al di sotto della media stagionale.

Quindi, entro il 19 agosto, vaste aree dell’Africa meridionale saranno colorati di “blu” e “viola”:

Anomalie temporali a 2 m di GFS per il 19 agosto [tropicaltidbits.com]

Il prossimo, l’Australia.

A partire da giovedì 20 agosto, gran parte del continente australiano sarà colpito da una brutale ondata di gelo antartico mentre una vastissima “pozza fredda” si fermerà sugli stati orientali.

“Avremo seri problemi con questa grave ondata di freddo in arrivo”, secondo il meteorologo di Sky News Weather Robert Sharpe.

Il fronte apporterà pioggia, grandine, neve e temperature ben al di sotto della media in tutta la zona orientale dell’Australia; mentre entro sabato e domenica, la colonnina di mercurio sembra destinata a precipitare fino a 14 ° C al di sotto della norma:

Anomalie di temperatura a 2 m di GFS per il 20 agosto [tropicaltidbits.com]

Oltre al freddo anomalo, le aree alpine del NSW, Victoria e Tasmania sono tutte pronte a ricevere 100 e + cm (3,3 e + ft) di bontà da riscaldamento globale in questo fine settimana, aggiungendosi all’impressionante coltre nevosa accumulata già in questa stagione.

Il Mt Hotham è pronto a ricevere altri 100 cm di neve.

Inoltre, guardando ancora più avanti, si prevede che ancora una volta una massa di freddo antartico arriverà all’inizio di settembre (nota, questo è fuori dai tempi affidabili di previsione e deve essere preso con un pizzico di sale, anche se è certamente uno sviluppo che vale la pena tenere d’occhio):

Anomalie temporali a 2 mesi di GFS per il 1° settembre [tropicaltidbits.com]

Infine il Sud America.

Quest’ultimo run di GFS (sotto) dovrebbe parlare da sé, come già avvenuto seguendo la Patagonia’s con record di freddo e nevicate storiche in Brasile, ora arriva una massa veramente pericolosa di aria fredda polare:

Anomalie di temperatura a 2 m di GFS per il 21 agosto [tropicaltidbits.com]

L’aria antartica si sposterà gradualmente verso nord tra martedì, 18 agosto e lunedì 24 agosto, in quel periodo le temperature scenderanno fino a 30 ° C al di sotto della media del periodo ATTRAVERSO l’Argentina, il Cile, l’Uruguay, il Paraguay, la Bolivia e il Brasile meridionale.

L’animazione qui sotto mostra il freddo mentre si insinua nel continente:

Anomalie della temperatura di GFS a 2 m dal 19 agosto al 24 agosto [tropicaltidbits.com]


Preparati Sud America.

Sembra una cosa grossa.

TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno raffreddando, in linea con l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici e un flusso di corrente a getto più meridionale.

Persino la NASA sembra concordare, se si legge tra le righe, con le loro previsioni per questo prossimo ciclo solare (25) che lo vedono come “il più debole degli ultimi 200 anni”, con l’agenzia che mette in correlazione precedenti periodi di bassa attività solare a periodi prolungati di raffreddamento globale qui.


Preparati di conseguenza : impara a conoscere i fatti, trasferisciti se necessario e fai crescere il tuo sapere.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità