20 luglio 2017 - 20:00 pm Pubblicato da

By  – 20. July 2017

Il record di temperatura “Real Proxy” suggerisce che il raffreddamento globale è iniziato

Un nuovo documento scientifico (Turney et al., 2017) ci da delle indicazioni, l’Oceano dell’Emisfero Meridionale ha una superficie terrestre di 14%. E secondo le misurazioni regionali della temperatura che non sono state apparentemente sottoposte a “correzioni” verso l’aumento da parte dei regolatori di dati, risulta che l’Oceano Meridionale si è raffreddato negli ultimi decenni.

L’emisfero settentrionale comprende la metà (50%) della superficie del pianeta. E secondo molte ricostruzioni della temperatura dei ricercatori che utilizzano prove proxy (nuclei di ghiaccio, anelli degli alberi, ecc.) che numerose località a nord dell’equatore, non risultano riscaldamenti nell’emisfero settentrionale fin dagli anni ’40.

L’Antartide (2,7%) e l’Oceano Indiano (14,4%) rappresentano insieme circa il 17% della superficie terrestre. Né l’Antartide né l’Oceano Indiano sono risultati in riscaldamento dagli anni Settanta, con l’Antartide che presenta una tendenza al raffreddamento.

Solo queste regioni del globo rappresentano più del 75% della superficie terrestre. Una tendenza che non risulta in riscaldamento (raffreddamento) in queste regioni negli ultimi decenni è altamente incoerente con i set di dati strumentali comunemente accettati (come dalla NOAA, NASA e HadCRUT) che mostrano una brusca tendenza al riscaldamento, soprattutto a partire dagli anni ’80.

L’evidenza delle carote di ghiaccio è più affidabile di un record strumentale adattabile?

All’inizio di quest’anno, un libro intrigante pubblicato da Steiger et al. (2017) ha contrastato il record delle temperature strumentali (che hanno mostrato drammaticamente il riscaldamento recente) con il record di temperatura a scala globale, come rivelato da prove “proxy reali” forniti dai nuclei di ghiaccio. Le ricostruzioni usando le prove proxy hanno mostrato una tendenza al riscaldamento globale durante la prima metà del ventesimo secolo e poi nessun riscaldamento netto significativo in seguito.

Steiger et al., 2017

“Attraverso diversi esperimenti di proxy idealizzati e reali, valutiamo la dimensione spaziale e temporale in cui i record di isotopi possono ricostruire la temperatura superficiale, l’altezza di geopotenziale a 500 hPa e le precipitazioni. Troviamo l’abilità nelle ricostruzioni a livello locale risultando più forti attraverso le ricostruzioni, in particolare per la temperatura e l’altezza di geopotenziale, nonché la limitata abilità non locale nei tropici. Questi risultati sono d’accordo con le opinioni che gli isotopi nei nuclei di ghiaccio hanno un valore chiaro come proxy del clima locale, in particolare per la temperatura e la circolazione atmosferica”.


È interessante notare come le tendenze globali della temperatura globale dei “reali proxy” di Steiger et al., durante l’epoca moderna sembrano allinearsi con centinaia di altre ricostruzioni regionali di proxy che attraversano la letteratura scientifica di recente pubblicazione.

Gli scienziati hanno già riconosciuto che (a)  an artificial (urbanization) warming bias of more than 0.1°C per decade existed in the post-1970s instrumental records (b) 1/3rd of the oceans hadn’t even been sampled (temperatures) yet as of the 1990s, e (c) i supervisori dei set di dati di temperatura hanno semplicemente just “made up” temperatures in places where there was no data. Pertanto, potrebbe essere possibile che le ricostruzioni di “reali proxy” siano più affidabili e autentici rispetto ai dati dei termometri corrotti dall’urbanizzazione e dalla polarizzazione?

Di seguito è riportata una compilazione di circa 65 grafici dai documenti scientifici rivisti a livello scientifico che indicano che i recenti decenni non sono più caldi (e in alcuni casi più freddi) rispetto ai set di dati strumentali che suggeriscono.

Per le grandi regioni del pianeta, il raffreddamento può essere già iniziato.


Southern Ocean (Pacific) – Cooling Since 1979


Turney et al., 2017

“Occupando circa il 14% della superficie mondiale, l’Oceano meridionale svolge un ruolo fondamentale nella circolazione dell’oceano e dell’atmosfera, il ciclo del carbonio e le dinamiche del ghiaccio antartico. … A causa delle anomalie nel vento sovrastante, le acque circostanti sono fortemente influenzate dalle variazioni nel trasporto di Ekman nord dell’acqua superficiale fresca subantartica e flussi anomali di calore sensato e latente nell’interfaccia atmosfera-oceano. Questo ha prodotto un trend di raffreddamento dal 1979.


Jones et al., 2016


Fan et al., 2014

“Il raffreddamento è evidente su gran parte dell’Oceano Meridionale in tutte le stagioni e nella media annua, con magnitudo di circa 0,2-0,4° C per decennio o 0,7-1,3° C in un periodo di 33 anni [1979-2011].”


Wei et al., 2015


Northern Hemisphere – No Net Warming Since 1940s


Büntgen et al., 2017


Schneider et al., 2015


Stoffel et al., 2015


Indian Ocean (Arabian Sea) – No Net Warming Since 1970s (1750)


Zinke et al., 2016


Munz et al., 2015


Asia – No Net Warming Since 19th Century


 

Sunkara and Tiwari, 2016


Zafar et al., 2016


Köse et al., 2017


Krusic et al., 2015


Thapa et al., 2015

“[La temperatura nell’Asia centrale e nell’Emisfero Settentrionale torna verso le tendenze di raffreddamento verso la fine del ventesimo secolo”.


Yadav, 2009

“La tendenza alla diminuzione della temperatura verso la fine del XX secolo è coerente con le tendenze osservate in Nepal (Cook et al 2003), Tibet (Briffa et al 2001) e Asia centrale (Briffa et al 2001).


Hantemirov and Shiyatov, 2002


Yan et al., 2015


Zhu et al., 2016


Li et al., 2011


Fan et al., 2009


Zhu et al., 2016

“Bisogna sottolineare che il riscaldamento rapido durante il XX secolo non era particolarmente evidente nelle nostre RLST ricostruite [temperature superficiali]”.


Li et al., 2017


South America – No Net Warming Since Mid-20th Century


Silveira and Pezzi, 2014


Elbert et al., 2013


De Jong et al., 2016

“… il periodo poco prima del 1950 fu sostanzialmente più caldo dei decenni più recenti”.


de Jong et al., 2013


Europe – No Net Warming Since Mid-20th Century


Esper et al., 2014


 Tejedor et al., 2016


Büntgen et al., 2017


Zywiec et al., 2017


Rydval et al., 2017


Matskovsky and Helama, 2015


Moreno et al., 2016


Antarctica – Cooling Since 1960s-1980s


Mayewski et al., 2017


Schneider et al., 2006


Goursaud et al., 2017

Turner et al., 2016


Miles et al., 2013


Doran et al., 2002

“L’analisi spaziale dei dati meteorologici antartici dimostra un raffreddamento netto sul continente antartico tra il 1966 e il 2000, in particolare durante l’estate e l’autunno”.


Greenland, Arctic – No Net Warming Since 1930s, Cooling Since 2005


Zhao et al., 2016


Box et al., 2009

“L’intero ciclo annuale di ghiaccio 1919-32 è il 33% in più rispetto al riscaldamento del 1994-2007”.


Kobashi et al., 2017

“Per i 10 anni più recenti (2005-2015), a parte l’anno anomalo caldo del 2010, le temperature medie annue di vertice mostrano una tendenza leggermente decrescente in conformità con il raffreddamento settentrionale del Nord Atlantico”.


Hanhijärvi et al., 2013


Iceland – No Net Warming Since 1930s-1940s


Chandler et al., 2016


Fernández-Fernández et al., 2017


Butler et al., 2013


Northern North America – No Net Warming Since 1930s


Wilson et al., 2017


Pitman and Smith, 2012


Fortin and Gajewski, 2016

“… negli ultimi 150 anni, le temperature ricostruite non indicano un riscaldamento in questo periodo”.


Viau and Gajewski, 2009


Eastern U.S. – No Net Warming Since Mid-20th Century


Tipton et al., 2016


Ellenburg et al., 2016


Christy and McNider, 2016


Soon et al., 2015


North Atlantic – No Net Warming Since 1800s…Cooling Since 2005


Rosenthal et al., 2017


Reynolds et al., 2017


de Jong and de Steur, 2016


Serykh, 2016


Li et al., 2017


Duchez et al., 2016

“Il campo delle anomalie delle SST per il mese di giugno 2015 mostra temperature fino a 2° C più fredde del normale rispetto a gran parte del giro sub-polare con valori osservati che risultano i più freddi osservati per questo mese dell’anno nel periodo 1948-2015 indicati da stippling.


Saenger et al., 2011

“Una caratteristica di rilievo di questo record è l’anomalia calda di ~ 1° C che si è verificata tra il 1930 e il 1950. … Carolina Slope SST non mostra la tendenza al riscaldamento riscontrata nell’AMO sin dagli anni ’70, suggerendo che altri fattori influenzano anche la variabilità SST al nostro sito“.


New Zealand, Australia – No Warming Trend Since 1950s


de Frietas et al., 2015


O’Donnell et al., 2016

Fonte: NoTricksZone

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(13 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...