image_pdfimage_print

Di Robert Felix- 14 Luglio 2019

“Quattro membri di un gruppo bipartisan di esperti di scienze del clima hanno ammesso tutti che gli esseri umani NON sono responsabili” – Citazione di un comunicato stampa rilasciato dal membro del Congresso Mo Brooks in Alabama. 
(Gli “esperti di scienze del clima” sopra menzionati sono degli esperti, vedi le loro qualifiche qui sotto, vedi anche il video qui sotto). 

11 luglio 2019 
Comunicato stampa

Pubblicità

Washington, DC – Giovedì, in un’audizione del Comitato di Scienza, Spazio e Tecnologia sul cambiamento climatico, interrogati dal deputato Mo Brooks (AL-05), quattro membri di un gruppo bipartisan di esperti di scienze del clima hanno ammesso che gli umani NON sono responsabili del riscaldamento globale sulla Terra che si è verificato negli ultimi 20.000 anni (dall’ultimo massimo glaciale della Terra).

A titolo informativo, durante l’ultimo massimo glaciale di circa 20.000 anni fa:

  • Le temperature medie globali erano di circa 11 gradi Fahrenheit più basse di oggi (secondo l’Università di Scienze Applicate di Zurigo).  Detto in altri termini, le temperature globali sono aumentate, in media, di circa 0,5 gradi Fahrenheit per secolo negli ultimi 20.000 anni.
  • I livelli del mare erano di circa 410 piedi INFERIORI 20.000 anni fa di quanto lo siano oggi (secondo il United States Geological Survey). Detto in altro modo, il livello del mare è aumentato, in media, di circa due piedi al secolo negli ultimi 20.000 anni (all’incirca il doppio di quanto dichiarato dai sostenitori del riscaldamento globale sul tasso medio di aumento del livello del mare di un piede al secolo dal 1993).
  • Quasi tutto il Canada, il Nord Europa e l’America (a nord dei fiumi Missouri e Ohio, a est di New York) erano sotto il ghiaccio glaciale e quindi inabitabile.

L’essenza delle opinioni degli esperti è che la Terra era troppo poco popolata dagli esseri umani per rendere l’umanità responsabile del riscaldamento globale sulla Terra iniziato 20.000 anni fa. 
____________

Testimoni del pannello di risposte:

Dr. Robin E. Bell, Professore di Ricerca Lamont, Osservatorio della Terra Lamont-Doherty, Columbia University.

Dr. Twila A. Moon, Ricercatore Scientifico, Istituto nazionale per la ricerca nelle scienze ambientali del National Data and Snow Data Center (NSIDC).

Dr. Gabriel J. Wolkon, ricercatore scientifico e dirigente, Programma per i rischi climatici e della criosfera, Divisione di indagini geologiche e geofisiche, Dipartimento delle risorse naturali dell’Alaska.

Dr. W. Tad Pfeffer, Fellow, Institute of Arctic and Alpine Research, Università del Colorado Boulder.

Ecco un video delle domande del Congressman Brook. Puoi anche vedere il video QUI

_____________

Segue la trascrizione completa delle domande del membro del Congresso Brooks:

Brooks: Grazie signora Presidente. Qualcuno del gruppo non ha familiarità con l’ultimo massimo glaciale della Terra iniziato circa 20.000 anni fa? Va bene, tutti lo sono, bene. Per quelli del pubblico che non lo sono, a titolo di informazione, durante l’ultimo massimo glaciale, l’Europa del Nord era sotto il ghiaccio, circa il 90% del Canada e quasi tutti gli Stati Uniti continentali a nord dei fiumi Missouri e Ohio e ad est di New York City erano sotto il ghiaccio. Secondo il United States Geological Survey, durante l’ultimo massimo glaciale – ancora 20.000 anni fa – i livelli del mare erano circa 410 piedi più bassi di oggi. Detto in altro modo, per 20.000 anni i livelli del mare sono aumentati, in media, di due piedi al secolo, rispetto a un tasso di aumento di circa un piede per secolo dal 1993 che si riflette nella testimonianza scritta dal Dr. Alley. Infine, secondo la University of Applied Science di Zurigo, la temperatura media della Terra 20.000 anni fa era di 48 gradi Fahrenheit contro i 59 gradi Fahrenheit di oggi. Questo significa un aumento di 11 gradi Fahrenheit nella media della temperatura globale negli ultimi 20.000 anni. Quindi, la mia domanda a ciascuno di voi è – e ricominceremo da qui con il Dr. Pfeffer passando dalla mia destra a sinistra – gli esseri umani hanno causato il riscaldamento globale che è iniziato 20.000 anni fa e continua oggi? Oppure, se non lo hanno causato, cosa l’ha causato?

Pfeffer: Gli esempi di 20.000 anni fa che il signor Brooks ci ha dato sono esempi eccellenti del tipo di variabilità naturale che la Terra sperimenta.  Non c’è dubbio che in passato ci sono stati cambiamenti di temperatura, e l’innalzamento del livello del mare, le condizioni meteorologiche e il clima generalmente drammatico o più drammatico di quello che si potrebbe realizzare in futuro, naturalmente, non sono stati causati 20.000 anni fa o l’ultimo milione di anni. Tutti questi eventi variabili si sono verificati in tutta la storia moderna della Terra.

Brooks: Beh, la mia prima domanda era, secondo lei, gli esseri umani hanno causato il riscaldamento globale iniziato 20.000 anni fa durante l’ultimo massimo glaciale?

Pfeffer: No. No. Assolutamente no. È un esempio di variabilità naturale spontanea – uno dei molti modi in cui questo intero sistema – se lo si guarda in termini di innalzamento del livello del mare, temperatura, tempeste – è variato.

Brooks: Hai familiarità con la frase: palla di neve della Terra o palla slush della Terra? Circa 600 milioni di anni fa, quando eravamo quasi interamente ghiacciati …

Pfeffer: variazione interamente naturale.

Brooks: il Paleocene e l’Eocene, massimo termico di circa 55-56 milioni di anni fa, quando la temperatura media era di circa 73 gradi Fahrenheit è 14 gradi più calda di quella che stiamo vivendo ora? Gli esseri umani hanno causato il riscaldamento globale iniziato 20.000 anni fa?

Wolkon: No, assolutamente no. Quello è stato un prodotto della variabilità naturale nel sistema climatico.

Brooks: Dr. Moon?

Moon: Gli esseri umani non erano in numero totale come lo siamo oggi, quindi non eravamo certo disposti a bruciare combustibili fossili al ritmo con cui oggi stiamo emettendo emissioni nell’atmosfera. Puoi considerare, abbiamo costruito l’America negli ultimi 243 anni e stiamo cambiando a un ritmo molto più rapido.

Brooks: Quindi, concorda anche sul fatto che il riscaldamento globale che si è verificato negli ultimi 20.000 anni ad un aumento della temperatura di 11 gradi Fahrenheit, non è stato causato dall’uomo, almeno, quando è iniziato 20.000 anni fa?

Moon: Sarei d’accordo sul fatto che quando iniziò 20.000 anni fa stavamo uscendo dall’ultimo glaciale che non fu causato dagli essere umani. Il riscaldamento degli ultimi 100 anni, sicuramente lo è stato.

Brooks: Per curiosità, perché o come si spiega che la media del livello del mare degli ultimi 20.000 anni è stata di 2 piedi al secolo, eppure ora siamo a 1 piede al secolo?

Moon: Gran parte del nostro innalzamento del livello del mare di cui parli è arrivato prima in 20.000 anni.

Brooks: oltre sei o settemila anni.

Moon: in questi ultimi 10.000 anni siamo rimasti con livelli stabili del mare e quei livelli stabili del mare ci hanno permesso di svilupparci sulle coste del pianeta.

Brooks: Okay, grazie Dr. Moon. E mi restano solo 30 secondi per il Dr. Bell.  Dr. Bell, secondo il vostro giudizio, 20.000 anni fa quando iniziò il riscaldamento fu causato dagli esseri umani?

Bell: A mio giudizio, la variazione che stavamo vedendo 20.000 anni fa faceva parte dei cambiamenti climatici naturali del pianeta: ogni circa 100.000 anni, avviene il glaciale e l’interglaciale. Quando ho iniziato la scuola di specializzazione, ci aspettavamo di entrare nel prossimo periodo glaciale, tranne che come esseri umani negli ultimi 100 anni – e puoi vedere il pick-up da quando abbiamo inventato il motore – puoi vedere la temperatura che si muove verso l’alto.

Brooks: Va bene, sono fuori tempo. Signora Presidente, apprezzo la vostra indulgenza. Vorrei solo avere il tempo sufficiente per capire veramente quale sia la causa del riscaldamento globale iniziato 20.000 anni fa, se non fosse stato per gli esseri umani. Grazie.

Presidente Johnson: mi scusi. Vada pure avanti, dottore.

Pfeffer: Volevo solo rispondere un po’ alla tua domanda. I cambiamenti nel passato, ci sono due differenze significative tra quegli eventi e gli eventi di oggi. Uno di questi è che sono stati innescati da variazioni naturali, non dall’agire umano. Lascia che ti dia solo un’analogia della tua casa: la tua casa potrebbe bruciare – e potrebbe bruciare per ragioni del tutto naturali, potrebbe essere colpita da un fulmine – ma potrebbe anche bruciare se sei incurante e lasci cadere una sigaretta nella fessura del divano. Entrambi sono trigger che portano a bruciare la tua casa. La presenza di uno di loro in realtà non dice molto sull’altro, tranne che entrambi portano allo stesso punto finale. L’altra cosa è che mentre ci sono stati questi cambiamenti di temperatura molto drammatici e aumenti del livello del mare nel passato, che erano del tutto naturali, non eravamo lì per affrontarli. Il problema qui è con le persone. Come rispondiamo a un cambiamento ambientale? La terra si prenderà cura di se stessa, non gli importa davvero cosa succede. È quello che fanno le persone. E se fosse successo, sai, tanto tempo fa, quando la popolazione sulla Terra era di poche centinaia di milioni, probabilmente non avrebbe avuto importanza perché avremmo potuto semplicemente toglierci di mezzo. Ma come è oggi, con il numero di persone che abbiamo e l’infrastruttura, siamo molto sensibili ai cambiamenti di questo tipo. Non gestiamo il cambiamento molto bene. Per esempio, supponiamo che le condizioni per coltivare i raccolti che esistono oggi in California, raccolti e trasferiti nel Nord Dakota per un paio di centinaia di anni, sono variazioni del genere nel passato geologico abbastanza recente che si è verificato. Come ci comportiamo con loro? È un mondo completamente diverso da quello che non eravamo qui per sperimentare, ma sappiamo circa 20.000 anni fa. Siamo molto più sensibili. Non affrontiamo bene il cambiamento e per affrontarlo dobbiamo conoscerne molto.

Brooks: Dr. Pfeffer, grazie per l’ulteriore intuizione.

Morris Jackson ” Mo ” Brooks Jr. (nato il 29 aprile 1954) è il rappresentante degli Stati Uniti per il quinto distretto del Congresso in Alabama.

Fonte: ICE AGE NOW

Pubblicità