image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 5 Maggio 2021

William Happer è un fisico americano con oltre 200 pubblicazioni su riviste scientifiche. È il Cyrus Fogg Brackett, Professore di Fisica, Emerito, presso la Princeton University, e ha anche lavorato per il governo degli Stati Uniti in due diverse occasioni: la prima è stata tra il 1991-1993, dove ha ricoperto il ruolo di Director of Energy Research, e la seconda tra 2018-2019 sotto l’amministrazione Trump, dove è stato vice assistente del presidente per le tecnologie emergenti presso il Consiglio di sicurezza nazionale.

Il Dr. William Happer ha parlato al National Leadership Seminar, sponsorizzato dall’Hillsdale College, il 19 febbraio 2021 a Phoenix, in Arizona. Di seguito è riportato un dettaglio del suo discorso, comprese le diapositive che ha condiviso:

Pubblicità

Il modo migliore per pensare alla frenesia per il clima è considerarlo una versione moderna delle Crociate medievali. Forse ricorderai che il motto dei crociati era “Deus vult!”, “Dio lo vuole!” È difficile scegliere uno slogan di segnalazione della virtù migliore di questo.

La maggior parte degli entusiasti del clima non è andata così lontano, ma alcuni affermano effettivamente di svolgere l’opera di Dio. Dopo decenni di propaganda, molti americani, forse compresi da alcuni di voi qui oggi, pensano che ci sia davvero emergenza climatica. Chi la pensa in questo modo, in molti casi, intende molto bene. Ma sono stati ingannati.

Come scienziato che in realtà sa molto sul clima (e ho creato molti dei nostri centri di ricerca sul clima quando ero al Dipartimento dell’Energia all’inizio degli anni ’90) posso assicurarti che non esiste emergenza climatica. Non ci sarà emergenza climatica. Le crociate sono sempre finite male. Hanno portato discredito alla presunta giusta causa. Hanno portato stenti e morte a moltitudini. Le politiche per affrontare questa falsa emergenza climatica causeranno gravi danni ai cittadini americani e al loro ambiente.

La frenesia climatica si sta davvero surriscaldando di recente. Il 4 febbraio il senatore Bernie Sanders, la deputata Alexandra Ocasio-Cortez e il membro del Congresso Earl Blumenauer hanno introdotto “una legislazione che impone la dichiarazione per una emergenza climatica nazionale.

Il National Climate Emergency Act ordina al Presidente degli Stati Uniti di dichiarare una emergenza climatica nazionale e mobilitare ogni risorsa a disposizione del Paese per fermare, invertire, mitigare e prepararsi alle conseguenze di questa crisi climatica”. (Questo arriva dal sito web del Sig. Blumenauer.) Ma questa è un’assurdità assoluta. Non c’è crisi climatica e non ci sarà crisi climatica.

Peggiora quando arrivi ai livelli statali dove ci sono meno controlli ed equilibri.

Queste le osservazioni fatte la scorsa settimana da Charles Ismay, sottosegretario per i cambiamenti climatici del Massachusetts al Consiglio per il clima del Vermont:

“Quindi lasciatemi dire che ancora una volta, il 60% delle nostre emissioni che devono essere ridotte proviene da te, la persona dall’altra parte della strada, la persona anziana con reddito fisso, giusto. . . non è rimasto nessun cattivo, almeno in Massachusetts a cui puntare il dito contro, a girare le viti e, sai, a rompere la loro volontà, così smettono di emettere. Sei tu. Dobbiamo rompere la tua volontà. Giusto, non posso nemmeno dirlo pubblicamente.”

Pochi giorni dopo il Sig. Ismay si è dimesso e se non lo avesse fatto, il suo governatore lo avrebbe licenziato. Ma è così che sono le crociate. Questa non è davvero una questione di scienza. Questa è una questione di religione laica per alcuni. È una questione di soldi per gli altri. È una questione di potere per gli altri. Ma qualunque cosa sia, non è scienza.

Parte delle crociate medievali erano contro la presunta minaccia ai luoghi santi di Gerusalemme. Ma in gran parte erano contro i nemici locali. L’Inquisizione medievale ha fatto davvero un lavoro sui poveri catari, sui valdesi del sud della Francia e sui Bogomili nei Balcani. I fanatici del clima non conoscono né si preoccupano della scienza del clima più di quanto quegli Inquisitori medievali sapessero o si preoccupassero degli insegnamenti di Cristo.

Quasi tutti vogliono vivere in un ambiente pulito. Sì, e sono sicuro che lo vogliamo tutti.

Questa è una fotografia di Shanghai, ed è questo il vero inquinamento atmosferico. Riesci a malapena a vedere l’edificio apribottiglie sul retro attraverso tutta quella foschia. Alcuni di questi sono dovuti alla combustione del carbone. Ma una parte maggiore è dovuta alla polvere del deserto del Gobi.

Hanno questo tipo di inquinamento a Shanghai dai tempi di Marco Polo e molto prima. Parte di esso sta bruciando le stoppie delle risaie, cosa che tradizionalmente si fa prima di piantare il raccolto dell’anno successivo. Questo è il vero inquinamento. Non vorrei vivere in una città come quella. Se c’è qualcosa da fare per migliorare la situazione, lo farei sicuramente.

Ma niente di tutto questo ha a che fare con la CO2. La CO2 è un gas che non puoi vedere, annusare o gustare. Quindi, non c’è bisogno di limitare le emissioni di CO2, che è effettivamente vantaggioso, come spiegherò un po’ più tardi, renderanno solo più difficile sbarazzarsi di inquinanti reali come quello che ti ho appena mostrato a Shanghai.

Quindi, parliamo di CO2.

Numero uno, non è affatto un inquinante. Respiriamo molta CO2. Molte persone sono sorprese di apprendere che espirano poco più di due libbre di CO2 al giorno. Voi persone in questa stanza emettete molta CO2. In realtà ho portato qui un misuratore di CO2 che accenderò. Ma il nostro respiro non è poi così diverso dall’output di una centrale elettrica. Le centrali elettriche assorbono aria normale e consumano la maggior parte dell’ossigeno bruciando carbone, gas naturale o petrolio. Lo scarico che esce dal camino è principalmente l’azoto che era già presente, un po’ di ossigeno che non è stato utilizzato, insieme al vapore acqueo e alla CO2.

Il nostro respiro è simile, tranne che contiene molto più ossigeno. Quindi, puoi eseguire la rianimazione bocca a bocca, non potresti se il tuo respiro fosse come lo scarico della centrale elettrica. Il tuo respiro contiene circa il 4 percento di CO2, il 6 percento di acqua. La centrale ha un po’ più di CO2 e di conseguenza meno ossigeno. Ma il nostro respiro sicuramente non è un inquinante. In effetti, il nostro riflesso respiratorio è determinato dalla CO2. Non è determinato dall’ossigeno. Non è una mancanza di ossigeno; è troppa CO2 che ti fa prendere un’altra boccata d’aria.

Questa è una foto di mia moglie Barbara nel New Jersey vicino a un nuovo parco solare:

Abbiamo appena visto come funzionano i parchi solari e i mulini a vento in Texas durante l’ondata di freddo (storico) della scorsa settimana.

Non hanno mai funzionato molto bene. Dobbiamo essere grati alla Natura. Sembra avere il senso dell’umorismo e ci ha insegnato una buona lezione, spero; ma le persone sembrano imparare lentamente.

Un grosso problema con le fonti di energia rinnovabile (solare, eolica) è che occupano molto spazio. (Inoltre) hai bisogno di qualcos’altro per fornire energia elettrica di notte. I pannelli solari non funzionano se è una giornata nuvolosa. Non funzionano molto bene in inverno quando il sole è basso. L’energia solare non ha senso economico a meno che tu non sia sovvenzionato in modo massiccio dai governi statali e federali. Quindi, è un segnale di pura virtù.

Ecco uno dei primi parchi eolici in California. Sta cominciando a cadere a pezzi, ma tutti i parchi eolici cadono a pezzi. Nessuno sa come faremo a smaltire tutta questa spazzatura quando non funzioneranno più.

Il vento ha più o meno gli stessi problemi del solare. Quando ero bambino, le persone non si sedevano tutto il giorno davanti agli schermi dei computer e guardavano le simulazioni del mondo. Potevi uscire e guardare le nuvole e vedere com’era il tempo. E a quei tempi, la gente sapeva che “il vento soffia in qualsiasi direzione”. A volte soffia, a volte no. La scorsa settimana in Texas, il vento non ha soffiato molto. E, durante tentativo di forte vento, le pale della turbina eolica si sono ghiacciate e non si sono mosse.

L’energia rinnovabile è quella che chiamerei la strategia inversa di Robin Hood: derubare i poveri per dare ai ricchi. I servizi pubblici possono aumentare i tassi a causa dei loro investimenti di capitale in energie rinnovabili inefficienti e inaffidabili. Smantellano centrali a carbone, gas e nucleare completamente ammortizzate, che funzionano tutte magnificamente e producono energia economica e affidabile. Ma i profitti regolamentati sono molto inferiori. I contribuenti sovvenzionano i ricchi, che possono permettersi di affittare terreni per parchi eolici e solari. Gli incentivi fiscali assecondano la classe superiore che vive in comunità recintate e può permettersi di acquistare auto elettriche Tesla. Ottengono sussidi dallo stato e dal governo federale. Ricevono persino energia elettrica sovvenzionata per ricaricare i loro giocattoli.

Non puoi passare una vita come professore e non ricadere di tanto in tanto nel tenere una lezione in classe. Quindi, dovrai aspettarti di ricevere lezioni per pochi minuti. La buona notizia è che non ci saranno quiz. Ma per quelli di voi che condividono la mia opinione che questa isteria climatica sia una grave sciocchezza, aiuta a sapere quali sono i fatti. Spero di poter fornire ad alcuni di voi i veri fatti scientifici.

Questa è un’immagine della circolazione complessiva dell’atmosfera intorno alla Terra.

Ciò che ci tiene al caldo sulla Terra è il Sole.

La Terra è più intensamente riscaldata ai tropici. Questa è l’area rossastra su questo grafico, dove il Sole è quasi sul punto più alto a mezzogiorno. C’è più energia solare che entra ai tropici di quanta ne esce come radiazione di raffreddamento nello spazio. Il calore in eccesso deve essere convogliato alle regioni polari dall’aria calda e dall’acqua dell’oceano.

Come il Sole, anche la Terra si irradia.

Se hai cenato qui al Marriott, forse ti sei seduto sotto alcuni dei radiatori a infrarossi sui cortili esterni. Non puoi vederlo, ma puoi sentire il caldo, la radiazione termica delle stufe del patio.

La Terra mantiene la sua temperatura bilanciando il riscaldamento solare durante il giorno con il raffreddamento per irraggiamento termico allo spazio freddo, sia di giorno che di notte.

Il clima implica una complicata interazione tra la luce solare che ci riscalda e le radiazioni termiche che sfuggono verso lo spazio. Il calore viene trasportato dai tropici ai poli dal movimento dell’aria calda e dell’acqua dell’oceano. Sappiamo tutti della Corrente del Golfo che trasporta enormi quantità di calore nell’Europa settentrionale, persino in Russia. Anche i movimenti d’aria nell’atmosfera trasportano molto calore, come sappiamo dai periodi di freddo e dai periodi di caldo regolari.

Se guardi l’immagine, puoi stimare dove si trova Phoenix, appena oltre il confine con il Messico. È qui che il colore cambia dal giallo al verde. Questa zona è spesso sotto il ramo discendente della cella di Hadley, aria che sale vicino all’equatore, aria calda, aria umida, piena di vapore acqueo. C’è una pioggia tremenda laggiù. Quando l’aria sale ad altitudini davvero elevate, da 10 a 15 chilometri, la maggior parte dell’acqua viene riversata. Parte di quest’aria liofilizzata si dirige a nord e altra a sud. L’aria che si dirige a nord alla fine ricade sulla Terra, spesso su Phoenix. In media, quest’aria secca si riversa a latitudini intorno ai 30 gradi nord e 30 gradi a sud dell’Equatore. È lì che troviamo le grandi cinture desertiche della Terra. È lì che si trova il deserto del Sahara, il deserto del Chihuahua e, a sud, il deserto del Kalahari. La circolazione di Hadley è come il circuito di flusso del gas di un gigantesco motore termico a ciclo di Brayton. Per la maggior parte del suo percorso, l’aria circolante non fa girare le pale della turbina eolica.

Ecco un’immagine del bilancio energetico della Terra:

Ho detto che siamo riscaldati dal sole. Circa la metà della luce solare alla fine arriva in superficie. Ciò che impedisce a tutto di raggiungere la superficie sono le nuvole e una piccola quantità di dispersione e assorbimento da parte dell’atmosfera.

Altre zone dell’America, come il New Jersey, ora sono coperte da nuvole. Quelle aree non ricevono direttamente la luce solare. Ma la metà della luce solare che raggiunge il suolo la riscalda. Lo puoi notare nel pomeriggio, se esci. Se sei un giardiniere come me, puoi mettere le mani nel terreno ed è bello e caldo. Fa crescere il mais. Ma quel calore deve essere rilasciato. Se continui ad aggiungere calore al terreno, diventa sempre più caldo. Quindi, il calore viene infine rilasciato dalla radiazione nello spazio che è quella freccia rossa che sale sull’immagine. Ma per i primi chilometri di altitudine, una buona frazione di quel calore non è trasportata dall’irraggiamento, ma dalla convezione di aria calda e umida. La CO2 non ha alcun effetto diretto sulla convezione vicino alla superficie. Ma una volta raggiunti circa 10 chilometri, la maggior parte del calore viene trasportata dalle radiazioni.

A proposito, ora ho il misuratore (CO2) in funzione. Ricorda che l’aria esterna è di 400 parti per milione di CO2. Sono 580 qui, (ed) era a 1.000 parti per milione dove stavamo pranzando. I livelli di CO2 non sono mai stabili vicino alla superficie terrestre. Le persone sono in preda al panico per circa una o due parti per milione di CO2. Ora, il misuratore legge 608 parti per milione, probabilmente perché ci ho respirato sopra. L’aria calda lo fa scattare. A volte porto il tassametro sulla veranda sul retro. Alla fine di una giornata estiva, i livelli di CO2 nella mia veranda sul retro scendono a forse 300 parti per milione, molto al di sotto della media dell’aria esterna. Questo perché gli alberi e l’erba nel mio cortile hanno risucchiato la maggior parte della CO2 dall’aria locale durante il giorno. Se mi alzo presto la mattina dopo e guardo il misuratore, è fino a 600 parti per milione. Quindi, dalla mattina alla sera, la CO2 raddoppia nell’aria del mio cortile. Doppie e metà, doppie e metà. Almeno durante la stagione di crescita che è abbastanza comune. E abbiamo queste crisi isteriche riguardo all’aumento della CO2 del 30 o 40 percento. È stupefacente.

Allora, perché questa frenesia per la CO2?

È perché è un gas serra? Questo è vero. Questa è un’immagine un po’ ingannevole. Ciò che mostra in rosso (nell’immagine sopra) è la luce solare e la scala orizzontale sul pannello superiore è la lunghezza d’onda della luce solare.

Le lunghezze d’onda della radiazione per la luce solare sono tipicamente di circa mezzo micron (mezzo milionesimo di metro). Questa è la luce verde, il colore delle foglie verdi. La radiazione termica che raffredda la Terra è quella curva blu a destra del pannello superiore, e questa è una lunghezza d’onda molto più lunga, tipicamente intorno ai 10 micron.

Quindi, la lunghezza d’onda della radiazione termica è da 10 a 20 volte più lunga delle lunghezze d’onda della luce solare. Si scopre che l’energia del Sole può attraversare l’atmosfera terrestre molto facilmente. Quindi essenzialmente tutta la luce solare o almeno il 90 percento, se non ci sono nuvole, arriva in superficie e la riscalda. Ma il raffreddamento per radiazione della superficie è meno efficiente perché vari gas a effetto serra (soprattutto il vapore acqueo, che è mostrato come il terzo pannello verso il basso, e la CO2, che è il quarto pannello verso il basso) intercettano molte di quelle radiazioni e le impediscono di fuoriuscire liberamente. nello spazio. Ciò mantiene la temperatura della superficie terrestre più calda di quanto sarebbe (di circa 20 o 30 gradi). La Terra sarebbe un cubetto di ghiaccio se non fosse per il vapore acqueo e la CO2.

I gas serra furono scoperti nel 1850 da John Tyndall, un fisico anglo-irlandese che lavorava a Londra. Fu il primo a scoprire che il vapore acqueo, o anidride carbonica, o vapore di etere, o vapore di alcol, intercetta la radiazione termica.

In modo appropriato per un anglo-irlandese, usava un bollitore per il tè caldo come fonte di calore. Misurò la radiazione termica dalla teiera che passava attraverso un tubo contenente vari gas e notò che alcuni gas come la CO2, o soprattutto il vapore acqueo, avrebbero bloccato gran parte di quella radiazione termica mentre i normali gas atmosferici azoto e ossigeno no.

Tutti i gas atmosferici sono trasparenti alla luce solare, ma i gas serra sono parzialmente opachi alla radiazione termica.

Ora chiamiamo i gas che bloccano la radiazione termica “gas serra”.

La CO2 è effettivamente un gas a effetto serra, ma non è un gas a effetto serra molto buono alla concentrazione odierna.

Lascia che ti mostri qualcosa che voglio che tu ricordi:

Questa è una diapositiva importante.

C’è molta storia qui e quindi ci sono due immagini storiche. L’immagine in alto è Max Planck, il grande fisico tedesco che ha scoperto la meccanica quantistica. Sorprendentemente, la meccanica quantistica ha avuto inizio dalla fisica dei gas serra e dalla radiazione termica, proprio ciò di cui stiamo parlando oggi. La maggior parte dei fanatici del clima non comprende la fisica di base. Ma Planck lo capì molto bene, e fu il primo a mostrare perché lo spettro della radiazione da corpi caldi ha la forma mostrata in questa immagine, a sinistra di Planck.

La scala orizzontale, da sinistra a destra, è la “frequenza spaziale” (picchi d’onda per cm) della radiazione termica. La scala verticale è la potenza termica che esce nello spazio. Se non ci fossero gas serra, la radiazione che va nello spazio sarebbe l’area sotto la curva blu di Planck. Questa sarebbe la radiazione termica che bilancia il riscaldamento della Terra da parte della luce solare.

In effetti, non osservi mai la curva di Planck se guardi in basso da un satellite. Abbiamo molte misurazioni satellitari ora. Quello che vedi è qualcosa che assomiglia molto alla curva nera, con molte ondulazioni. Quella curva è stata calcolata per la prima volta da Karl Schwarzschild, la cui immagine è sotto quella di Planck.

Schwarzschild era un ufficiale dell’esercito tedesco nella prima guerra mondiale e ha svolto alcuni dei suoi lavori più creativi nelle trincee sul fronte orientale di fronte alla Russia. Trovò una delle prime soluzioni analitiche alla teoria della relatività generale di Einstein mentre era in prima linea. Ahimè, è morto prima di tornare a casa. La causa della morte non furono i proiettili russi ma una malattia autoimmune. Questa è stata una vera tragedia per la scienza. Schwarzschild è stato il teorico che per primo ha capito come la Terra, inclusi i gas serra nella sua atmosfera, irradia nello spazio. Ciò è descritto dalla linea nera frastagliata.

Il punto importante qui è la linea rossa.

Questo è ciò che la Terra irradierebbe nello spazio se dovessi raddoppiare la concentrazione di CO2 rispetto al valore attuale. Proprio nel mezzo di queste curve, puoi vedere un divario nello spettro. Il divario è causato dalla radiazione che assorbe la CO2 che altrimenti raffredderebbe la Terra. Se raddoppi la quantità di CO2, non raddoppi la dimensione di quel divario. Vai dalla curva nera a quella rossa e riesci a malapena a vedere la differenza. Il divario difficilmente cambia.

Il messaggio che voglio che tu capisca, e che praticamente nessuno capisce davvero, è che raddoppiare la CO2 non fa quasi alcuna differenza. Il raddoppio sostituirebbe la curva nera con la curva rossa. Sulla base di ciò, dovremmo rinunciare alle nostre libertà. Dovremmo rinunciare ai motori a benzina delle nostre automobili. Dovremmo accettare il potere dittatoriale di Bernie Sanders e Ocasio-Cortez, a causa della differenza tra la curva rossa e quella nera. Non lasciare che nessuno ti convinca che questo è un buon affare. È un pessimo affare. Il raddoppio in realtà fa una piccola differenza. Riduce la radiazione nello spazio di circa tre watt per metro quadrato. In confronto, la radiazione totale nello spazio è di circa 300 watt per metro quadrato. Quindi, è un effetto dell’1 per cento – in realtà è un po’ meno di quello, perché è senza nuvole. Le nuvole rendono tutto ancora meno minaccioso.

Infine, vorrei sottolineare che c’è una curva verde. Questo è ciò che accade se si toglie tutta la CO2 dall’atmosfera. Nessuno sa come farlo, grazie al cielo, perché le piante morirebbero tutte se togliessi tutta la CO2 dall’atmosfera. Ma ciò che questa curva ti dice è che l’effetto serra della CO2 è già saturo. La saturazione è un termine gergale che significa che la CO2 ha creato tutto il riscaldamento della serra che può facilmente fare. Raddoppiare la CO2 non fa molta differenza. Potresti triplicare o quadruplicare le concentrazioni di CO2 e farebbe poca differenza. Gli effetti della CO2 sono fortemente saturi.

Puoi prendere quella piccola differenza tra quelle curve che ti ho mostrato, le curve rosse e quelle nere, e calcolare il riscaldamento che dovrebbe verificarsi. Sono stato uno dei primi a farlo: nel 1982 sono stato coautore di uno dei primi libri sugli effetti radiativi della CO2. (Sopra) è il mio calcolo e molti calcoli di altre persone da allora. È un grafico a barre del riscaldamento per decennio calcolato dalle persone. La barra rossa è ciò che è stato effettivamente osservato. A destra si sta riscaldando per decennio su 10 anni e a sinistra, oltre 20 anni. In entrambi i casi il messaggio da portare è che i riscaldamenti previsti, per cui così tante persone sono frenetiche, sono tutti grossolanamente più grandi del riscaldamento osservato, che è mostrato dalle barre rosse.

Quindi, il riscaldamento osservato è stato estremamente ridotto rispetto ai calcoli del computer su qualsiasi intervallo che si considera. Le nostre politiche si basano sui modelli che vedete qui, modelli che non funzionano. Credo che sappiamo perché non funzionano, ma nessuno è disposto ad ammetterlo.

Ecco un altro confronto di modelli e osservazioni.

La curva rossa qui in basso è l’anno. Inizia nel 1975. Attraversa il 2025 perché sono incluse le previsioni del modello. La curva superiore sono le previsioni dell’istituto internazionale di allarme climatico e le curve blu e verde inferiori sono osservazioni.

I cerchi blu riassumono le temperature misurate con i palloncini. Probabilmente sai che ogni giorno migliaia di palloncini vengono lanciati in tutto il mondo in Nord America, Europa, Asia e nell’emisfero meridionale. Misurano la temperatura mentre salgono nella stratosfera. Quindi, sappiamo quale è stata la temperatura dell’atmosfera da questi ottimi record di palloncini. Il riscaldamento osservato dai palloncini è circa un terzo del riscaldamento previsto dai modelli.

Nessuno sa quanto del riscaldamento osservato negli ultimi 50 anni sia dovuto alla CO2. C’è una buona ragione per pensare che gran parte di essa, forse la maggior parte, sarebbe lì anche senza un aumento di CO2, perché stiamo uscendo dalla piccola era glaciale. Ne siamo usciti dall’inizio del 1800, prima del quale il tempo era molto più freddo di adesso.

La curva verde (nel grafico sopra) rappresenta la misurazione dai satelliti, molto simili alle misurazioni di un termometro a scansione temporale. Puoi guardare da un satellite e misurare la temperatura dell’atmosfera. I satelliti e le mongolfiere sono d’accordo tra loro e non sono d’accordo con i modelli. Questo è un lavoro molto carino di John Christie presso l’Università dell’Alabama-Huntsville.

Il presunto danno della CO2 proviene dal riscaldamento e il riscaldamento osservato è molto, molto inferiore alle previsioni. In effetti, il riscaldamento è quasi certamente benefico: dà stagioni di crescita leggermente più lunghe. Puoi maturare i raccolti un po’ più a nord di quanto facevi prima. Ma ci sono notizie ancora migliori (sull’aumento della CO2 atmosferica): per gli standard della storia geologica, le piante hanno vissuto una carestia di CO2 durante il nostro attuale periodo geologico.

Questa è un’immagine della nostra migliore stima dei livelli passati di CO2:

La scala verticale, RCO2, è la quantità di CO2 in passato maggiore di quella odierna.

Puoi vedere su quella scala che nella maggior parte del passato, i livelli di CO2 sono stati cinque, dieci volte. anche venti volte maggiori di oggi. Questo periodo, approssimativamente gli ultimi 540 milioni di anni dal periodo Cambriano, è l’Eone Fanerozoico, quando abbiamo buoni reperti fossili di vita sulla Terra. Quindi, sappiamo abbastanza bene cosa stava facendo la vita in quel periodo dai sedimenti.

Durante tutto questo periodo, con livelli di CO2 molto più alti, la vita è fiorita sulla Terra. In generale, prosperava meglio quando c’era più CO2. Le piante preferirebbero davvero avere due, tre, quattro volte più CO2 di quella che abbiamo oggi, e puoi vedere le piante che stanno già rispondendo ai nostri livelli di CO2 attualmente in aumento.

Lascia che ti mostri un esempio:

Questo è l’inverdimento della Terra misurato dai satelliti.

Questa immagine mostra le aree della Terra che stanno diventando più verdi nel periodo di 20 anni.

Quello che noti è che ovunque, specialmente nelle zone aride del Sahel (puoi vedere che appena a sud del Sahara) sta diventando verde in modo drammatico. Gli Stati Uniti occidentali stanno diventando più verdi, l’Australia occidentale è più verde, l’India occidentale è più verde. Ciò è quasi certamente dovuto alla CO2, e il motivo per cui ciò accade è che la CO2 consente alle piante di crescere dove 50 anni fa era troppo bassa.

Le piante hanno ora bisogno di meno acqua per crescere rispetto a 50 o 100 anni fa.

Lascia che ti mostri un altro esempio di cosa fa più CO2 in termini di crescita migliore per le piante:

Questa è una foto del Dr. Sherwood Idso, ed era in realtà un esperimento fatto qui a Phoenix negli anni ’80.

Questo pino, credo, è una varietà mediterranea, il pino Eldarica. Sulla sinistra c’è un albero di pino che cresceva con l’attuale livello di CO2 in quel momento, che era di circa 380 parti per milione, e sulla destra ci sono alberi di pino che crescono con concentrazioni di CO2 sempre più elevate.

Puoi vedere che più CO2 hanno a disposizione i pini, più velocemente crescono. Puoi farlo con quasi tutte le piante: mais, grano, cotone – crescono tutti meglio con più CO2.

Questo è il cosiddetto inquinante di cui si sente parlare in relazione all'”emergenza climatica”.

Quindi, lascia che ti spieghi le basi del perché funziona:

Prendi una lente d’ingrandimento a bassa potenza e vedrai che la foglia è piena di piccoli fori o “stomi”. I buchi servono a far diffondere l’anidride carbonica dall’aria all’interno umido della foglia, dove la foglia, utilizzando lo speciale enzima chiamato rubisco, (uno degli enzimi più antichi al mondo e la proteina più abbondante), combina la CO2 con una molecola d’acqua, H2O, per produrre lo zucchero.

L’energia per far funzionare questa piccola fabbrica chimica all’interno della foglia è fornita dalla luce solare. Il problema con questo è la necessità di buchi nella foglia. Non solo le molecole di CO2 si diffondono dall’aria, ma le molecole di H2O si diffondono attraverso lo stesso foro e seccano la foglia. Per ogni molecola di CO2 che si diffonde nella foglia possono esserci un centinaio di molecole d’acqua che si diffondono.

Quindi, la pianta ha un dilemma ingegneristico: deve avere dei buchi nella sua foglia per ottenere la CO2 di cui ha bisogno per vivere. Ma quegli stessi buchi la seccano; la seccano e la pianta ha bisogno di acqua per vivere. Ma le piante non sono stupide. In tutto il mondo, stanno crescendo foglie con un numero minore o minore di fori in risposta alle crescenti concentrazioni di CO2 atmosferica. Se c’è più CO2 nell’aria all’esterno, le foglie non hanno bisogno di tanti fori e non perdono nemmeno tanta acqua. Ecco perché stai vedendo l’inverdimento della terra. È dalle piante stesse che sfruttano la CO2 che torna a livelli storicamente più normali.

C’è una seconda questione importante.

L’enzima di cui ho parlato, il rubisco, è molto antico. Probabilmente è stato inventato, su scala evolutiva, tre miliardi e mezzo di anni fa. A quel tempo, c’era poco ossigeno nell’aria. Quindi, il rubisco è stato progettato in modo da essere avvelenato dall’ossigeno. Le piante oggi hanno difficoltà quando non c’è abbastanza CO2 nell’aria. Quando il rubisco è carico di energia chimica per produrre zucchero, ma non riesce a trovare una molecola di CO2, afferra invece una molecola di ossigeno, O2. Usa l’ossigeno per creare perossido di idrogeno e altre brutte molecole ossidanti.

Uno dei motivi per gli antiossidanti nel tuo tè è mitigare questo problema. Questo uso errato di una molecola di O2 piuttosto che di una molecola di CO2 è chiamato fotorespirazione. La soppressione della fotorespirazione è uno dei motivi per cui le piante crescono meglio con più CO2. Esiste un tipo speciale di pianta chiamata pianta C4, che include mais americano e canna da zucchero, che ha parzialmente risolto questo problema. Ma con l’aumentare dei livelli di CO2, i vecchi impianti C3, senza tutti i macchinari biochimici per far fronte alla fotorespirazione, superano gli impianti C4.

Quando sollevi tutte queste difficili questioni scientifiche con gli allarmisti climatici, la risposta è “come puoi dirlo? Il 97% degli scienziati concorda sul fatto che qui c’è una terribile emergenza che dobbiamo affrontare”.

Qui ci sono diverse cose che dovresti dire:

Prima di tutto, nella scienza la verità non viene votata. Non è come votare una legge. È determinato da quanto la tua teoria concorda con le osservazioni e gli esperimenti. Ti ho appena mostrato che le teorie sul riscaldamento sono grossolanamente sbagliate. Non sono nemmeno vicini e tuttavia stiamo prendendo le nostre decisioni politiche sulla base di modelli informatici che non funzionano. Non importa quante persone dicono che c’è emergenza. Se non concorda con esperimenti e osservazioni, la presunta base scientifica dell’emergenza è sbagliata. L’affermazione di emergenza climatica è decisamente sbagliata.

In secondo luogo, anche quando gli scienziati sono d’accordo, ciò su cui sono d’accordo può essere sbagliato. La gente pensa che gli scienziati siano persone incorruttibili e sacerdotali. Non lo sono affatto. Hanno gli stessi difetti di tutti gli altri e spesso si sbagliano.

Un buon esempio di ciò è stata la teoria della “deriva dei continenti”.

Quando ero uno studente negli anni ’50, nessuno con rispetto di sé in geologia ammetteva di credere nella deriva dei continenti, sebbene fosse stato proposto da Alfred Wegner, uno scienziato tedesco negli anni ’20 e ’30, e si basasse molto bene, su prove schiaccianti.

Un esempio mostrato sopra è il fatto che Africa, Sud America, India e Antartide si incastrano come un puzzle. È come se il puzzle fosse stato smontato, quindi è piuttosto suggestivo. In secondo luogo, se guardi i fossili in questi continenti di 300 milioni di anni fa, 400 milioni di anni fa, vanno senza problemi dal Sud America all’Africa o dall’Africa all’India o addirittura all’Antartide. Si trovano fossili degli stessi organismi anche se oggi ci sono migliaia di chilometri di mare che li separano. Ciò suggerisce ancora una volta che queste masse terrestri erano collegate. Tuttavia, nonostante questa prova abbastanza convincente, Wegner fu disprezzato e deriso per tutta la vita. Morì cadendo in un crepaccio in Groenlandia, esplorando e cercando fossili. Una triste fine.

L’argomento decisivo in realtà è arrivato quando gli Stati Uniti hanno finalmente declassificato i dati sull’anomalia magnetica del Nord Atlantico della seconda guerra mondiale su cui eravamo rimasti per 10 anni. I dati hanno mostrato nastri trasportatori speculari di crosta oceanica di nuova formazione, che iniziano dalla dorsale medio-atlantica e si dirigono a sinistra e a destra verso l’America e verso l’Europa. Quindi, non c’era assolutamente alcun dubbio sul fatto che il fondo marino si stesse diffondendo. Questa è l’unica prova che Wegner non aveva, ma aveva molte altre prove che avrebbero dovuto persuadere le persone.

Questo è solo un esempio. Potrei parlarvi di molti altri consensi scientifici che non avevano senso. Questo è interessante perché non aveva un background politico. Era pura scienza, ma illustra la fallibilità degli scienziati e il pensiero di gruppo che va avanti nella scienza. Se vuoi avanzare come giovane geologo potresti scrivere un articolo di disprezzo su Wegner nel 1950 e ottenere subito una promozione, anche se il tuo articolo è completamente sbagliato. E, una volta ottenuto il mandato, ci sei per sempre.

Quindi, il messaggio da portare è che le politiche che rallentano le emissioni di CO2 si basano su modelli al computer difettosi che esagerano il riscaldamento con fattori di due o tre, probabilmente di più. Questo è il messaggio numero uno. Allora, perché rinunciamo alle nostre libertà, perché rinunciamo alle nostre automobili, perché rinunciamo a una bistecca a causa di questo modello che non funziona?

Il messaggio da asporto numero due è che se lo guardi davvero, più CO2 gioverà effettivamente al mondo. Allora, perché demonizziamo questa molecola benefica che fa crescere meglio le piante, che ci regala inverni leggermente meno rigidi, una stagione di crescita leggermente più lunga? Perché è un inquinante? Non è affatto un inquinante e dovremmo avere il coraggio di non fare nulla per le emissioni di CO2. Non c’è bisogno di fare assolutamente nulla.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità