image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 26 Settembre 2020

Dal 1850 il campo magnetico terrestre si è indebolito. All’inizio del millennio ha poi iniziato a ridursi in modo esponenziale, di oltre il 10% per decennio: questo calo è estremo e preoccupante. Ecco il perché.

Il campo magnetico terrestre ci protegge dalle radiazioni spaziali. Le nostre protezioni naturali che si indeboliscono sono una pessima notizia per tutta la vita sul nostro pianeta e potrebbero persino portare alla prossima estinzione di massa.

Pubblicità

“Quando il campo magnetico si indebolisce, i poli si spostano”, afferma David Mauriello di ORP e MRN. Negli ultimi 100 anni, più o meno, entrambi i poli, nord e sud, si sono rapidamente diretti verso l’equatore (come mostra il filmato sotto) e il loro ritmo sta sempre più aumentando, avverte Mauriello. Il Polo Sud è ora al largo del continente antartico e si dirige verso l’Indonesia, mentre il Polo Nord si sta spostando attraverso il circolo polare artico verso la Siberia, anch’esso diretto in Indonesia, dove è probabile che si incontreranno nei prossimi decenni, forse intorno al 2050.

Questo “incontro” porterà a una delle due eventualità: 1) si verificherà un ribaltamento completo (ovvero una “inversione” in cui i poli magnetici si scambiano di posto), o 2) si verificherà uno “snap-back” in cui i poli ritorneranno rapidamente ai loro punti di partenza originali.

Tuttavia, non è lo spostamento dei poli a causare il problema principale, anche se è certamente uno dei problemi, continua Mauriello. No, la più grande preoccupazione è la magnetosfera calante che deriva da uno spostamento dei poli.

“Quando il campo magnetico si indebolisce sulla Terra, possono entrare più radiazioni cosmiche”, spiega Mauriello. “Non solo i raggi cosmici, aumenterà l’intero ampio spettro di radiazioni. Avete notato che quest’estate, stare al sole anche solo per pochi minuti è stato infernale?” chiede: “Questo perché siamo nel minimo solare, abbiamo un campo magnetico ridotto e si sentono gli effetti di quella radiazione. E questo, sfortunatamente, aumenterà per il resto della nostra vita, o fino a quando non avrà luogo l’inversione/escursione”.

È stato documentato che le inversioni magnetiche e le escursioni, negli ultimi anni, hanno causato alcune delle più grandi estinzioni di massa del pianeta, incluso l’evento dello Younger Dryas che ha eliminato fino al 65% della megafauna mondiale.

I GLOBICEFALI “PERDUTI” DELLA TASMANIA

Immagini strazianti mostrano le conseguenze del peggior arenamento di massa di globicefali in Australia. Ad oggi, si stima che siano morte quasi 400 balene.

Un globicefalo morto è stato avvistato giovedì al porto di Macquarie a Strahan, nella Tasmania occidentale.
Si stima che circa 380 Globicefali siano morti dopo che il grande gruppo si è arenato vicino alla costa.


Questo potrebbe benissimo essere considerato uno dei più grandi eventi di arenamento di massa della storia, ma certamente non è senza precedenti. Esistono dati per molti altri spiaggiamenti negli ultimi tempi, e indovina un po’- si verificano tutti durante i minimi solari.

Nel 1985 circa 450 globicefali si erano arenati ad Auckland, in Nuova Zelanda. Nel 1996, 320 globicefali si arenarono nella città di Dunsborough, in WA. Inoltre, lo spiaggiamento di questa settimana è anche il primo a coinvolgere più di 50 balene in Tasmania dal 2009. E poi, nel 2017, l’incredibile numero di 600 globicefali vennero portate a riva nell’Isola del Sud della Nuova Zelanda, ne morirono più di 350.

Quindi, questi avvenimenti del 1985, 1996, 2009, 2017 e ora 2020 – queste date non sono casuali: tutti questi anni rientrano nei periodi di minimi solari “quando la massima radiazione cosmica aumenta nel pianeta, e si ha la diminuzione del campo magnetico – avviene una sorta di confusione per gli animali”, sottolinea Mauriello.

Grafico dei due cicli solari più recenti, più una previsione di consenso per il ciclo 25.


“Questi sono eventi prevedibili basati sulla magnetosfera calante e sul crollo del nostro sole che avvengono simultaneamente”, dice Mauriello. “Questi eventi continueranno forse per un altro anno più o meno e poi quando arriveremo al minimo solare del ciclo 25 possiamo aspettarci che si verifichino nel 2031, 2032, 2033”.

Spiaggiamento di massa di globicefali sulla costa di Cape Cod nel 1902 (minimo solare del ciclo 13).


Mauriello conclude con questo severo avvertimento: “L’escursione o inversione magnetica continuerà poiché anche il sole entra nei grandi minimi – questi due eventi che accadono contemporaneamente, secondo me, non sono casuali ma in realtà accentueranno la corsa verso la prossima era glaciale.

“Sulla base di tutti i dati proxy, nei prossimi più o meno 1.400 anni, saremo nella massima glaciazione. Molti scienziati si sono chiesti che cosa accade per dare il via a tutto questo. Bene, lo stai osservando”, conclude Diamond:” i poli si stanno muovendo rapidamente, poiché lo scudo terrestre si sta indebolendo e stiamo entrando in un periodo di grandi minimi”.

Cicli su cicli si stanno allineando (400 anni di ciclo Grand Solar Minimum/12.000 cicli di escursione magnetica – per citarne solo due). Sembra che tu ed io stiamo vivendo l’inizio della prossima Catastrofe Cosmica qui sulla Terra.

Preparati di conseguenza : impara i fatti, trasferisciti se necessario e fai crescere il tuo sapere.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità