20 maggio 2017 - 12:00 pm Pubblicato da
Di Enzo Ragusa
Sono 700 le giga tonnellate accumulate da inizio stagione in Groenlandia, misura che ora ha superato anche la massima deviazione standard alzata a inizio maggio.
 
Dunque, continua ancora sui massimi assoluti l’accumulo di ghiaccio e neve, da record assoluto se guardiamo alla data di riferimento 1981-2010.
 
Nel frattempo continuano le nevicate in Russia, nella Penisola Scandinava, in Canada, Stati Uniti e chi più ne ha più ne metta, ma siamo solo a metà maggio, (sarcastico 😀 ) mentre migliaia di ettari di terreno coltivato sono andati persi.
 
Ma fortuna che ci stiamo riscaldando, dicono in molti, altrimenti chissà probabilmente saremmo già morti congelati. :/

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(1 voti, media: 1,00 su 5)
Loading...
  • Luca L.

    Penso anch’io sia così, il clima potrebbe reagire cn qualche anno di ritardo rispetto a quando è iniziata la debolezza del sole

    • L’oceano Pacifico ha un ritardo di circa 3 anni, l’Atlantico circa 6.8 anni, l’Indiano circa 10. 🙂

      Ne abbiamo parlato diverse volte!

      Bernardo

  • John

    Mi sembra di comprendere che gli oceani, nei periodi di forte attività solare, hanno agito da enormi accumulatori termici (quali essi sono). Fin’ora hanno compensato il periodo di bassa attività.
    Ora questo accumulo termico inizia a venir meno e di conseguenza la realtà di un clima influenzato dall’attività solare, si manifesta.

    Mi sembrerebbe ridicolo comunque, che la scienza non consideri l’inerzia termica oceanica nei propri calcoli di riscaldamento o raffreddamento globale. Se così fosse, saremmo in piena malafede, stiamo parlando di una quantità di energia considerevole

    • esattamente

    • gianni

      qualsiasi cosa umana ” ufficiale ” e’ falsa , benvenuti nell’ inganno globale

      • Credere che il clima sia modificabile dalle attività umane equivale a credere che correndo tutti insieme da ovest verso est, sia possibile rallentare la rotazione del pianeta. Non c’è differenza!

        Quello cui tu forse fai riferimento, comunque, non è il clima, ma il meteo locale. Sono 2 cose diametralmente opposte!

        B.

      • John

        non esiste in alcun caso, anche nel calcolo fisico più basilare, che si ignori la fonte di energia primaria (sole) e inerzia termica (oceano e non solo). Ci sono eventi passati documentati con pesanti variazioni climatiche, dove l’uomo aveva ben poco impatto.

        Penso che eventuali bugie, siano semplicemente l’intento trasferire il vantaggio economico dai produttori di energie fossili a quello dei nuovi santi che vogliono salvare il pianeta.

        • concordo al 100% ed aggiungo che un guadagno “secondario” è quello di mantenere la popolazione ad un livello di “ignoranza” tale da renderli facilmente governabili!

          B.