image_pdfimage_print

Di TW – 12 Aprile 2019

Le condizioni meteorologiche estreme hanno contribuito a perdite fino a 161 milioni di sterline per gli agricoltori scozzesi nel 2017 e nel 2018, secondo un nuovo rapporto economico indipendente.

Le perdite rappresentano circa il 6% della produzione agricola totale dell’anno precedente.

Pubblicità

Il colpo più duro si è registrato nel settore zootecnico, che ha subito pesanti perdite a causa di numerose tempeste di neve nel mese di marzo 2018 (Bestia dall’Est) che ha aumentato i costi alimentari durante l’estate.

Gli allevatori di ovini hanno subito le maggiori perdite in quanto la Bestia proveniente dall’Est ha colpito duro durante la stagione degli agnelli, con perdite di 45 milioni di sterline. A ciò hanno fatto seguito grano (£ 34 milioni), carne bovina (£ 28 milioni) e orzo (£ 26 milioni).

L’impatto degli eventi meteorologici sul settore zootecnico è in corso nel 2019 con un numero ridotto di capi di bestiame, un minor numero di pecore riproduttrici e una ridotta produzione di agnelli.

La semina delle colture invernali è stata ritardata nell’autunno 2017, il che ha portato a una ridotta area di impianto. Di conseguenza, i raccolti per le colture chiave hanno avuto un impatto negativo. Le perdite complessive per il settore cerealicolo sono state di £ 62 milioni, equivalenti al 15% della produzione del settore nel 2017.

A livello del Regno Unito, i prezzi all’ingrosso di alcuni prodotti di base come carote, lattuga e cipolle sono aumentati fino all’80%.


Scottish Cattle Numbers 2000 – 2018. Fonte: governo scozzese


Crescita stagionale di erba nel Regno Unito. Fonte: AHDB

Gli agricoltori hanno anche subito danni agli edifici a causa delle forti nevicate e venti tempestosi che hanno sfondato tetti e fatto esplodere le tubazioni causando interruzioni alle forniture dell’acqua.

Oltre alle tendenze a lungo termine che influenzano l’agricoltura scozzese, ad esempio, un calo a lungo termine del numero di animali, è probabile che anche l’incertezza sulla Brexit abbia avuto un impatto sul settore durante questo periodo, tuttavia i dati non sono ancora disponibili per quantificare tale ipotesi.

“Gli estremi dello scorso anno saranno presto la norma, piuttosto che l’eccezione e ciò avrà enormi implicazioni per gli agricoltori e l’ambiente. Ecco perché è così importante che il governo scozzese agisca ora per sostenere il nostro settore agricolo per adattarsi alle sfide future”, ha detto la Dr.ssa Sheila George, responsabile della politica alimentare presso il WWF Scotland.

Il rapporto è stato commissionato dal WWF Scozia e compilato dalla società di consulenza economica Ecosulis.

Credito immagine in evidenza: Ecosulis

Fonte: The Watchers

Pubblicità