image_pdfimage_print

Di Seth Borenstein – 26 Marzo 2019

In questa foto del 19 luglio 2011, pozze di ghiaccio fuso nel ghiacciaio Jakobshavn, vicino al bordo della vasta calotta glaciale della Groenlandia. (AP Photo/Brennan Linsley)

WASHINGTON – Un grande ghiacciaio della Groenlandia che risultava una delle masse di ghiaccio e neve di maggiore ritirata sulla Terra sta crescendo di nuovo, afferma un nuovo studio della NASA.

Il ghiacciaio Jakobshavn (YA-cob-shawv-en) nel periodo del 2012 si ritirava di circa 1,8 miglia (3 chilometri) assottigliandosi di quasi 130 piedi (quasi 40 metri) all’anno. Ora ha ripreso a crescere all’incirca allo stesso ritmo negli ultimi due anni, secondo uno studio di Nature Geoscience pubblicato ieri lunedì 25 marzo 2019. Gli autori dello studio e gli scienziati che non hanno partecipato a questo studio pensano che questa ripresa sia temporanea.

Pubblicità

“È stata una sorpresa per noi. Eravamo abituati a un sistema in decrescita”, ha affermato il geologo danese e scienziato glaciologo e climatico della Groenlandia Jason Box.

Box, che non faceva parte dello studio, ha affermato che il ghiacciaio Jakobshavn è “probabilmente il più importante ghiacciaio della Groenlandia perché scarica la maggior quantità di ghiaccio fuso dell’emisfero settentrionale. Per la Groenlandia, è il principale.”

Un raffreddamento ciclico naturale delle acque dell’Atlantico Settentrionale probabilmente ha indotto il ghiacciaio a invertire la rotta, ha detto l’autore principale dello studio Ala Khazendar, un glaciologo della NASA nel progetto Oceans Melting Greenland (OMG). Khazendar e colleghi dicono che questo coincide con un capovolgimento dell’oscillazione del Nord Atlantico – un naturale e temporaneo raffreddamento e riscaldamento di zone dell’oceano che assomiglia al fenomeno di El Nino nel Pacifico.

L’acqua nella Baia di Disko, dove il Jakobshavn tocca l’oceano, è di circa 3,6 gradi più fredda (2 gradi Celsius) rispetto a qualche anno fa, hanno affermato gli autori dello studio.

Mentre questa è una “buona notizia” su base temporanea, al contrario è una cattiva notizia nel lungo termine perché dice agli scienziati che la temperatura dell’oceano è un giocatore più grande nei ritiri che nei progressi del ghiacciaio di quanto si pensasse, ha detto Josh Willis, scienziato climatico della NASA. -autore. Nel corso dei decenni l’acqua è stata e sarà riscaldata dai cambiamenti climatici causati dall’uomo, ha affermato, osservando che circa il 90% del calore intrappolato dai gas serra entra negli oceani.

“A lungo termine dovremo probabilmente aumentare le nostre previsioni di rialzo del livello del mare”, ha detto Willis.

Quattro scienziati che non hanno partecipato allo studio hanno affermato che i risultati hanno un senso.

Fonte: CTVNEWS

Pubblicità