image_pdfimage_print

Di Dave Ball – 27 Novembre 2019

Attenzione al riscaldamento globale! Non perché consumerà il nostro pianeta nel fuoco, ma piuttosto perché è un cavallo di Troia che nasconde una minaccia molto più reale, una minaccia che consumerà la nostra economia, la nostra democrazia e il nostro modo di vivere.

Da quando il grafico della temperatura del “bastone da hockey” di Michael Mann è stato scrupolosamente screditato e da quando un decennio fa Climategate ha superato i dati climatici falsi su scala istituzionale, l’esistenza dell’attuale riscaldamento globale è stata resa nulla. Lo stesso vale per l’impatto della CO2 sul clima. Nessun esperimento può confermare il suo impatto, i modelli non possono prevederne l’influenza e i dati collaterali (livello del mare, popolazioni di animali, ecc.) Non confermano una correlazione.

Pubblicità

La conclusione deve essere che i cambiamenti climatici causati dall’uomo e la necessità di eliminare le emissioni di carbonio per evitare i cambiamenti climatici semplicemente non esistono. Nessuna narrativa si basa su una scienza oggettiva. È una bufala enorme e forse il lavoro più grande della storia. Sono presenti tutti gli elementi classici di una truffa; la vittima (principalmente liberali e altri segnalatori di virtù), il gioco (appello alle questioni ambientali), la corda (fondamento emotivo e persuasione – il mondo sta per finire), il convincente (il modo in cui funzionerà a tuo vantaggio – elimina il carbonio e tutto andrà bene) e così via. Il payoff penzolante sta salvando il mondo. Come in tutti i lavori di truffa, l’artista della truffa ottiene ciò che vuole e il segno non ottiene nulla.

Come tutti i contro, questo sembra buono per i rubes. Chi non vuole salvare il mondo e respirare aria pulita? Il problema di base, anche se il meccanismo di base per eliminare la CO2 per fermare l’aumento delle temperature fosse reale, è che non raggiungerebbe ciò che i suoi aderenti pensano possa essere. Diamo un’occhiata ad alcuni fatti.

E se potessimo ridurre le emissioni di CO2? Gli Stati Uniti producono solo il 15 percento delle emissioni di carbonio nel mondo. Il resto non abbiamo alcun controllo. Ciò lascia l’85 percento delle emissioni in atto dopo aver speso trilioni di dollari.

La maggior parte, se non tutte, delle grandi proposte di riduzione delle emissioni di carbonio attraverso la riduzione di CO2 sono semplicemente impossibili, impraticabili o inefficaci. L’eliminazione delle centrali elettriche a carbone negli Stati Uniti è solo un esempio. Il costo della chiusura dell’industria carboniera americana con conseguente perdita di posti di lavoro e attività a valle sarebbe astronomico. Che impatto avrebbe a livello globale? Il 73% dell’elettricità dell’India è generata da centrali elettriche a carbone. L’India non ha in programma di ridurre la sua produzione e il consumo di carbone. Coal India Ltd. produrrà 660 milioni di tonnellate di carbone il prossimo anno, aumentando a un miliardo di tonnellate entro il 2022-2023.

In altre parole, se gli Stati Uniti avessero distrutto la loro economia ed eliminato tutta la produzione di elettricità alimentata a carbone, qualunque riduzione di CO2 che potrebbe essere netta sarebbe compensata dall’aumento del consumo di carbone da parte dell’India. La Chinese Belt and Road Initiative, il più grande progetto di ingegneria civile al mondo, includerà 700 nuove centrali elettriche a carbone. Quando saranno tutte in funzione, questi impianti potrebbero consumare incredibilmente 1,8 miliardi di tonnellate di carbone all’anno. Allora perché gli Stati Uniti e il Regno Unito stanno rischiando la catastrofe nelle loro economie quando tutto ciò che eliminano sarà più che sostituito altrove?

Questo, quindi, ci porta al pezzo finale del conflitto sul riscaldamento globale – quale ruolo svolgono il Green New Deal e i relativi programmi di decarbonizzazione?

I componenti del GND sono sbalorditivi in ​​termini di grandezza, costo e audacia. Includono proposte “modeste” come la chiusura dell’intera industria carboniera, petrolifera e del gas naturale, che richiede la ricostruzione e la reisolazione di tutti gli alloggi e gli edifici, l’eliminazione di tutte le auto e i camion a benzina, costringendo le popolazioni a trasferirsi nelle aree urbane, controllando la popolazione mediante l’aborto.

La realtà di molte varianti del New Deal verde e di tutte le altre proposte assolutamente assurde è che non sono nemmeno destinate ad affrontare questioni ambientali. Nota quanto spesso vedi la parola “giustizia” associata a certe proposte. Giustizia sociale, giustizia ambientale, giustizia economica e giustizia razziale per citarne alcuni. Queste sono parole in codice che portano alla teologia socialista del governo mondiale unico e all’economia redistributiva. L’idea, in breve, è di trasferire enormi somme di denaro e altre risorse dai paesi del primo mondo in Occidente al terzo mondo e ai paesi in via di sviluppo. Siate certi che una parte significativa si farà strada nelle tasche dei ciarlatani che promuovono questa truffa attraverso il soffocamento del fabbisogno energetico delle nazioni industrializzate e il trasferimento di quella ricchezza nelle nazioni in via di sviluppo. Ciò è fatto dalla redistribuzione socialista in nome del nebuloso concetto di sviluppo sostenibile.

Era ed è necessario creare la “crisi esistenziale” del riscaldamento globale per spaventare le moltitudini nel seguire ciecamente le élite socialiste lungo il percorso della distruzione economica verso la governance globale.

Solo nel recente ciclo di isteria sono stati introdotti i concetti di ridistribuzione marxista e l’intero concetto di preoccupazione ambientale è stato ripreso da un’agenda politica.

Se si vuole esaminare attentamente il GND, si parla di cinque obiettivi e tre di essi sono focalizzati esclusivamente su un qualche tipo di “giustizia” sociale o economica piuttosto che su un risultato ambientale. I due obiettivi ambientali utilizzano il linguaggio citato dalla letteratura delle Nazioni Unite. Gran parte dell’attuale virulenta tendenza marxista del GND è direttamente correlata al Vertice della Terra delle Nazioni Unite del 1992 da cui è nata la famigerata Agenda 21 che ha promesso “di cambiare il modo in cui le persone vivono, mangiano, imparano e comunicano, tutto in nome del salvataggio della terra dagli errori dell’umanità, in particolare dal riscaldamento globale.” Quindi, legando tutto ciò che abbiamo detto insieme vediamo cosa abbiamo.

  • Non esiste un modello dimostrabile o dimostrabile di variazione netta della temperatura nel corso di un millennio, quindi non si può dire che ci troviamo di fronte a un catastrofico riscaldamento o raffreddamento globale.
  • Sebbene la CO2 possa avere un certo impatto sulla temperatura globale, la sua influenza esatta non è nota e non può essere modellata con precisione. In ogni caso, la CO2 non è il solo o dominante motore della temperatura globale, quindi il controllo della CO2, se potesse essere fatto, avrebbe un impatto prevedibile sulla temperatura.
  • Non esiste un modello predittivo accurato della temperatura globale perché il sistema è troppo complesso e troppe variabili sono sconosciute o le loro influenze e relazioni non sono comprese.
  • Se spendere migliaia di miliardi di dollari per ridurre la CO2 in questo paese effettivamente riducesse la produzione di CO2, tale riduzione sarebbe compensata molte volte dagli aumenti di paesi in via di sviluppo come la Cina e l’India che hanno tutte le intenzioni di aumentare drasticamente la loro produzione di CO2.
  • Calcoli tecnici affidabili dimostrano in modo molto convincente che la possibilità di sostituire le fonti di energia al carbonio con energia rinnovabile è esattamente zero.
  • L’attuale narrativa sul riscaldamento globale è stata dirottata dagli estremisti marxisti del One World Order per spingere la loro rivoluzione per distruggere le nazioni industrializzate e per ridistribuire la ricchezza nelle nazioni in via di sviluppo e creare un governo mondiale.

Nel contesto sopra, possiamo vedere molto più chiaramente che le potenti forze delle forze marxiste stanno usando la costruzione di una crisi climatica manifesta, un linguaggio ambientale populista e la paura pubblica per perseguire la loro agenda politica che è quella di distruggere il mondo occidentale e creare un mondo di ordine unico, il nirvana di un marxista, dove un gruppo di élite gestisce il mondo. Questo è il contro.

Credito grafico: Pixabay

Dave Ball è autore di commenti politici conservatori, ospite di talk show politici, funzionario eletto e funzionario del partito di contea.

Fonte: American Thinker

Pubblicità