2 luglio 2018 - 19:35 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di John O’Sullivan – 2 luglio 2018

Gli scienziati hanno trovato una correlazione tra minimi solari storici, attività vulcanica, macchie solari e cambiamenti climatici.

Ma ampliando ulteriormente il concetto, sembra che gli impatti cosmici potrebbero scatenare l’attività sismica causando terremoti ed eruzioni vulcaniche.

John L Casey ed i suoi colleghi autori esaminano la storia dei terremoti durante i minimi solari in “Upheaval!: Perché terremoti catastrofici presto colpiranno gli Stati Uniti” (Casey, Choi, Tsunoda & Humlum (gennaio 2017).

“Gli autori presentano un valido argomento per il quale si innescano questi forti terremoti“

L’attività vulcanica può essere attribuita all’aumento dei raggi cosmici galattici che penetrano in profondità nei vulcani ricchi di silice. Diversi studi hanno mostrato questa correlazione insieme a prove storiche.

È possibile che gli aumenti dei terremoti siano collegati all’aumento dei buchi coronali che aumentano durante i minimi solari. Ben Davidson ha svolto delle ricerche eccellenti su questo argomento e ora prevede con precisione i terremoti sulla base di questo e di molti altri fattori.

Dai un’occhiata a: http://quakewatch.net/

Secondo un altro studio, “Le eruzioni vulcaniche esplosive innescate dai raggi cosmici: Vulcano come una camera a bolle”, gli scienziati Toshikazu Ebisuzaki et al scoprono che nel 1991 l’eruzione del Monte Pinatubo potrebbe essere stata innescata da un aumento dei raggi cosmici. Hanno esaminato i tempi di 11 eventi eruttivi che hanno prodotto magma ricco di silice di quattro vulcani in Giappone e hanno trovato:

“Nove degli 11 eventi si sono verificati durante le fasi inattive dell’attività solare magnetica (minimo solare), che è ben indicizzata dal numero di macchie solari di gruppo. Questa forte associazione tra i tempi di eruzione e il minimo solare è statisticamente significativa per un livello di confidenza del 96,7%. Questa relazione non è osservata per le eruzioni da vulcani con magma relativamente povero di silice, come Izu-Ohshima. È risaputo che il flusso dei raggi cosmici è negativamente correlato all’attività magnetica solare, poiché il forte campo magnetico nel vento solare respinge le particelle cariche come i raggi cosmici galattici che provengono dall’esterno del sistema solare.”

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1342937X10001966

Arthur Viterito, professore di Geografia del College of Southern Maryland, è uno dei protagonisti nell’attribuire agli effetti geotermici un’influenza sui cambiamenti climatici. È anche aperto all’idea che anche gli impatti cosmici alterano il nostro clima.

https://www.heartland.org/multimedia/podcasts/arthur-viterito-other-factors-that-impact-global-temperatures

I fattori cosmici precedentemente ignorati oltre il nostro pianeta vengono ora presi seriamente in considerazione nella più ampia comunità scientifica. Tra queste idee c’è il lavoro di Henrik Svensmark, che teorizza i raggi cosmici sulla copertura globale nuvolosa, incide sui cambiamenti climatici. Un esperimento al CERN, il laboratorio europeo di fisica delle alte energie vicino a Ginevra, in Svizzera, ha confermato questa teoria della formazione di nuvole con l’aumento dei raggi cosmici.

Un interessante video su Youtube del Progetto Oppenheimer Ranch esplora la connessione sismica con i cicli solari.

https://www.youtube.com/watch?v=eAhFPbLPBZs

https://www.youtube.com/channel/UC6VhLE7qAeW8NZm6PsXGGrQ

Oppenheimer Ranch Project (ORP) spiega:

“Negli ultimi decenni alcune pubblicazioni di ricerca hanno iniziato ad apparire sulla stampa scientifica che mostrano chiaramente la correlazione tra radiazioni solari cosmiche e eventi geologici distruttivi come terremoti ed eruzioni vulcaniche. Questi documenti di ricerca sono supportati da prove statistiche risalenti a centinaia di anni. Ho esaminato alcuni di questi documenti di ricerca e ho trovato degli eccezionali dati osservati che si spiegano da soli, se dotati della fisica corretta.”

Ma i ricercatori non hanno potuto fornire un’interpretazione corretta a questi dati. La ragione, naturalmente, sono i difetti delle leggi fondamentali della fisica. L’ORP continua:

“Avviato nel 1967, uno studio pubblicato sulla rivista Earth and Planetary Science Letters ha rilevato che l’attività solare svolge un ruolo significativo nell’attivazione dei terremoti. Nel 1998 uno scienziato dell’Osservatorio astronomico di Pechino, dell’Accademia cinese delle scienze, ha trovato una correlazione tra bassa attività solare e terremoti. Un’altra recente ricerca, condotta da The Space and Science Research Center in Florida, negli Stati Uniti, ha mostrato una forte correlazione tra l’attività solare i maggiori terremoti ed eruzioni vulcaniche all’interno degli Stati Uniti continentali e in altre regioni del mondo.”

Lo studio ha esaminato i dati dell’attività vulcanica tra (1650 – 2009) e l’attività sismica (terremoti) tra (1700 – 2009) e quindi i dati registrati sono stati confrontati con il record delle macchie solari (attività solare).

Spiega ORP:

“I risultati di questo studio hanno mostrato una correlazione molto forte tra l’attività solare e i più grandi eventi sismici e vulcanici, negli Stati Uniti continentali e globalmente. La correlazione per l’attività vulcanica era maggiore (superiore all’80%) e per i più grandi terremoti era (il 100% dei 7 più potenti) rispetto ai minimi dell’attività solare.”

Inoltre, la ricerca ha concluso l’esistenza di una forte correlazione tra l’attività vulcanica globale tra le più grandi classi di eruzioni e minima attività solare. Con il verificarsi dell’80,6% di eruzioni vulcaniche globali su larga scala (superiori a VEI 5) durante i minimi di attività solare e con l’87,5% delle eruzioni molto grandi (superiori a VEI 6) durante i principali minimi solari.

ORP inoltre aggiunge:

“L’ultimo articolo che ho letto su questo argomento è intitolato: eruzioni vulcaniche esplosive innescate dai raggi cosmici: Vulcano con camera a bolle. La ricerca è stata condotta da scienziati giapponesi guidati da Toshikazu Ebisuzaki. Hanno studiato la relazione tra l’attività magnetica solare e 11 eruzioni esplosive da vulcani ricchi di silicati in Giappone negli ultimi 306 anni. Hanno scoperto che 9 delle eruzioni si sono verificate durante il minimo solare (fase inattiva dell’attività solare).

Tuttavia, credo che i ricercatori siano abbastanza precisi nell’ipotesi che l’eruzione di quei vulcani sia stata innescata dalla radiazione cosmica, ma il loro modello di come sta avvenendo l’eruzione (il meccanismo dell’eruzione) – ciò che chiamano nucleazione di bolle indotta dai muoni cosmici – impossibile non essere corretto. Il processo che innescherebbe l’eruzione si trova in profondità nella camera del magma, diversi chilometri sotto la superficie, non 10 m all’interno della superficie del vulcano. Per dare credibilità al loro modello, i ricercatori hanno scelto i vulcani di montagna. In altre parole, consideravano solo le eruzioni che si verificavano sopra il livello del mare.

Inoltre, sebbene il documento fornisse dati chiari che mostravano i terremoti più distruttivi degli ultimi tre secoli in Giappone durante il minimo solare, non fu proposto alcun meccanismo fisico per spiegare la correlazione tra questi terremoti – quasi tutti i terremoti profondi – e l’attività magnetica solare. Si prega di iscriversi al nostro canale e condividere la verità con persone che la pensano allo stesso modo.“

https://watchers.news/2015/06/09/cosm… https://curryja.files.wordpress.com/2… https://www.iceagenow.info/wp-content… https://watchers.news/2015/06/09/cosm… http://adsabs.harvard.edu/full/2003ES…https://www.actuaries.asn.au/library/… https://file.scirp.org/Html/5319.html https://www.sott.net/article/343020-T…

Fonte: Principia Scientific International

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(12 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...