image_pdfimage_print

Di Chris Morrison – 11 Novembre 2022

Per anni i promotori della narrativa spuria della “scienza stabilizzata” hanno affermato che esiste un consenso del 97-99% tra gli scienziati sugli esseri umani che causano il cambiamento climatico. L’affermazione è priva di significato poiché non affronta le differenze nell’entità del coinvolgimento umano e quanto si valuta che il riscaldamento sia dannoso. Un sondaggio pubblicato di recente tra scienziati del clima di alto livello ha rilevato che poco più di 5 su 10 attribuiscono il contributo umano ai recenti cambiamenti climatici a un valore del 75% o superiore. Solo circa quattro scienziati su 10 ritenevano che la frequenza e la gravità degli eventi meteorologici gravi fossero aumentate in modo significativo negli ultimi anni.

Il grafico sopra del sondaggio è l’unico modo realistico per valutare il supporto scientifico per il cambiamento climatico antropogenico. È chiaro che non esiste un sostegno del 99% per gli esseri umani che causano tutti o la maggior parte dei cambiamenti climatici. Naturalmente non sorprende che vi sia un notevole supporto per l’ipotesi antropogenica non dimostrata (il 92% credeva che il riscaldamento più recente fosse dovuto all’uomo), poiché la scienza scettica in questo campo generalmente non attrae denaro, prestigio e ambiti accademici. Il professor emerito Richard Lindzen ha recentemente definito “assurda” l’attuale narrativa sul clima. Forse, ha aggiunto, sono stati i trilioni di dollari dirottati verso progetti ecologici e l’implacabile propaganda di accademici dipendenti da sovvenzioni e giornalisti orientati all’agenda che hanno affermato che non era assurdo.

Pubblicità

C’è una grande quantità di denaro che si riversa nel mondo accademico progettato per supportare l’ipotesi del cambiamento climatico antropogenico. L’indubbia speranza è quella di sostenere il “consenso” inventato al 99% sostenuto da commentatori dei media utili e indiscutibili. Ma il nuovo sondaggio mostra che anche dopo 25 anni di incessante propaganda, c’è un ampio dibattito sull’argomento nei circoli scientifici. Nell’ultimo anno, il Daily Skeptic ha tentato di portare parte di questo dibattito a un pubblico più ampio.

L’indagine è stata condotta in settembre e ottobre dalla Fairleigh Dickinson University. Grande cura è stata posta nel raccogliere un campione rappresentativo di scienziati con almeno una laurea in campi quali la meteorologia, la climatologia, la fisica, la geologia e l’idrologia. Quasi tre su cinque (57%) erano membri dell’American Meteorological Society. Molte qualifiche di scienze naturali e sociali sono state escluse dal gruppo. La metodologia completa del sondaggio può essere visualizzata qui.

Gran parte della COP di quest’anno parla di “riparazioni” climatiche con modelli di “attribuzione” che si dice siano in grado di incolpare singoli eventi meteorologici su cambiamenti climatici a lungo termine causati dall’uomo. Questo gioco pseudoscientifico può, a quanto pare, risalire alla metà del 18° secolo, quando James Watt iniziò ad aumentare la potenza dei motori a vapore a risparmio di manodopera. Oltre la metà dei partecipanti al sondaggio (sotto) pensava che il cambiamento climatico globale avrebbe “danno significativo” sulle condizioni di vita per gli esseri umani, ma il resto variava da “lievi danni” a “lievi miglioramenti” e “miglioramenti significativi”.

I lettori abituali ricorderanno che di recente abbiamo dato pubblicità a un articolo di quattro eminenti scienziati italiani che hanno intrapreso un’importante revisione delle tendenze climatiche storiche e hanno concluso che la dichiarazione di “emergenza climatica” non era supportata dai dati. Il post è stato ampiamente distribuito sui social media e ha portato alle solite “verifica dei fatti” sbuffanti e persino alla richiesta di vietare il lavoro. Tuttavia, il sondaggio mostra chiaramente che il dibattito sul peggioramento dei singoli eventi meteorologici a causa dell’attività umana sta imperversando in tutta la scienza.

Questo è un risultato molto interessante. Un numero maggiore di partecipanti al sondaggio ha ritenuto che la frequenza degli eventi meteorologici gravi fosse aumentata solo “leggermente”, rispetto a coloro che hanno scelto “è aumentata in modo significativo”. Nessun cambiamento, nel frattempo, ha ottenuto un voto del 12%. Gli eventi meteorologici gravi sono stati definiti come uragani, siccità estrema, incendi, ecc. Una simile divisione dei voti può essere vista per la recente gravità degli eventi meteorologici avversi. Ovviamente la narrativa dell'”autostrada per l’inferno” alla COP27 non riflette questa scissione scientifica poiché il raduno altamente politicizzato tende fortemente alla fantasia del thermogeddon.

Secondo James Taylor, presidente dello sponsor del sondaggio e del think tank statunitense Heartland Institute, il sondaggio “distrugge la propaganda spesso ripetuta secondo cui il 97% degli scienziati del mondo crede che il cambiamento climatico sia un problema serio che richiede un’azione immediata”. Il meteorologo statunitense Anthony Watts ha affermato che il sondaggio mostra che c’è meno consenso sul cambiamento climatico e una più ampia portata di opinioni divergenti. “I risultati suggeriscono che le soluzioni draconiane come Net Zero spinte dalla sinistra, anche se hanno effettivamente funzionato, sono mirate a un non problema”, ha aggiunto.

H. Sterling Burnett di Heartland era incuriosito dal fatto che il sondaggio mostrasse che scienziati più anziani ed esperti erano più scettici riguardo alle affermazioni sui disastri climatici. “Sembra che anni di indottrinamento siano riusciti a fare il lavaggio del cervello a scienziati del clima più giovani e meno esperti facendogli credere ai dati contrari, che gli esseri umani stanno causando una catastrofe climatica”, ha concluso.

Chris Morrison è il redattore dell’ambiente del Daily Skeptic.

Pubblicità