image_pdfimage_print

Di Oldbrew – 14 Luglio 2019

Qualunque cosa fosse, avrebbe dovuto essere concordata, deve essere difficile mostrare un consenso del 97% senza dati reali a supporto. Si tratta solo di notizie false?

Il Competitive Enterprise Institute (CEI) ha presentato una petizione alla NASA per rimuovere dal suo sito web l’affermazione secondo il quale il 97% degli scienziati del clima sono concordi nell’affermare che gli esseri umani sono i responsabili del riscaldamento globale, afferma il Global Warming Policy Forum (GWPF).

Pubblicità

La petizione, presentata sotto l’Information Quality Act (IQA), sottolinea i principali difetti negli studi citati dalla NASA a sostegno della sua affermazione.

Mentre la NASA afferma che la rivendicazione del “97%” è supportata da una serie di studi, il CEI sostiene che la rivendicazione ha grossi difetti che sono stati documentati dalla critica. Questi includono:

– Classifica erroneamente gli scienziati che accettano una “no-position” come avallanti del punto di vista secondo cui gli esseri umani sono responsabili dei cambiamenti climatici. 
– Mancato inserimento delle fonti rilevanti senza spiegazioni. 
– Non riuscire a far corrispondere i termini usati come base per uno studio al reclamo effettivamente fatto dalla NASA.

“L’affermazione secondo cui il 97% degli scienziati climatici ritiene che gli esseri umani siano la causa principale del riscaldamento globale è semplicemente falsa”, ha affermato l’avvocato del CEI Devin Watkins.  “Quella cifra è stata creata solo ignorando le opinioni di molti scienziati del clima, comprese quelle di scienziati imparziali. È giunto il momento che la NASA corregga il record e presenti figure imparziali al pubblico.”

Sotto la guida rilasciata dal Office of Management and Budget ad aprile, la NASA ha 120 giorni per rispondere alla richiesta di correzione del CEI e la sua risposta deve includere una “risposta punto per punto a qualsiasi argomento di qualità dei dati” sollevato nella richiesta.

Link alla petizione qui.

Link: Tallbloke WordPress

Pubblicità