image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 16 Gennaio 2023

FORTI NEVICATE IN COREA DEL SUD

Solo domenica, più di 100 incidenti stradali sono stati segnalati tra forti nevicate nella provincia sudcoreana di Gangwon.

Totali impressionanti sono stati pubblicati in tutta Gwangwon e nelle province circostanti, tra cui i 55,9 cm nella cresta montuosa di Misiryeong e i 52,3 cm sulla collina di Hyangrobong.

Pubblicità

I veicoli sono rimasti bloccati per ore sull’autostrada vicino alla contea costiera di Goseong, con i conducenti che lottavano per guidare le loro auto fuori dalla neve accumulata per un certo numero di ore prima che la polizia, i vigili del fuoco e i militari venissero in loro aiuto.

Anche le strade di Sokcho e Yangyang sono rimaste bloccate.

Il governatore di Gangwon Kim Jin-Tae ha tenuto una riunione di emergenza virtuale domenica, istruendo i funzionari delle città e delle contee della provincia a iniziare “lavori a tutto campo per rimuovere la neve dalle strade”.

Guardando al futuro, sono previste temperature più fredde della media per il resto della settimana.

Le raffiche stanno colpendo anche la Corea del Nord, in particolare le regioni orientali.

Mentre più a est, la neve effetto mare si sta estendendo in Giappone, con città del calibro di Hokkaido e Honshu che si aspettano accumuli molto consistenti da domenica a martedì.


LA RUSSIA REGISTRA LA TEMPERATURA DI GENNAIO PIÙ FREDDA DAL 1982

Il freddo estremo e da record persiste in tutta la Siberia e nel più ampio continente asiatico.

Durante il fine settimana, un notevole –62.4 ° C è stato ufficialmente registrato a Tongulakh. Questo è un nuovo minimo storico per il paese, e segna anche la temperatura di gennaio più fredda della Russia dal 1982.


Anche il congelamento estremo è destinato a persistere.

In effetti, Tongulakh ha rivaleggiato con quel minimo record questa mattina (lunedì) con una lettura di -62,3 ° C; mentre Selagoncy – per scegliere un altro paese a caso – è precipitato a -61C nelle prime ore, la sua temperatura più bassa dai primi anni 1990.

I benchmark delle basse temperature sono diminuiti in tutta la Russia transcontinentale negli ultimi giorni/settimane, e sta in piedi come se questa parte del mondo avesse una copertura di stazioni simili, diciamo, all’Europa centrale, il numero di record caduti sarebbero migliaia.

E su questo argomento…


NON UFFICIALE -75 ° C

Secondo i residenti del villaggio siberiano orientale di Essey, la colonnina di mercurio è recentemente precipitata a -75 ° C

Questo sarebbe un nuovo minimo mondiale per una località al di fuori dell’Antartide; tuttavia, non esiste una stazione del Dipartimento centrale della Siberia per l’idrometeorologia e il monitoraggio ambientale (UGMS) a Essey, il che significa che la lettura non può essere verificata ufficialmente.

“Non possiamo confermare o negare”, ha riferito Dmitry Ulyanov, capo previsore di UGMS.

Le stazioni meteorologiche UGMS più vicine a Essey si trovano a un centinaio di chilometri di distanza. Ha registrato solo –53 ° C al momento del grande congelamento.

“Una fotografia di Naberezhnaya Street [mostrava] -72 ° C, e anche tre gradi più in basso – è -75 ° C”, ha detto Andrey Miroshko, residente di Essey, che è fiducioso nell’affidabilità della stazione meteorologica del suo villaggio. “Oggi si legge 64 ° C”, ha aggiunto.

Russian Climb su Twitter ha ripreso la storia:

Il villaggio di Yakut, Oymyakon – alias il “Polo del Freddo” – mantiene il minimo storico ufficiale di -71 ° C nei libri risalenti al 1926.


A SUD

Anche l’esplosione polare siberiana è scesa verso sud, toccando persino l’Oceano Indiano.

In paesi come Iran, Pakistan e Afghanistan, così come Kazakistan e Mongolia, i record di lunga data sono in calo.

Nokkundi in Pakistan, ad esempio, ha registrato un minimo di -10 ° C durante il fine settimana, che corrisponde alla temperatura più bassa di tutti i tempi mai registrata, con minimi mensili vicini/migliori anche a Pangjur (Pakistan) e Zabol (Iran).

Minimi storici sono stati fissati anche a Turkmenabat, la seconda città più grande del Turkmenistan. La sua lettura domenicale di -25,4 ° C ha superato comodamente il precedente minimo storico di -23,8 ° C fissato 123 anni fa, il 22 gennaio 1900 (Il minimo del centenario).

Mentre in India, anche la neve si è accumulata, innescando una valanga vicino a Baltal, lungo l’autostrada Srinagar-Kargil-Leh:


L’ARIA ARTICA COLPISCE L’EUROPA, CONSEGNA METRI DI NEVE

Le feroci condizioni invernali stanno devastando aree dell’Europa pochi giorni dopo che il MSM ha etichettato la stagione come un “no-show”.

La neve sta cadendo nel Regno Unito, con il Met Office che ha emesso avvisi meteorologici per neve ghiaccio mentre le temperature precipitano sotto i -15 ° C in alcune zone della Scozia.

A Rore forti raffiche di vento hanno colpito l’isola occidentale di Barra questa mattina:

Forti nevicate stanno martellando anche l’Europa continentale, con metri di neve che tagliano le quote più elevate del continente: Madre Natura sta dando ai cultisti e anti-umani che volano a Davos un cordiale benvenuto invernale (preghiamo che i loro jet privati non scivolino fuori pista).

Secondo i rapporti, le strade intorno a Davos hanno 5.000 soldati che le pattugliano, con chiunque tenti di avvicinarsi all'”evento di lobbying non governativo” controllato e preso le impronte digitali (spero che le élite sentano l’amore che Joe Public ha per loro).

I partecipanti a Davos credono che la ricchezza dia loro il diritto di controllare la direzione dell’umanità. E mentre tecnicamente – e deprimente – è vero (attraverso le loro acquisizioni di grandi imprese, i media tradizionali e i governi globali), rimane un ostacolo sulla strada delle élite: circa 8 miliardi di anime innocenti che sentono e sanno nel profondo che “qualcosa” è molto sbagliato.

Siamo circa 8 miliardi di anime in rapida riduzione (ammettiamolo, con le loro misure che iniziano a “funzionare”) ma siamo comunque un esercito forte di 8 miliardi contro solo una manciata di élite viziate, e dovrebbero sapere che la corda è economica da trovare, con forche facili da montare.

La solita ipocrisia è in mostra quando Re Klaus e la sua allegra banda di imbroglioni si fanno strada in una sonnolenta cittadina svizzera, annunciando visivamente “fai come diciamo, non come facciamo” mentre colpiscono le passerelle e gli eliporti – ipocrisia che i cagnolini dei media tradizionali e gli allarmisti sicofantici trovano sospettosamente facili da ignorare.

Esilarante, ciò che sta arrivando al seguito con la cabala globale è neve pesante e distruttiva:

E c’è molto di più da dove proviene:

Nevicata totale GFS (cm) 16 gennaio – 1 febbraio (tropicaltidbits.com).

Tutta questa neve aumenterà solo la massa dell’emisfero settentrionale nei prossimi giorni e settimane, massa totale che è già, a partire dal 13 gennaio (l’ultimo datapoint), al di sopra non solo della media 1982-2012, ma anche della deviazione standard:

FMI

La copertura storica in tutta l’Asia sta rafforzando il manto nevoso NH di questa stagione, così come gli accumuli estesi, persistenti e da record registrati negli Stati Uniti occidentali.

Il manto nevoso della California, ad esempio, ha superato gli 8 metri e mezzo, superando il precedente massimo storico dello stato per il periodo dell’anno. In alcuni punti, i totali coprono persino le finestre del secondo piano, trasformando le case in igloo.

“Spaleremo per mesi”, così ha detto Clark Tapia, proprietario di Old Faithful Property Management che ha un gruppo di 30 uomini che lavorano ventiquattro ore su ventiquattro, e, come vediamo in Europa e in Asia, c’è molto di più sulle carte:

GFS Total Snowfall (pollici) 16 gennaio – 1 febbraio (tropicaltidbits.com).


RAFFREDDAMENTO AUSTRALIA

E infine, l’Australia si sta raffreddando, secondo i satelliti – ad un tasso di -0,132 ° C per decennio dal 2013:


Questo suona con ciò che stiamo vedendo a livello globale, almeno attraverso i dati satellitari – non necessariamente gli offuscamenti mainstream che inclinano l’UHI e guidano l’agenda (più su quelli sotto) – con temperature per l’atmosfera globale inferiore attualmente pari a soli 0,05 ° C sopra la linea di base multidecennale, che è in calo significativo rispetto al picco del 2016.

Come discusso dal Dr. Roy Spencer, che ha recentemente condotto un’analisi approfondita (linkata qui): “Sono convinto che ci sia un riscaldamento spurio nei dati di temperatura [a causa dell’effetto isola di calore urbana (UHI)]” – cioè ciò che l’establishment ha etichettato come una “tendenza al riscaldamento globale” è in realtà il risultato dell’ubicazione selettiva delle stazioni di temperatura/raccolta dei dati e dell’espansione delle aree urbane.

Non c’è riscaldamento globale, per non parlare di alcuna “emergenza climatica”.

La Terra si sta raffreddando.

L’AGW è una truffa che limita la prosperità e induce la povertà.

Svegliatevi.

Fonte : ELECTROVERSE

Pubblicità