image_pdfimage_print

Di Anthony Watts – 30 Luglio 2019

Una revisione dei dati climatici all’avanguardia racconta una storia diversa rispetto a ciò che NOAA rende noto al pubblico.

Mentre i media urlano “più caldo di sempre” per il pianeta a giugno e luglio (è estate) e i crociati climatici opportunistici usano questi titoli per spingere l’idea di una “crisi climatica”, la realtà è che per gli Stati Uniti finora gran parte del 2019 è risultato al di sotto della media, dal punto di vista della temperatura.

Pubblicità

Dati poco noti allo stato dell’arte US Climate Reference Network (che non pare entrare mai nei rapporti mensili sullo stato del clima di NOAA) mostrano che negli ultimi nove mesi, sei di loro sono risultati al di sotto della norma, mostrati in grassetto di seguito .

201810-0.18°F
201811-2.56°F
2018122.39°F
2019010.63°F
201902-3.15°F
201903-2.81°F
2019041.55°F
201905-1.13°F
201906-0.14°F

Sopra: tabella 1, anomalia della temperatura media negli Stati Uniti da ottobre 2018 a giugno 2019. File di dati completo qui

Nota: il valore di giugno 2019 risulta sotto la media a -0,14 ° F

I dati, presi direttamente dalla pagina dei dati climatici nazionali del NOAA, mostrano non solo che gran parte del 2019 è risultato al di sotto della media, ma che la media della temperatura degli Stati Uniti è attualmente più fredda nel 2019 rispetto al 2005, quando ha avuto inizio il set di dati.

La US Climate Reference Network (USCRN) è stata istituita per fornire le letture della temperatura più accurate rispetto al vecchio sistema Cooperative Observer Network (COOP) che è condizionato da urbanizzazione, problemi di ubicazione e una moltitudine di modifiche influenti indotte dall’uomo come spostamenti di stazioni, dati incompleti, stazioni chiuse e stazioni con condizioni delle piste negli aeroporti che non sono mai state progettate per comunicare dati climatici.

Fai clic per il rapporto

I miei lettori conoscono il mio lavoro che evidenzia questi problemi e, di conseguenza, c’è stato un rapporto del GAO nel 2011 sui problemi con la vecchia rete COOP. Hanno studiato un sottoinsieme della più grande rete COOP (The USHCN) affermando:

Secondo l’indagine di GAO sugli uffici delle previsioni del tempo, nel 2010 circa il 42% delle stazioni attive non ha soddisfatto uno o più standard di ubicazione. Per quanto riguarda i requisiti di gestione, GAO ha riscontrato che gli uffici delle previsioni meteorologiche avevano generalmente, ma non sempre, soddisfatto i requisiti per condurre ispezioni annuali delle stazioni e aggiornare i registri delle stazioni. I funzionari NOAA hanno dichiarato a GAO che è importante visitare le stazioni una volta all’anno e tenere aggiornati i registri, comprese le condizioni di ubicazione, in modo che NOAA e altri utenti dei dati conoscano le condizioni in cui sono stati registrati. I funzionari del NOAA hanno identificato una serie di sfide che contribuiscono ad alcune stazioni che non aderiscono agli standard di ubicazione e ai requisiti di gestione, compreso l’uso di apparecchiature di misurazione della temperatura collegate tramite un cavo a un dispositivo di lettura interno, che possono richiedere l’installazione di apparecchiature più vicine agli edifici di quanto specificato negli standard di ubicazione.

NOAA non traccia centralmente se le stazioni USHCN aderiscono agli standard di ubicazione e ai requisiti di aggiornamento dei registri delle stazioni, e non ha una politica a livello di agenzia per quanto riguarda le stazioni che non soddisfano i suoi standard di ubicazione. Le linee guida per la gestione delle prestazioni richiedono l’utilizzo delle informazioni sulle prestazioni per valutare i risultati del programma. I sistemi informativi di NOAA, tuttavia, non sono progettati per tracciare centralmente se le stazioni nell’USHCN soddisfano i suoi standard di ubicazione o l’obbligo di aggiornare i registri delle stazioni. Senza informazioni disponibili a livello centrale, NOAA non può facilmente misurare le prestazioni di USHCN nel soddisfare gli standard di ubicazione e i requisiti di gestione.Fonte: GAO-11-800 31 agosto 2011, monitoraggio del clima: NOAA può migliorare la gestione della rete storica di climatologia degli Stati Uniti.

https://www.gao.gov/highlights/d11800high.pdf

La risposta di NOAA? Invece di risolverlo, nel 2012 hanno chiuso segnalando il sottoinsieme USHCN delle stazioni COOP. Ora lo dicono sulla loro pagina dei dati climatici:

Gli aggiornamenti mensili sulla temperatura dell’USHCN sono stati interrotti. Il record ufficiale della temperatura CONUS è ora basato su nClimDiv. I dati USHCN per gennaio 1895 e agosto 2014 rimarranno disponibili per il confronto storico.Fonte: https://www.ncdc.noaa.gov/temp-and-precip/national-temperature-index/time-series?datasets%5B%5D=uscrn&datasets%5B%5D=cmbushcn&parameter=anom-tavg&time_scale=p12&begy 2004 & endyear = 2019 & mese = 12

Tuttavia, mentre USHCN è stato chiuso e i suoi dati non sono più riportati nei rapporti climatici mensili e annuali NOAA, i problemi identificati in USHCN persistono nella più ampia rete COOP, di cui rimangono diverse migliaia di stazioni:

Distribuzione delle stazioni US Cooperative Observer Network nel CONUS. I siti US HCN nella versione 2 sono indicati come triangoli rossi. Fonte: https://www.ncdc.noaa.gov/ushcn/introduction

Tutto ciò che NOAA ha fatto è stato trattare i sintomi visibili che abbiamo identificato (eliminandoli), lasciando incustodita la malattia più grande e continuando a utilizzare la maggior parte dei dati in essa contenuti, dati con lo stesso tipo di problemi e disomogeneità scoperti nel sottoinsieme USHCN. L’USHCN aveva 1218 stazioni su oltre 8700 stazioni COOP e che i dati rimanenti sono utilizzati per calcolare il set di dati di divisione climatica degli Stati Uniti utilizzato per riportare oggi le medie “ufficiali” della temperatura. Fondamentalmente tutto ciò che hanno fatto è stato spazzare il problema sotto il tappeto e riferire che hanno algoritmi per “correggere” i dati errati.

In qualsiasi altra branca della scienza, nel mercato azionario o nella medicina legale, i dati “cattivi” verrebbero respinti come inaffidabili.

Nel frattempo, i dati perfettamente validi vengono ignorati a favore di dati errati “corretti”. NOAA dice questo sulla nuova rete all’avanguardia della rete di riferimento climatico:

La visione del programma USCRN è quella di mantenere una rete sostenibile di osservazione climatica di alta qualità che tra 50 anni può con la massima sicurezza rispondere alla domanda: come è cambiato il clima della nazione negli ultimi 50 anni?

Queste stazioni sono state progettate pensando alla scienza del clima. Vengono eseguite tre misurazioni indipendenti di temperatura e precipitazione per ogni stazione, assicurando la continuità della registrazione e il mantenimento di osservazioni ben calibrate e altamente accurate. Le stazioni sono collocate in ambienti incontaminati che dovrebbero essere privi di sviluppo per molti decenni. Fonte:   https://www.ncdc.noaa.gov/data-access/land-based-station-data/land-based-datasets/us-climate-reference-network-uscrn

I dati provenienti dal resto del mondo, come riportato dalla Global Historical Climatology Network di NOAA, sono in gran parte composti dallo stesso tipo di stazioni, con un insieme di problemi relativi ai dati pari o addirittura maggiore (a causa della mancanza di un controllo di qualità coerente).

Sfortunatamente, NOAA non sembra pensare che i dati di questa rete di riferimento sul clima statunitense all’avanguardia valgano la pena rendere noti al pubblico. Una scansione degli ultimi 5 anni di relazioni annuali e mensili sullo “stato del clima” non fa una sola menzione di questi dati di alta qualità, preferendo invece citare i dati della vecchia rete COOP, ora confezionati come set di dati del dipartimento del clima statunitense.

Infatti, per il Rapporto sullo stato del clima di giugno 2019, NOAA afferma che gli Stati Uniti erano 0,2F sopra la media a giugno, quando in realtà la rete di riferimento climatica statunitense ha riportato i dati di giugno come sotto la media a -0,14 ° F

La temperatura contigua negli Stati Uniti di giugno era di 68,7 ° F, 0,2 ° F al di sopra della media del 20 ° secolo, classificandosi nel terzo medio del record di 125 anni. Fonte:  https://www.ncdc.noaa.gov/sotc/national/201906

Quindi qual è la temperatura corretta negli Stati Uniti per giugno?

Nel maggio 2019, c’era anche una disparità. USCRN ha riportato la temperatura media nazionale come sotto la media a -1.13 ° F

Mentre il rapporto “ufficiale” sul clima del NOAA affermava che era di solo la metà, leggendo più caldo di 0,43 ° F:

Per maggio, la temperatura media contigua negli Stati Uniti era di 59,5 ° F, 0,7 ° F al di sotto della media del 20 ° secolo e si è classificata al terzo posto più basso del record di 125 anni. Fonte: https://www.ncdc.noaa.gov/sotc/national/201905

Sembra che NOAA non possa nemmeno essere d’accordo sul riferire quale sia la temperatura effettiva degli Stati Uniti su base mensile, usando i propri dati vecchi e inaffidabili, trascurando di comunicare i migliori dati che hanno. Perché?

È una parodia dell’incompetenza del governo che vale la pena indagare.

Ci si chiede se questo mese potrebbero esistere titoli urlanti sul “più caldo di sempre” se il mondo avesse una versione globale della Rete di riferimento sul clima degli Stati Uniti in cui i dati erano controllati dalla qualità e le misurazioni prese lontano dal calore dell’urbanizzazione indotto dall’uomo.

Fonte: WUWT

Pubblicità