image_pdfimage_print

Di Tyler Durden – 26 Agosto 2019

Traduzione a causa di Enzo Ragusa

Autore Patrick Michaels e Caleb Stewart Rossiter tramite The Washington Examiner

Pubblicità

I modelli informatici climatici sono al centro di critiche, avendone, indirettamente limitato l’utilizzo di energia economica e affidabile che prospera economia promuovendo vite più sane e più longeve. Per decenni, questi modelli hanno previsto un drammatico riscaldamento da piccoli aumenti alimentati dai combustibili fossili nelle concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica, con conseguenze catastrofiche.

Tuttavia, i dati del mondo reale non collaborano. Essi mostrano solo un lieve riscaldamento, soprattutto nei dati notturni e nella stagione invernale. Secondo il gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, non vi è stato alcun aumento sistematico nella frequenza degli eventi meteorologici estremi e il continuo aumento del livello del mare iniziato con la fine dell’era glaciale continua senza un grande aumento di magnitudo. La costanza dei registri terrestri è evidente nei dati della National Oceanic and Atmospheric Administration.

Dobbiamo fidarci di questi modelli di sventura computerizzati? Scopriamolo confrontando le temperature effettive dal 1979 con quelle che le 32 famiglie di modelli climatici utilizzate nell’ultimo rapporto delle Nazioni Unite sulla scienza del clima che avevano previsto sarebbero risultate.

Lo scienziato atmosferico John Christy ha sviluppato un set di dati globali della bassa atmosfera utilizzando sondaggi satellitari altamente precisi. La NASA lo ha onorato per questo risultato ed è stato autore di una precedente edizione del rapporto U.N. Ha dichiarato a un’audizione del comitato scientifico della Camera nel marzo 2017 che i modelli climatici delle Nazioni Unite hanno gravemente fallito.

Christy ha confrontato le proiezioni del modello medio dal 1979 con le osservazioni più affidabili – quelle rilevate da satelliti e palloni meteorologici sui vasti tropici. Il risultato? Nei livelli superiori dell’atmosfera inferiore, i modelli hanno previsto un riscaldamento sette volte superiore a quello osservato. L’iperpredizione si è verificata anche a tutti gli altri livelli. Christy ha recentemente concluso che, in media, il riscaldamento previsto dai modelli è tre volte maggiore di quello che è stato osservato.

Questo è un errore critico. Avere un clima tropicale preciso è essenziale per comprendere il clima in tutto il nostro pianeta. La maggior parte dell’umidità atmosferica ha origine nell’oceano tropicale e la differenza tra la temperatura superficiale e quella atmosferica superiore determina la quantità di umidità che sale nell’atmosfera. Questo è importante. La maggior parte dell’agricoltura dipende dal trasferimento di umidità dai tropici alle regioni temperate.

Christy non sta osservando le temperature superficiali, misurate dai termometri nelle stazioni meteorologiche. Al contrario, sta osservando le temperature misurate da calibrati termistori posizionati su palloni meteorologici e dati satellitari. Perché non ha più semplicemente guardato quaggiù, dove viviamo tutti? Perché le registrazioni delle temperature superficiali sono state gravemente compromesse.

I termometri su scala globale mostrano due periodi di riscaldamento dal 1900: mezzo grado da cause naturali nella prima metà del 20 ° secolo, prima che ci fosse un aumento del biossido di carbonio industriale che era sufficiente per aumentarle, e ancora mezzo grado nell’ultimo quarto del secolo scorso.

L’ultimo U.N. science compendium delle Nazioni Unite afferma che quest’ultimo mezzo grado è almeno per metà a causa dell’uomo. Ma i record delle temperature hanno mostrato che il riscaldamento si è fermato dal 2000 al 2014. Fino a quando non li hanno modificati.

In due delle quattro serie di rilevamenti globali in superficie, i dati sono stati regolati in due modi che hanno spazzato via la “pausa” che venne osservata in quel periodo.

La prima regolazione ha cambiato il modo in cui viene calcolata la temperatura della superficie degli oceani, sostituendo i dati satellitari con boe alla deriva e temperature rilevate dalle navi. La dimensione della nave determina la profondità di rilevamento delle temperature e le navi in ​​acciaio si scaldano enormemente in condizioni soleggiate e di caldo. Le temperature delle boe, che sono misurate da precisi termistori elettronici, sono state regolate verso l’alto per corrispondere ai dati rilevati discutibilmente nelle navi. Dato che la rete di boe è diventata più estesa durante la pausa, è garantito un riscaldamento artificiale nei dati.

Il secondo grande aggiustamento è stato sull’Oceano Artico, dove non ci sono stazioni meteorologiche. In questa revisione, le temperature sono state stimate dalle vicine stazioni terrestri. Questo va contro la fisica di base.

Anche nelle estati calde, c’è molto ghiaccio su gran parte dell’Oceano Artico. Ora, ad esempio, quando il ghiaccio marino si avvicina al suo minimo annuale, si estende ancora in parte lungo la costa orientale della Groenlandia. Finché la miscela di acqua e ghiaccio è ben mescolata (come un bicchiere di acqua ghiacciata), la temperatura superficiale rimane nel punto di congelamento fino a quando tutto il ghiaccio si scioglie. Quindi, l’estensione delle letture di terra per l’Oceano Artico aggiunge un riscaldamento inesistente al record.

Inoltre, sia i dati globali che quelli statunitensi sono stati frequentemente adeguati. Non c’è nulla di scientificamente sbagliato nella regolazione dei dati per correggere i cambiamenti nel modo in cui le temperature sono osservate e i cambiamenti nei termometri. Ma ogni regolazione seriale ha teso a rendere più freddi i primi anni, il che aumenta la tendenza al riscaldamento. È incredibilmente improbabile.

In aggiunta, i termometri sono alloggiati in centraline standardizzate, che devono essere mantenute in una specifica tonalità di bianco. Le centraline nei paesi più poveri non vengono ridipinti spesso e le stazioni di colore più scuro assorbono più energia solare. Non sorprende che i poveri paesi tropicali mostrino il più grande riscaldamento da questo effetto.

Tutto questo per dire che la mongolfiera e le temperature satellitari utilizzate nella testimonianza di Christy sono i migliori dati che abbiamo a disposizione, e dimostrano che i modelli climatici delle Nazioni Unite non sono per nulla affidabili.

Fonte: Zerohedge

Pubblicità