image_pdfimage_print

Di Matt Ridley per The Daily Mail – 11 Gennaio 2023

Brutte notizie per i mercanti di sventura! Non è solo la guarigione dello strato di ozono. La verità è che il mondo sta diventando più verde, più pulito, più sano e anche più ricco di fauna selvatica.

Buone notizie per tutti. Lo strato di ozono probabilmente guarirà. E non è tutto: quando i miei (futuri) nipoti cresceranno alla fine degli anni 2050, il mondo potrebbe essere più verde, più sano, più pulito, più gentile, più pacifico e più equo, se lo permettiamo. Perché penso questo, quando gli attivisti del destino ci dicono sempre di andare nel panico per il cambiamento climatico e alcuni giovani sono così pessimisti che si rifiutano di avere figli? Perché questo è ciò che i dati mostrano chiaramente. Molti degli indicatori della salute planetaria e umana stanno andando nella giusta direzione.

Pubblicità

Il nuovo rapporto delle Nazioni Unite sullo strato di ozono è davvero una buona notizia, anche se non nel modo in cui l’ha riportato la maggior parte della stampa. È un po’ fuorviante affermare, come fa l’ONU, che il buco dell’ozono sopra l’Antartide, che si riforma ogni anno, sta “lentamente migliorando”. Dopotutto, il buco nel 2021 è stato uno dei più grandi mai registrati.

Buone notizie, per tutti. Lo strato di ozono probabilmente guarirà. E non è tutto: quando i miei (futuri) nipoti cresceranno alla fine degli anni 2050, il mondo potrebbe essere più verde, più sano, più pulito, più gentile, più pacifico e più equo, se lo permetteremo

Ma l’ottimismo che ora guarirà nei prossimi quattro decenni deriva dal fatto che le sostanze chimiche che danneggiano l’ozono – i clorofluorocarburi (CFC) usati nei frigoriferi e negli aerosol – stanno finalmente diminuendo rapidamente. Non lo è stato fino al 2018, quando gli ambientalisti hanno denunciato la continua produzione illecita di queste sostanze chimiche da parte della Cina, che il governo cinese è stato costretto a reprimere. (Stranamente questo fatto non è stato inserito nel recente comunicato stampa delle Nazioni Unite, presumibilmente per non infastidire il presidente Xi Jinping.)

Progresso

Le Nazioni Unite amano accreditare un accordo internazionale raggiunto a Montreal nel 1987 per le predette buone notizie sull’ozono, ma insegnano anche l’importanza dell’innovazione. Senza nuove sostanze chimiche per sostituire i CFC, sarebbe stato impossibile raggiungere un accordo sulla loro graduale eliminazione. E sono altrettanto convinto che alla fine risolveremo il cambiamento climatico trovando modi convenienti e affidabili per generare energia senza emissioni, non dicendo alle persone di smettere di volare o di riscaldare le loro case. L’innovazione, non l’austerità, è il modo per risolvere i problemi. Nonostante ciò che gli attivisti possono dire, il numero di persone uccise in inondazioni, siccità e tempeste in tutto il mondo continua a diminuire ogni decennio. Ciò è in gran parte dovuto ai progressi nelle risposte ai disastri.

Abbiamo superato il “picco dei terreni agricoli” alcuni anni fa e siamo sulla buona strada per restituire alla natura un’area delle dimensioni dell’India entro il 2050, secondo una ricerca della Rockefeller University. Snoqualmie Falls vicino a Bellevue, Washington è raffigurato sopra Il rallentamento del cambiamento climatico.

Nel frattempo, sembra sempre più possibile grazie a versioni più efficienti e più sicure dell’energia nucleare a breve termine. A lungo termine, sembra probabile che la fusione nucleare soddisfi la domanda nazionale del Regno Unito entro un decennio o tre. Promette energia illimitata da quantità relativamente piccole di acqua e litio. Immagina cosa potremmo ottenere con un’energia illimitata a basso costo: acqua desalinizzata per irrigare il deserto, illuminazione a LED per coltivare cibo in casa senza prodotti chimici, trasporti senza emissioni, alloggi e riscaldamento più economici. Altre buone notizie: anche con otto miliardi di persone sul pianeta, la carestia di massa è stata ampiamente sradicata grazie ai miglioramenti nell’agricoltura. Stiamo nutrendo il mondo sempre meglio, ma da una superficie sempre più piccola ogni anno. Abbiamo superato il “picco dei terreni agricoli” alcuni anni fa e siamo sulla buona strada per restituire alla natura un’area delle dimensioni dell’India entro il 2050, secondo una ricerca della Rockefeller University. Ci sono anche tantissime buone notizie sulla fauna selvatica. Lupi, aquile di mare, castori, lontre, falchi pescatori, falchi pellegrini e nibbi reali ora sono molto più abbondanti di quando ero giovane, in parte perché ci siamo sbarazzati del DDT (una sostanza chimica dannosa negli insetticidi) e in parte perché abbiamo iniziato a conservarli. Le tigri stanno finalmente resistendo in India, i panda si stanno riprendendo in Cina e gli elefanti africani sono attualmente in aumento, mentre il bracconaggio dell’avorio per il mercato cinese è in gran parte cessato (per ora). Anche i trichechi prosperano nell’Artico, motivo per cui iniziano a comparire regolarmente in Gran Bretagna. Così sono gli orsi polari e le megattere. Sei anni fa, ho visitato la Georgia del Sud nell’Oceano Antartico per trovare popolazioni in forte espansione di balene, otarie orsine, elefanti marini, pinguini reali e altri uccelli, tutti portati sull’orlo dell’estinzione locale un secolo fa. Certo, ci sono anche molti preoccupanti cali della fauna selvatica, ma prendiamo atto dei successi che gli ambientalisti stanno ottenendo se non altro per ispirare i giovani ad aiutare.

Lupi, aquile di mare, castori, lontre, falchi pescatori, falchi pellegrini e nibbi reali ora sono molto più abbondanti di quando ero giovane, in parte perché ci siamo sbarazzati del DDT (una sostanza chimica dannosa negli insetticidi) e in parte perché abbiamo iniziato a conservarli

A livello globale, la copertura forestale netta è di nuovo in crescita. Anche paesi come il Bangladesh stanno riforestando velocemente. Solo i paesi più poveri abbattono ancora più alberi di quanti ne rigenerino. I satelliti hanno dimostrato che ogni anno c’è più vegetazione verde sul pianeta. Dagli anni ’80 è stata aggiunta un’area equivalente al doppio degli Stati Uniti. Ciò è dovuto solo in parte al rimboschimento e principalmente perché l’anidride carbonica in più nell’aria fa crescere le piante più velocemente e resiste meglio alla siccità. Questo effetto di fertilizzazione della CO2 è visto più fortemente nelle aree aride come la regione del Sahel in Africa, che è diventata notevolmente più verde. Poi c’è l’estinzione delle specie. Ci sono state due terribili ondate, tra la fine del XIX e la metà del XX secolo, causate principalmente da ratti invasivi, gatti e malattie introdotte accidentalmente da persone che viaggiavano su grandi navi verso isole straniere. Ma negli ultimi anni il ritmo dell’estinzione è rallentato. I conservazionisti hanno imparato come sradicare le specie aliene dalle isole e come proteggere gli uccelli e i mammiferi più rari. Prendi il pettirosso nero delle Isole Chatham al largo della Nuova Zelanda. Nel 1976, la sua popolazione era scesa a sette uccelli su un piccolo isolotto. Sono stati trasferiti su un’isola più grande dove erano stati rimossi i topi e i gatti. Ma nel 1980 due degli uccelli erano morti e nessuno si era riprodotto. Solo una femmina è sopravvissuta, Old Blue. Fortunatamente è stata persuasa a deporre due covate in un anno. Oggi ci sono 300 pettirossi neri, tutti discendenti dagli Old Blue. Simili storie eroiche di conservazione sono sempre più comuni: il condor della California, l’ibis calvo, l’insetto stecco dell’isola di Lord Howe, tutti salvati dall’orlo dell’estinzione. Sono passati più di 150 anni da quando una specie di uccelli nidificanti europei si è estinta (l’ultimo avvistamento registrato di un’alca impenne risale al 1852). Possiamo fare di meglio e far rivivere le specie estinte? Non ancora, ma la tecnologia per raggiungere questo obiettivo si sta avvicinando. Siamo già riusciti a sequenziare i genomi del DNA di molte specie estinte, tra cui l’alca impenne. Abbiamo sviluppato tecniche per modificare questi genomi che potrebbero presto consentire l’impianto di una cellula con il genoma di una specie estinta nelle ovaie di un uccello domestico. Un’oca potrebbe deporre un grande uovo di alca durante la mia vita. Questa non è affatto la fine della buona notizia, che si estende dalla natura all’umanità. In effetti, i miglioramenti nella medicina che ci stanno arrivando sono notevoli. Abbiamo assistito a un cambiamento radicale nella velocità di sviluppo dei vaccini, grazie alla tecnologia dell’RNA messaggero utilizzata nei nostri vaccini Covid.

Innovazione

Anche le cure contro il cancro hanno fatto passi da gigante, sia nei tassi di sopravvivenza che in termini di terapie meno brutali. E il giorno in cui potremo curare o prevenire il morbo di Alzheimer potrebbe non essere lontano dopo i recenti sviluppi. La mortalità per malaria, il flagello dell’Africa, sta diminuendo vertiginosamente grazie alle zanzariere trattate con insetticida. Ovviamente emergeranno nuovi problemi medici, come ci ricorda la pandemia. Ma forse se smettiamo di giocherellare con i virus dei pipistrelli nei laboratori del centro città non è necessario che accada così spesso. Quindi ecco il mio messaggio ai nipoti che spero un giorno di avere. Ignora i profeti di sventura come Greta Thunberg. Entro il 2050 potresti vivere in un mondo più verde, più pulito, meno inquinato e più ricco di fauna selvatica, godendo allo stesso tempo di abbondanti energie per sostenere uno stile di vita confortevole con vaccini e farmaci per prevenire o curare molte delle malattie odierne. Cosa potrebbe impedirlo? La follia umana, questa è la minaccia principale. Che provenga da autocrati bellicosi come Vladimir Putin, fuorviati oppositori dell’innovazione biotecnologica come Greenpeace, o dai molti compiacenti nemici burocratici della crescita, ci sono molte persone che cercano di peggiorare il futuro. Non lasciarli!

Matt Ridley è un ex collega Tory e autore di How Innovation Works.

Fonte : Daily Mail

Pubblicità