image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 16 Aprile 2020

L’impatto radiativo della CO2 sullo strato di pelle termica dell’oceano non può penetrare più in profondità di 0,01 mm. Ciò elimina efficacemente le potenzialità per la CO2 di essere il motore del riscaldamento globale.

Secondo la scienza antropogenica sul riscaldamento globale (AGW), il 93% del riscaldamento globale si manifesta negli oceani a 0-2000 m. Solo l’1% del riscaldamento globale si manifesta come un cambiamento della temperatura atmosferica.

Image Source: IPCC (ipcc.fandom.com)

Di conseguenza, affinché le emissioni antropogeniche di CO2 siano il motore del riscaldamento globale, i cambiamenti della concentrazione di CO2 devono guidare i cambiamenti nel contenuto di calore degli oceani.

Pubblicità

Gli oceanografi Wong e Minnett (2018) sottolineano che la forzante totale di CO2 può solo esercitare un effetto radiante sui primi 0,01 mm dello strato di pelle termica dell’oceano. (I capelli umani hanno uno spessore di circa 0,06 mm.)

Image Source: Wong and Minnett, 2018

Problematicamente, la quantità di radiazione solare assorbita nello strato superiore di 0,01 mm nell’oceano è di soli 4,9 W/m².

Pertanto, le variazioni di concentrazione di CO2 possono al massimo influenzare lo 0,049% dello strato termico della pelle degli oceani globali.

Questa è la portata totale dell’impatto radiativo per la CO2 nei cambiamenti del contenuto globale di calore negli oceani.

La CO2 può pertanto essere esclusa come motore del riscaldamento globale.

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità